Aprile 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Perché l’Italia può ritirarsi dall’alleanza con la Turchia?

Perché l’Italia può ritirarsi dall’alleanza con la Turchia?

A pochi mesi da Euro 2024 in Germania (14 giugno – 14 luglio), alcuni paesi stanno lavorando dietro le quinte per pensare all'organizzazione delle prossime due edizioni, questo è soprattutto il caso dell'Italia, co-organizzatore con la Turchia in Euro 2032. , si entra in una fase di crisi d'allarme a causa del ritardo di molti dossier. Lo scorso luglio, la Confederazione Italiana Calcio (FIGC) e la Federcalcio Turca (TFF) hanno annunciato un'offerta congiunta per ospitare il Campionato Europeo nel 2032. L'Unione delle associazioni calcistiche europee (UEFA) ha poi annunciato ufficialmente la vittoria italo-turca. Bando di gara di ottobre: “UEFA EURO 2032 si svolgerà in Italia e Turchia a seguito di una decisione presa dal Comitato Esecutivo UEFA questa settimana. Esprimiamo la nostra gratitudine alla UEFA per aver concesso l'onore di co-ospitare UEFA EURO 2032 a due paesi che condividono una cultura mediterranea. La Confederazione Italiana Calcio (FIGC) e la Federcalcio Turca (TFF) hanno unito le forze per ospitare il miglior EURO. Costruire nuovi ponti di amicizia e dare un contributo duraturo all’eredità del calcio è accaduto raramente”..

Il resto è dopo questo annuncio

Due meravigliosi paesi dalla forte cultura calcistica, con grandi rivalità sportive (Milan/Inter, Lazio/Roma, Juventus/Torino, Fenerbahçe/Galatasaray…) che, senza dubbio, dovrebbero organizzare una bella festa per accogliere al meglio Europei. Selezioni per un mese di intensa competizione:“Entrambe le associazioni utilizzeranno la competizione per raggiungere più bambini attraverso campi e centri di sviluppo, promuovere l'inclusione e un percorso chiaro nello sport per i giovani svantaggiati, fornendo al contempo sostegno sociale e aumentando i collegamenti tra scuole e club dilettantistici”. Sfortunatamente, mentre la Turchia sta andando bene, l’Italia è molto indietro, e questa questione più ampia andrà oltre il semplice quadro del calcio e diventerà un affare di stato ripreso dal governo del Primo Ministro italiano Giorgia Meloni. Diario di Repubblica Prendere una decisione rischiosa: “Un Paese da sessanta milioni di allenatori, ma con gli stadi più antichi d'Europa. Anni luce indietro rispetto a Inghilterra, Francia, Germania, Spagna e Turchia. Se Belbase non è pronta per questo evento con almeno cinque stadi di scala europea, il resto del mondo rischia di rendersi ridicolo.. Anzi, è proprio su questo punto che la Federazione Italiana ha un problema…

leggere
Germania: Adidas vieta di stampare numeri che assomigliano a simboli nazisti

Obsolescenza degli stadi italiani

Entrambi i paesi hanno proposto 20 stadi, di cui 10 (cinque per paese) saranno selezionati dalla UEFA per ospitare il torneo entro ottobre 2026. Nel bando di gara la FIGC ha proposto dieci stadi, tra cui lo Stadio San Siro – Giuseppe Mezza del Milan. (La sua demolizione fu infine annullata con un progetto più ampio per costruire due stadi in periferia), lo Stadio Olimpico di Roma, lo Stadio San Nicola di Bari, lo Stadio Diego Armando Maradona di Napoli e lo Stadio Artemio di Firenze sono passati dallo Juventus Stadium. A Torino, lo Stadio Luigi Ferraris di Genova, lo Stadio Marcantonio Pentecodi di Verona, lo Stadio Renato dal Ara di Bologna e lo Stadio Sant'Elia di Cagliari. Alcuni di questi relatori hanno nomi altisonanti che fanno sognare un gran numero di mecenati stranieri. La verità è molto meno piacevole. In questa lista, infatti, dovrebbero figurare quattro stadi da ristrutturare e tre nuovissimi. Ad aprile 2024 non è avvenuto assolutamente alcun progresso o, in alcuni casi, non è mai iniziato. Peggio ancora, c'è un solo stadio in tutta Italia che sarebbe pronto ad ospitare gli Europei se la competizione iniziasse domani, rispettando gli standard UEFA: la Juventus. Per altri, nessuna recinzione nel paese rientra ufficialmente nei parametri. Preoccupante, molto preoccupante, soprattutto quando la situazione sembra bloccata. Nell'ottobre 2026, un dossier per cinque stadi italiani per Euro 2032 dovrà essere presentato al presidente della UEFA Aleksandar Ceferin come parte del primo grande evento calcistico italiano dai Mondiali del 1990, sebbene l'organizzazione stia lavorando con la Turchia. .

Una partnership preoccupa anche alcuni funzionari pubblici. Ha accettato di condividere il palco con il cupo presidente turco Recep Tayyip Erdogan. “Sacrificio forzato” Secondo una parte della società italiana bisognerebbe garantire che Ankara non rimanga indietro rispetto all'Italia in termini di infrastrutture pronte e di fondi disponibili per l'azienda. L'Italia non può sopportare la delusione di essere stata esclusa da questa gara poiché nessun organizzatore ha mai mancato di soddisfare gli standard UEFA. Ciò getterà un’ombra preoccupante sulla credibilità del Paese al di là del gioco. Lo riferisce un documento confidenziale diffuso dal quotidiano Repubblica, richiederà un investimento di 4 miliardi di euro per ammodernare gli stadi del Paese. Le società sportive, molte delle quali già indebitate, non vogliono pagare né il governo né la Maloney. In Italia il 93% degli stadi è di proprietà dei Comuni, solo il 4% è di proprietà dei club italiani. Una figura che illustra la complessità di svincolare denaro pubblico o privato per avviare il principio di lavoro principale di queste recinzioni.

Freno a mano di Georgia Meloney

Per un paese come l’Italia, quattro volte campione del mondo e due volte campione d’Europa, manca il treno di questa organizzazione che, da più di 30 anni, orgogliosa di beneficiare della più bella storia del calcio europeo, pretende già un grande torneo in casa guarire i dolori e le ferite di due sconfitte consecutive in Russia 2018 e Qatar 2022. Una vergogna per la reputazione sportiva di una nazione in difficoltà. Gli stadi italiani sono tra i più antichi del continente e anche San Siro attualmente non soddisfa gli standard richiesti per ospitare un grande torneo internazionale. In questa situazione, il governo di Giorgia Meloni ha già chiarito che non ci saranno grandi investimenti: il governo italiano ha annunciato che metterà dei soldi. La Figc, promotrice della candidatura italiana, si trova attualmente in un vicolo cieco amministrativo ed economico senza soluzione. Nel luglio 2023 è stata organizzata la prima riunione del Comitato Interdisciplinare dal Ministro dello Sport, Andrea Abodi, che ha visto nel convegno uno strumento di confronto e riflessione. La questione degli stadi in Italia in vista di Euro 2032 è stata posta sul tavolo dal presidente della Confederazione Gabriele Gravina, che ha concluso dichiarando: “Il governo non è disposto a stanziare risorse significative per rifare gli stadi”. Quando l’Italia presentò la sua offerta alla UEFA per ospitare Euro 2032, il costo stimato era di circa due miliardi di euro, compresa la ristrutturazione di dieci stadi da ammodernare e i lavori accessori per migliorare le strade e i trasporti.

Se l’ex premier Mario Draghi ha annunciato di essere pronto a chiedere in prestito fino a due miliardi di euro per ammodernare stadi e trasporti, per Giorgia Meloni non è così. Nell'offerta congiunta il budget è stato chiaramente dimezzato, a circa un miliardo di euro per i cinque stadi. Una cifra che sarebbe difficile da coprire da parte dell’attuale governo. Il suo scopo è sostenere i comuni e i club che progettano di costruire nuovi stadi o ammodernare quelli esistenti nell'ambito di processi di riqualificazione urbana. “L'approccio del modello che portò lo Stato a investire direttamente negli stadi dei Mondiali del 1990 è completamente diverso. Abbiamo già creato un tavolo tecnico con i rappresentanti dei due ministeri e ci siamo incontrati in più occasioni. L'obiettivo è quello di configurare un portafoglio di opportunità favorevoli al processo di ammodernamento dei nostri stadi, a partire dai candidati ad ospitare il programma italiano per l’Europeo 2032.Il ministro dello Sport Andrea Abodi ha spiegato di non essere contraria all'idea di nominare un commissario incaricato di garantire il coordinamento dei diversi iter amministrativi.

Italia e UEFA attendono ulteriori azioni

I prossimi mesi saranno decisivi, perché nulla impedisce alla UEFA di chiedere il ritiro dell'Italia e di permettere alla Turchia di viaggiare da sola. Il governo italiano potrebbe esercitare pressioni sulla Figc. La Turchia in particolare ha stadi nuovi e moderni, collegamenti veloci con le città, uno dei migliori aeroporti d'Europa a Istanbul e un'incredibile voglia di monopolizzare la luce. La UEFA attende ora una risposta chiara dall'Italia: un dossier scritto in quattro volumi, il cui contenuto essenziale riguarda nel dettaglio la situazione di alcuni stadi italiani. Ognuno di questi volumi di centinaia di pagine contiene l'offerta italiana per l'organizzazione congiunta di Euro 2032. La UEFA richiede almeno quattro requisiti: strutture e capacità in linea con gli standard UEFA. Spazio di accoglienza adeguato. Spazio mediatico e coinvolgimento della città con aree dedicate alle fan zone, collegamenti rapidi alle strutture, trasferimenti rapidi agli aeroporti e trasporti efficienti. Tutti componenti su cui investire. Entro ottobre 2026 l’Italia deve garantire cinque stadi con progetti approvati, finanziati e pronti per il 2032.

Sullo sfondo c'è un altro grosso problema: l'impasse tra i vari partiti politici italiani, ma anche i vertici dei club coinvolti, alcuni dei quali più ostinati negli affari, come Aurelio De Laurentiis o Claudio Lattito. In diverse città dei nuovi stadi si è discusso a volte con accesi dibattiti e in alcuni casi con processi da parte di magistrati che hanno fermato tutto per corruzione, come a Roma. Lo scorso ottobre la Procura ha chiesto la condanna dei 22 imputati nel corso del massimo processo allo stadio della Roma, che doveva sorgere a Tor di Valle, e la sentenza è attesa a breve. Le dispute politiche sono già iniziate in diverse città ospitanti. La Lega Nord sta facendo pressione sul governatore Luca Zaia per aggiungere Verona alla lista. Firenze è stata la stessa cosa sotto la pressione di Giovanni Doncelli dei Fratelli d'Italia (autorità italiana di estrema destra). C'è conflitto con il Partito Democratico (Sinistra Italiana) delle città di Napoli e Bari, che il governo di Giorgia Meloni vuole tenere fuori dal dossier di candidatura. L’Italia ha ancora tempo per risolvere tutti i suoi problemi, ma dietro Euro 2032 si sta verificando un bel po’ di caos politico-economico. E la Turchia si sta semplicemente fregando le mani…

Pub. IL
Ridiamo