Dicembre 6, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Perché la NASA sta lanciando una missione di deviazione degli asteroidi?

Quando leggiamo le parole “missione di difesa planetaria” e “deliberatamente si è schiantato in a asteroide Per farlo deviare, i nostri occhi si sono subito illuminati. Con, in un angolo della sua testa, una foto di Bruce Willis e Ben Affleck in disastro, disposti a sacrificare la propria vita per salvare la terra. La realtà è ovviamente un po’ meno eccitante, e nessuno se ne andrà per cinque minuti dopo aver mangiato il croissant e tornerà quella sera. Vi raccontiamo tutto dell’esperienza
NASA.

Scopri come evitare potenziali pericoli

Primo, non c’è un enorme asteroide diretto verso di noi per spazzare via tutta la vita sulla Terra, diciamocelo. Anche tra i “2.300 oggetti potenzialmente pericolosi identificati, nessuna probabilità è maggiore di 1 su 10.000 potenzialmente pericolosi”, afferma Frances Rocard, un’astrofisica responsabile del Programma di esplorazione del sistema solare a CNES. Il progetto realizzato dalla NASA è in realtà un test, volto a “convalidare la tecnologia di difesa planetaria”, nel caso la situazione cambiasse.

L’agenzia spaziale statunitense invierà a quanto pare il satellite DART su Demorphos, una “sorta di piccola luna” con un diametro di 160 metri che orbita attorno a un asteroide più grande, Didymos, con l’obiettivo di “stimare l’entità della sua deflessione”, spiega Patrick Michel, direttore della ricerca del Centro nazionale per la ricerca scientifica presso l’Osservatorio della Costa Azzurra.Per dare un’idea, se Demorphos dovesse scontrarsi con Parigi, “distruggerebbe la città” e distruggerebbe la regione, immagina.DART è programmato per il lancio il 23 novembre alle 22:20 PST, per la collisione dieci mesi dopo.

Perché questo obiettivo? Innanzitutto perché “gli effetti delle deviazioni sono più facili da quantificare”, nota Francis Rocard, dato che Demorphos orbita attorno a Didimo in sole 12 ore mentre sarebbe necessario attendere una rivoluzione completa (e complessa) del “principio dell’asteroide” attorno al Soleil A differenza di quello. Misurando dopo 100 cicli, sarebbe stato meglio puntare alla luna.

READ  Orange mette fine a Femtocell, vede UFC-Que Choisir "un passo indietro per migliaia di abbonati"

Ma anche perché «è meglio incastrare un sassolino intorno all’altro che un sassolino grande che gira intorno al sole», dice Patrick Michel. Questo esperimento è il primo del suo genere, e deve essere “convalidato da simulazioni fatte in laboratorio” per aggiungere collisioni satellitari all’arsenale di armi disponibili (con esplosione nucleare e trazione gravitazionale, più lente) per evitarci. Impatto con un grande asteroide nel D-day “La buona notizia è che nessuno scenario ci metterà a rischio”, aggiunge.

Hera, la prossima missione

Quindi, inevitabilmente, ci sono molte incognite, a cominciare dalla formazione dei Dimorphos. Francis Rocard riassume: “Se l’asteroide fosse solido, il cratere sarebbe grande e la deflessione sarebbe massima, ma se fosse ‘morbido’ o costituito da un cumulo di macerie, sarebbe invertito”. Tuttavia, non è sempre facile prevedere questi dati in condizioni di bassa gravità. Per la sua valutazione, la missione HERA guidata da Agenzia spaziale europeaArriverà “sulla scena del crimine” nel 2026, secondo le parole di Patrick Michel, direttore scientifico della missione.

“Quello che stiamo cercando di determinare è la quantità di movimento trasferito”, spiega. In altre parole, la quantità di energia emessa da un satellite di 600 kg alla velocità di 6 km/s può essere trasferita su un sassolino più grande della Statua della Libertà che galleggia inspazio. Se il foro è grande e il materiale viene espulso verso il punto da cui proviene il DART, il satellite avrà aumentato il suo impatto. “Rivela l’efficacia della missione molto più che cambiare la velocità di rivoluzione” della luna, Demorphos presumibilmente orbitando 10 minuti più velocemente attorno a Didimo dopo la collisione.

READ  Nuove carenze all'orizzonte, Pixel 6 più economici e robot Amazon di pattuglia