Ottobre 18, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Per contrastare Amazon, “prezzo minimo” per le spese di spedizione sui libri

Di fronte alla potenza delle piattaforme di e-commerce, i librai potranno senza dubbio reagire ad armi pari, o almeno riequilibrare un po’ la bilancia. Mercoledì sera, i deputati hanno ampiamente adottato la proposta La legge “mira a migliorare l’economia del libro e a promuovere la giustizia tra i suoi attori”. Ora è tornata al Senato, dove è stata effettivamente adottata, a giugno, dopo essere stata presentata da Laurie Darcus, senatrice (gratuita!) di Eason. La legge, che alcuni chiamano la “Legge Anti-Amazzonia”, è destinata principalmente ad essere approvata Tariffa minima di consegna per la vendita di libri online.

“Amazon e altri grandi gruppi come Fnac o Cultura, eludono l’obbligo di consegnare le fatture, addebitando 0,01 euro sulle spese di spedizione”, spiega Geraldine Pannier, vice LREM per Mayen, relatore legale dell’associazione. Le piccole librerie indipendenti non possono addebitare un prezzo così basso. In effetti, è più economico acquistare un libro da Amazon che acquistare il sito di un libraio indipendente. Per il parlamentare si tratta di aggirare la “Legge Lange”, in vigore dal 1981, che fissava l’unico prezzo del libro.

Tale tariffa, fissata per decreto, sarà attuata nel corso del prossimo anno.

Fissare una tariffa minima di diversi euro è equilibrio L’equilibrio di potere tra biblioteche e piattaforme di e-commerce. “Lavoreremo per ridurre la distorsione della concorrenza”, sottolinea Geraldine Banyer. Anche questo dovrebbe favorireExpand du «click and collect», che rimarrà gratuito, incoraggiando gli amanti dei libri a visitare le librerie invece di pagare costi di spedizione esorbitanti. » Circa il 20% dei libri venduti viene consegnato a casa tua.

Questa tariffa minima, fissata con decreto, sarà offerta da Arcep (l’autorità di regolamentazione per le comunicazioni elettroniche, i servizi postali e la distribuzione dei giornali), Bercy e il Ministero della Cultura. In ogni caso, la procedura verrà espletata, nella migliore delle ipotesi, solo entro il prossimo anno. Sarebbe più intelligente negoziare una tariffa ridotta per la spedizione di un libro, piuttosto che un minimo. “Un piccolo libraio potrebbe non avere i mezzi, dopotutto, per pagare la spedizione”, afferma Mark Borderer, ex co-fondatore di Amazon e presidente di Lireka, una nuova piattaforma specializzata nell’invio di libri francesi all’estero… spese di spedizione. . Secondo il Syndicat de la librairie française (SLF), il costo dell’invio di un libro è compreso tra 6,5 ​​e 7 euro per i librai.

READ  Banca online: come ottenere 320 euro aprendo un conto gratuito?

Fnack accoglie con favore il passaggio a un “consumo più responsabile”

Amazon è stato preso di mira direttamente, il che è stato pesantemente criticato Durante il periodo di contenimento nella primavera del 2020, quando le sue vendite sono esploseCrede che la legge “punirà la distribuzione di libri sulle nostre terre”, ha scritto Frédéric Duval, il suo direttore in Francia, in un simposio pubblicato martedì alla stampa. Più della metà dei libri acquistati su Amazon sono acquistati da residenti di comuni con meno di 10.000 abitanti e più di un quarto da residenti di comuni con meno di 2.000 abitanti. Per loro l’acquisto online è spesso l’unica soluzione possibile, continua. (…) Se questo disegno di legge verrà adottato, dovranno affrontare una semplice alternativa: leggere di meno o subire una perdita di potere d’acquisto. “

Fnack afferma di ribadire il suo “pieno sostegno” al testo, che è un passo verso “un consumo più responsabile e un lavoro per l’ambiente”, poiché mira a ridurre gli invii postali. “Questa legge, finiamo con la dirigenza della Fnac, Costituisce un insediamento storico sostenuto da tutti gli attori della distribuzione di libri con punti vendita fisici. “