Marzo 2, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Per chiudere il caso “Helvet Immo”, BNP trova una soluzione amichevole che potrebbe costarle fino a 600 milioni di euro

Per chiudere il caso “Helvet Immo”, BNP trova una soluzione amichevole che potrebbe costarle fino a 600 milioni di euro

Dopo essere stata dichiarata colpevole in appello nel caso “Helvet Immo”, quei prestiti tossici contratti in franchi svizzeri e rimborsati in euro, la BNP ha raggiunto lunedì un accordo con l'associazione dei consumatori CLCV.

pubblicato


Tempo di lettura: 2 minuti

Documento Immo BNP Paribas Hell.  (qual è il motivo)

Si chiude così il caso HelvetEmo, una lunghissima storia di prestiti tossici concessi da Citylem, filiale di BNP Paribas. Quasi 4500 persone avevano preso in prestito denaro in franchi svizzeri e poi lo hanno dovuto restituire in euro. Lunedì 1 è stata raggiunta una soluzione amichevoleLui è Gennaio con l'associazione dei consumatori CLCV. Secondo i calcoli di France Info, BNP Paribas dovrebbe pagare tra i 400 e i 600 milioni di euro.

“Helvet Immo” è un prestito di investimento locativo esentasse commercializzato da BNP Paribas Personal Finance, conosciuta come Cetelem, negli anni 2008-2009. Questo contratto aveva una particolarità: era denominato in franchi svizzeri ma pagabile in euro. Il problema è che nello stesso periodo è scoppiata la crisi dei mutui subprime. A causa di questa grave crisi finanziaria, l’euro si è deprezzato rispetto al franco svizzero. Pertanto, gli importi da pagare aumentarono notevolmente e i contratti divennero delle fosse finanziarie.

Il caso è continuato in tribunale. Quasi 4.500 clienti hanno sporto denuncia, con il sostegno dell'associazione dei consumatori CLCV, che dal 2015 si costituisce parte civile. Il procedimento penale si è concluso: a fine novembre 2023 la banca è stata dichiarata colpevole in appello di pratiche commerciali ingannevoli e ricettazione , perché ha nascosto i rischi connessi al suo prestito.

READ  Per contrastare Amazon, "prezzo minimo" per le spese di spedizione sui libri

Tutti i contratti di prestito previsti da questo accordo sono stati annullati

È stata condannata ad una multa massima di 187.500 euro e, soprattutto, a un risarcimento per decine di milioni di euro. L'importo totale non è noto perché a novembre mancavano ancora documenti nei fascicoli di diverse centinaia di denuncianti. Un nuovo esame è previsto per la fine di aprile 2024. Inizialmente la dotazione era stata aumentata a 130 milioni di euro. Parallelamente a questo procedimento penale, CLCV ha intentato una causa civile per porre fine alle clausole abusive, nonché un’azione legale collettiva nel 2016.

Pertanto la banca ha preferito sospendere le commissioni. È stata raggiunta una soluzione amichevole, ha annunciato lunedì 1 gennaio in un comunicato stampa l'Associazione dei consumatori: “BNP Paribas Personal Finance si impegna a fornire una soluzione a tutti i mutuatari nei prossimi mesi.”. L'accordo prevede inoltre la risoluzione di tutti i contratti di prestito. Da allora non è più possibile che si verifichi uno scandalo del genereLa legge lo vietaDa luglio 2013, per ottenere un prestito in valuta estera.