Marzo 2, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Danone vende due marchi e la pulizia del portafoglio è stata completata

Danone vende due marchi e la pulizia del portafoglio è stata completata

Vendendo due dei suoi marchi di latticini biologici negli Stati Uniti, il gruppo ha più o meno raggiunto l'obiettivo di vendere il 10% dei suoi asset. Crescono le aspettative per una strategia di crescita esterna più aggressiva quest’anno.

Dopo aver annunciato il desiderio di disinvestire quasi un anno fa, Danone ha completato questo fine settimana la vendita di due dei suoi marchi di prodotti lattiero-caseari biologici negli Stati Uniti, Horizon Organic e Wallaby. Conosciuto oltreoceano per la sua crema di caffè, yogurt, formaggio e burro, il gruppo sarà venduto al fondo statunitense Platinum Equity, che gestisce asset per 47 miliardi di euro, per una somma non resa nota, ha annunciato il gruppo martedì mattina. Con un fatturato di poco più di 800 milioni di euro (il 3% delle vendite totali di Danone), questi due marchi sono stati ereditati dall'acquisizione di grande valore da parte di Danone nel 2017 del colosso vegetale WhiteWave Organic.

Ma in un contesto meno prospero, i prodotti lattiero-caseari di base (latte, yogurt, ecc.), anche quelli etichettati come biologici, hanno faticato a raggiungere tassi di redditività di gruppo. Il che basta per inserirlo in cima alla lista degli asset non strategici da vendere. Questo è stato uno dei principali strumenti di risanamento individuati da Antoine de Saint-Afrique, amministratore delegato di Danone, durante la presentazione del suo piano strategico nel marzo 2022. Quest'ultimo ha stimato la portata di queste attività in circa un miliardo di euro. .

Horizon Organic e Wallaby non fanno parte dei settori di crescita prioritari di Danone», spiegò allora il capo del colosso noto per i suoi marchi Danette, Danone, Alpro, Activia e Actimel.
Questa vendita (…) ci consentirà di concentrarci maggiormente sul nostro portafoglio di marchi forti e incentrati sulla salute e di reinvestire nei nostri settori di crescita prioritari.», ha aggiunto martedì il leader.

READ  Made.com sarà acquistato da Next Group, licenziati 400 dipendenti

Anche se il gruppo non vieta ulteriori vendite di asset non strategici – o il trasferimento di opportunità – questa nuova mossa gli consente di raggiungere l'obiettivo di ridurre del 10% il suo portafoglio di investimenti costituito da attività non prioritarie. Una volta completata la vendita negli Stati Uniti, il tasso di interesse sarà del 9%.

La strada verso la ripresa

Dall’arrivo del suo nuovo leader, poco più di due anni fa, Danone ha fatto proprio questo Parzialmente separato dalle sue acque in Argentina 18 mesi fa ha interrotto definitivamente i suoi rapporti finanziari con la società cinese Mengniu, specializzata in prodotti lattiero-caseari.

Pochi mesi dopo, nell’autunno del 2022, Danone annunciò di voler vendere i suoi asset lattiero-caseari e impiantistici in Russia (5% del suo fatturato). L'uscita si è trasformata in un grattacapo dopo la nazionalizzazione forzata da parte di Mosca, lo scorso luglio, degli asset russi del gruppo francese. All'inizio di dicembre, il gruppo ha finalmente avviato trattative esclusive con l'italiana Ferrero per la vendita del suo marchio di biscotti Michel & Augustin, un segmento anch'esso non strategico poiché Danone ha abbandonato la divisione nel 2007 con la vendita del famoso Luàl American Kraft. Il cibo vale 5,3 miliardi di euro

Insieme al rilancio dell’innovazione e all’attenzione alle operazioni, questa pulizia del portafoglio sta cominciando a dare i suoi frutti. Dall'autunno, i volumi di prodotti lattiero-caseari e vegetali di Danone (53% della sua attività) sono migliorati lentamente, limitando il loro calo tra il 2 e il 3% entro un anno. Il gruppo, aiutato dai precedenti aumenti dei prezzi per compensare l’inflazione dei costi, è tornato a crescere per sette trimestri.

READ  BYD lancia ufficialmente le sue auto elettriche in Francia

Una rivoluzione silenziosa

Il gruppo ha fatto molta strada in questo percorso di ripresa, che gli ha dato tempo fino al 2024-2025, e ora può essere più aggressivo nelle acquisizioni e nella crescita redditizia. Il punto tanto atteso dai mercati è appena iniziato, anche se gli investitori hanno già accolto con favore un ritorno in migliore forma per Danone con un aumento delle azioni di quasi il 20% nel 2023. Queste prime pietre miliari sono state fissate, presenterà Antoine de Saint-Afrique i dettagli in primavera, le preferenze per la crescita esterna e le modalità per accelerare la ripresa del gruppo.

Fin dal suo arrivo, l'architetto della rivoluzione silenziosa di Danone non ha nascosto le sue ambizioni per il gruppo nel campo della salute o in regioni in cui è ancora sottorappresentato, come l'Africa o l'India. Ad aprile Danone ha acquistato una piccola azienda di assistenza domiciliare e nutrizione in Polonia (Promedica). Prima di investire 50 milioni di euro, sempre in Polonia, Presso la fabbrica locale di nutrizione medica a Opole. Forse è il precursore di un anno 2024 più clemente dopo le cure dimagranti degli ultimi due anni.