Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Padre Frank Pavone si è trasformato in uno stato laico

Padre Frank Pavone si è trasformato in uno stato laico

Padre Frank Pavone, rinomato attivista pro-vita e direttore nazionale di Priests for Life America, Calcio Il suo clero dichiara per “comunicazioni blasfeme sui social media” e “costante disobbedienza alle indicazioni legali del suo vescovo diocesano”.

In una lettera del 13 dicembre ai vescovi degli Stati Uniti, l’arcivescovo Christophe Pierre, nunzio apostolico negli Stati Uniti, ha scritto che il Presidente del Clero ha emesso la decisione il 9 novembre, aggiungendo che “non c’è possibilità di appello”.

“Padre Pavone ha avuto ampie possibilità di difendersi nei procedimenti ecclesiastici, e ha avuto anche molteplici opportunità di sottomettersi all’autorità del suo Vescovo diocesano”. “È stato stabilito che padre Pavone non aveva alcuna ragionevole giustificazione per le sue azioni”.

Tuttavia, Pavone ha detto di non essere stato informato della sentenza vaticana.

Non si sa esattamente in quale diocesi sia detenuto. Sul sito web di Priests for Life, afferma di aver ricevuto dal Vaticano nel 2019 il permesso di trasferirsi dalla diocesi di Amarillo, in Texas, dove è stato imprigionato nel 2005, a un’altra diocesi senza nome. Pavone ha ospitato “Defending Life” su EWTN per molti anni fino a quando il vescovo di Amarillo, Texas, ha revocato a Pavone il permesso di apparire sulla rete.

Priests for Life ha sede nello Stato di New York e ora ha sede a Titusville, in Florida, nella diocesi di Orlando. Pavone è direttore nazionale dell’organizzazione pro-vita dal 1993. Pavone era in disaccordo con il vescovo Patrick J. Commento cancellato dal Vaticano.

Pavone è stato un schietto sostenitore di Donald Trump, ha ricoperto posizioni ufficiali nella campagna Trump nel 2016 ed è stato co-presidente della Trump 2020 Pro-Life Coalition, nonché membro del Catholic Advisory Council di Trump. Il diritto canonico vieta al clero di prendere parte attiva ai partiti politici a meno che non ottenga il permesso dal proprio vescovo. Nel novembre 2016, Pavone ha girato un video presso la residenza dei Priests for Life, sollecitando il sostegno a Trump. Il video è stato girato con il cadavere di un bambino abortito posto davanti a Pavon su quello che sembra essere un altare. Il vescovo Zurek ha detto poco dopo la pubblicazione del video che avrebbe aperto un’inchiesta sull’incidente, descrivendolo come “contrario alla dignità della vita umana” e “una profanazione dell’altare”, aggiungendo che “l’opera e la presentazione di padre Pavone in questo incidente. Il video è incoerente con le credenze della Chiesa cattolica.” .

READ  A Dnipro continuano le operazioni di ricerca e sale il bilancio delle vittime, dopo che un edificio è stato bombardato

sul suo sito webPavone descrive in dettaglio il suo resoconto di ciò che è accaduto nel video. Ha anche pubblicato una trascrizione di ciò che ha detto nel video.

“La maggior parte delle critiche riguardava la messa di un bambino su un ‘altare’ e alcuni hanno ricevuto lamentele tecniche su cosa fare o non fare all’altare. Ma nella misura in cui vogliono diventare tecnici, posso farlo anch’io, e ho indicato fuori che questo era un tavolo nel nostro ufficio, non un altare sacro in una chiesa.

“Questo tavolo, a volte utilizzato per il pubblico, è stato anche il luogo in cui sono stati creati tutti i miei video per questa serie educativa di programmi elettorali”. “Più tardi, avrei dovuto girare il video del bambino in una posizione diversa per evitare confusione all’inizio.”

Pavone ha scritto che i resti del bambino gli sono stati consegnati per una degna sepoltura, cosa che ha detto dopo che il video è stato girato.

Pavone si è dimesso dalla sua posizione sulla campagna per la rielezione di Trump del 2020 per volere dell’autorità della chiesa. Ma ha continuato a utilizzare le sue piattaforme di social media per difendere Trump e condannare il Partito Democratico.