Luglio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Nella scienza, il numero delle donne è ancora sproporzionato

Nella scienza, il numero delle donne è ancora sproporzionato

A parità di tempo, solo il 29% dei ricercatori Scienziati Sono donne, secondo il rapporto del Ministero dell’Istruzione Superiore e della Ricerca Scientifica pubblicato nel 2020. In generale, rappresentano ScienzeIl 40% sono professori e ricercatori universitari, il 33% sono addetti alla ricerca e sviluppo e il 20% sono professori universitari. Come spieghiamo questi risultati? Ma soprattutto, come invertire questa tendenza? Ecco alcuni spunti di riflessione.

Differenze rispetto al liceo

Secondo l'Associazione federale nazionale degli studenti universitari scientifici (Afneus), questo divario è destinato ad ampliarsi Scuola superiore. Negli ultimi anni, infatti, le ragazze si sono rivolte sempre meno ai campi scientifici. Si tratta di una tendenza emersa a partire dal 2018 con la riforma dell’ex ministro Educazione nazionale Jean-Michel Blanquer. “Nel 2021, la percentuale di ragazze che hanno scelto la matematica come opzione principale è solo del 38,6%, in calo di circa 10 punti rispetto al 2019 e inferiore rispetto al 1994”, spiega Anil Jattu, presidente di Afneus, nella cartella stampa del Women 2022 Women. nella conferenza scientifica.
Anche se l’insegnamento della matematica tornasse obbligatorio dall’inizio dell’anno scolastico 2023 nel Common Core per gli studenti del primo anno, ciò non sembra sufficiente. “Queste ore e mezza di matematica vengono aggiunte specificatamente al programma per gli studenti che non stanno più studiando matematica, in un nucleo comune che in realtà non è più comune. La matematica delle frazioni è più della conciliazione che desidera il Ministero! », si riferisce, da parte sua, al Gruppo Matematica e Scienze, che vuole riequilibrare il nucleo comune a favore della scienza, in un articolo pubblicato nell'ottobre 2023 sulla rivista ricerca.

Modelle dimenticate

Stessa constatazione nell’istruzione superiore, dove le donne sono ancora largamente sottorappresentate nei corsi scientifici: il 41,3% secondo i dati 2021 diffusi dal Dipartimento di previsione e valutazione delle prestazioni (DEPP) per l’inizio dell’anno accademico 2020. Nel dettaglio, le studentesse rappresentano solo il 29,4% degli iscritti alle facoltà di Ingegneria, il 42% ai corsi di scienze e ingegneria e il 20% a quelli di fisica, informatica e matematica.
Come spiegare questo malcontento? “È stato dimostrato che la scarsa attrattiva dei campi scientifici per le ragazze è in parte dovuta alla mancanza di modelli femminili, nei libri di testo ad esempio, ma anche nella maggior parte dei media. Infatti, quando parliamo di scienziate, Marie Curie è quasi l’unica a citarla.“Tuttavia, ci sono molte donne che si sono distinte nel loro campo e hanno permesso il progresso nel corso dei secoli”, si legge nel Women in Science Project, sostenuto da Avenius.
In effetti gli esempi non mancano. Citiamo, ad esempio, l'etica e antropologa Jane Goodall, che per prima si accorse del fatto che gli scimpanzé utilizzano utensili per mangiare, la fisica e chimica Rosalind Franklin, alla quale si deve la scoperta della struttura del DNA, o la l'astronomo Vera Rubin, la cui ricerca ha confermato l'esistenza della materia oscura attorno alle galassie. Per invertire questa tendenza, è tempo di onorare coloro che hanno lavorato duramente per il progresso scientifico nei libri di storia.

READ  Il governo ha lanciato il suo numero verde per vaccinare gli anziani a casa