Novembre 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Nella fabbrica di foto “James-Webb”.

Lunedì 12 settembre, due nuove immagini del telescopio spaziale James Webb sono state rilasciate dalle agenzie statunitensi, europee e canadesi. Nella nostra Via Lattea compaiono due regioni della Nebulosa di Orione, situata nella costellazione omonima a 1.350 anni luce dalla Terra. È il più vicino ai vivai stellari, queste regioni di gas, polvere e stelle dove le stelle stanno ancora nascendo e dove i ricercatori sperano di trovare analoghi di ciò che il nostro sistema solare stava formando. Queste due immagini sono abbaglianti per colore e consistenza, come se fossero animate dai movimenti delle tempeste o dall’acqua frizzante. e sbalordito. Perché vediamo qualcosa quando la radiazione rilevata dal telescopio è invisibile, perché cade nell’infrarosso. Immergiti nella composizione di queste immagini, nel corso di ventiquattro ore.

Sabato 10 settembre, alle 21:00 Il James Webb Mirror di 6,5 metri, situato a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, ruota impercettibilmente per puntarlo verso la Nebulosa di Orione, dopo aver catturato la luce della nana bianca G191-B2B. Per due ore e cinquantasette minuti, uno dei quattro strumenti, il Nircam, cattura i preziosi grani di luce emessi da M42, il nome esatto dell’incubatrice.

Domenica 11 settembre, 00:40 I risultati vengono inviati al database MAST pubblico dello Space Telescope Science Institute (STScI) dagli Stati Uniti. Sorpresa: le immagini sono davvero brutte. Bianco e nero, rigato, sfocato…

Leggi anche: Che cosa rivelano le straordinarie immagini del telescopio James Webb

9 ore. A Tolosa, il responsabile del programma 1288 dedicato a Orione, Olivier Bernet (Istituto per la ricerca in astrofisica e scienze planetarie), sembra convocare le forze per far parlare queste immagini per queste immagini che aspetta da almeno cinque anni . I suoi colleghi ingegneri, Amelie Kanin e Ilan Schrotter, giravano in cerchio nel laboratorio. Hanno iniziato a scaricare i dati… Sul balcone, il loro badge non funziona domenica. Il loro manager, talentuoso nel sesamo, arriva accompagnato da un rappresentante centrale dell’attivismo della giornata, Salome Foinmayor, una giovane graphic designer spagnola, responsabile di trasformare la bruttezza elementare in bellezza universale.

READ  Samsung conferma un piratage du code source des Galaxy mais les données utilisateurs pas concernées
L'immagine a colori è stata ottenuta utilizzando tre filtri.

11:30 Ilane aziona un macinacaffè mentre macina l’infuso a mano. Davanti a due schermi, uno che riproduce le righe di codice da applicare, e l’altro i risultati, gli ingegneri sanno esattamente cosa fare per elaborare le tante immagini inviate durante la notte. In effetti, il telescopio ne ha presi non solo uno, ma dozzine. Primo, perché la sua telecamera punta contemporaneamente su due aree di Orione. Poi perché ognuna di queste istantanee è in realtà divisa in 14 filtri, corrispondenti a diverse parti dello spettro infrarosso, da 0,6 a 5 micrometri. Infine, per ogni filtro, vengono scattate molte foto di pochi pixel, per rimuovere i punti difettosi e migliorare la risoluzione. Si tratta di un totale di 280 immagini da elaborare.

Hai ancora il 64,18% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.