Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Nel 2023 gli enti locali rischiano di ritrovarsi in deficit, avverte la Corte dei conti

Nel 2023 gli enti locali rischiano di ritrovarsi in deficit, avverte la Corte dei conti

Da mesi le autorità locali mettono in guardia sullo stato delle loro risorse finanziarie. In un rapporto pubblicato martedì 24 ottobre, l’Ufficio di verifica ha mostrato che la sua situazione contabile è in fase di trasformazione. Sebbene le società abbiano realizzato un surplus di 4,8 miliardi di euro nel 2022, potrebbero dover spendere più di quanto riceveranno nel 2023. Secondo le previsioni, ciò dovrebbe portare a un deficit di 2,6 miliardi di euro nel 2023 e di 2,9 miliardi di euro nel 2024. Impresa.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Fragile miglioramento delle finanze degli enti locali

L’Audit Bureau preferisce parlarne “Hai bisogno di finanziamenti”. Ma la realtà del declino non è meno chiara. Anche se la situazione degli enti locali resta strutturalmente migliore di quella dello Stato e della previdenza sociale.

Negli ultimi mesi la magistratura finanziaria ha fatto luce su ciò che hanno vissuto Comuni, dipartimenti e regioni “Nel 2022, come nel 2021, la situazione finanziaria è complessivamente molto favorevole”.. Ciò ha fatto arrabbiare i funzionari eletti locali. Nel 2023, invece, scrive ai giudici, “Il rallentamento dell’attività economica limiterà probabilmente l’aumento complessivo delle entrate degli enti locali, con alcune grandi entrate che vedranno addirittura un calo in valore assoluto. Inoltre, l’inflazione continuerà ad avere significative conseguenze dirette e indirette sulla loro spesa..

Diminuzione del gettito Iva

Innanzitutto le ricette. Il governo prevede un calo della crescita economica, che scenderà dal 2,5% nel 2022 all’1% nel 2023. Mentre è aumentata nel 2022, i consumi delle famiglie potrebbero diminuire dello 0,2% nel 2023. Ciò si traduce automaticamente in un rendimento inferiore del valore. Imposta aggiunta (IVA). Oppure ciò potrebbe essere dovuto ad un’importante fonte di finanziamento delle collettività locali dovuta all’aumento dell’imposta sulla casa e del contributo sul valore delle imprese (CVAE): rappresenta il 17% del reddito e riceve il 54% dalle Regioni.

READ  E. Leclerc è il marchio più economico per i consumatori, davanti a Lidl e Aldi - 01/09/2023 alle 15:00

Allo stesso modo, la flessione del mercato immobiliare influisce sul prodotto fiscale DMTO, sulle tasse pagate durante la vendita di immobili e su gran parte di quelle che comunemente chiamiamo “spese notarili”. Sono soprattutto le amministrazioni e, in misura minore, i comuni a influenzarli. Infine, il prezzo della benzina e il minor consumo di energia influiscono anche sulle entrate dell’imposta sul consumo interno di prodotti energetici (TICPE) di cui beneficiano le regioni.

Ti resta il 40,07% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.