Settembre 26, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Mazar-i-Sharif, il centro commerciale dell’Afghanistan, è sotto il controllo dei ribelli.

KABUL, Afghanistan – L’ultima grande città nel nord dell’Afghanistan è caduta sabato notte in mano ai talebani, lasciando i talebani completamente devastati nel nord del paese mentre gli insorti sembravano sull’orlo del pieno controllo militare.

La caduta di Mazar-i-Sharif, la capitale della provincia di Balkh e una delle ultime tre grandi città sotto il controllo del governo, arriva il giorno dopo che due grandi città dell’Afghanistan meridionale e occidentale sono state perse dai talebani.

I ribelli stanno ora controllando efficacemente la parte meridionale, occidentale e settentrionale del paese, circondando la capitale del paese, Kabul, e lanciando una rapida offensiva militare. L’eruzione dei talebani è iniziata a maggio, ma gli insorti sono riusciti a catturare più della metà dei capoluoghi di provincia dell’Afghanistan in una settimana.

I talebani hanno rotto le linee del fronte alla periferia della città e un’ora dopo hanno catturato l’ultima città settentrionale di Mazar-i-Sharif. Presto le forze di sicurezza del governo e i militanti fuggirono: i famosi guerrieri maresciallo Abdul Rashid Dostum e Atta Muhammad Noor – Fornire efficacemente il controllo ai ribelli.

“Le forze governative e le rivolte popolari hanno lasciato la città”, ha detto Hashim Ahmadzai, comandante dei militanti filo-governativi. I talebani hanno sequestrato edifici governativi e militari. Non c’è resistenza. “

Per settimane, il governo e le forze militanti hanno rafforzato le difese della città e le hanno gestite con nuovi gruppi di militanti appena reclutati. Ma sabato notte, la città è caduta senza combattere, con molti che ipotizzavano che il governo oi comandanti militanti avessero accettato di consegnare la città ai talebani.

Con la caduta di Mazar-i-Sharif, le due principali città sotto il controllo del governo sono state Kabul e Jalalabad, capitale della provincia di Nangarhar nella parte orientale del Paese.

READ  P.J. Tucker è stato rimproverato dalla guardia di sicurezza dei Nets per essersi trasferito

La perdita del Nord, il cuore dell’opposizione all’ascesa al potere dei ribelli nel 1996, ha inferto un colpo devastante al morale del paese dei talebani, in preda al panico.

Alla fine degli anni ’90, Mazar-i-Sharif è stata teatro di guerre tra i talebani e i gruppi militanti del nord, che sono stati in grado di respingere i feroci insorti prima di catturare la città nel 1998. I militanti e centinaia di militanti arresi sono finiti con i massacri etnici dei talebani.

Durante l’attuale campagna militare dei talebani, la sicurezza di Mazar era quasi interamente affidata a Le rinascite di alcuni degli stessi combattenti Tutti non sono riusciti a mantenere il loro territorio a nord. Un famigerato veterano di guerra ed ex vicepresidente afgano che è sopravvissuto agli ultimi 40 anni di guerra tagliando contratti e voltando pagina, Mr. Dostam è guidato da alcuni di loro.

Gli altri erano dietro Sig. Noor, Un mediatore di potere di lunga data e veterano di guerra nella provincia di Balkh che ha combattuto i sovietici negli anni ’80 e i talebani negli anni ’90. Durante la guerra civile, è stato comandante del partito islamista Jamiat-e-Islami nel nord del paese ed è stato una figura di spicco nell’Alleanza del Nord che ha sostenuto l’invasione statunitense del 2001. Poco dopo divenne governatore di Palk, profondamente radicata come autorità separata nella provincia. Ha rifiutato di dimettersi dopo che il presidente Ashraf Ghani Licenziato nel 2017.

“L’esercito non sta combattendo – solo i militanti di Ata Noor e Dost stanno difendendo la città”, ha detto l’ex consigliere provinciale Mohammad Ibrahim Kairandesh. “La situazione sta peggiorando e peggiorando”.

READ  Il nuotatore Caleb Dressel ha vinto altri due ori, finendo con 5 Olimpiadi; Bobby Finke ha vinto 1.500 gratis

Dopo l’invasione statunitense nel 2001 e la cattura di Mazar-i-Sharif da parte della coalizione nordamericana, la provincia di Balkh è diventata una delle province più stabili del paese sulla scia di una massiccia campagna di bombardamenti statunitensi.

La sua posizione al confine con l’Uzbekistan e su un’importante rotta commerciale dal Turkmenistan ha dato impulso all’economia locale. Ma negli ultimi anni, la stabilità è andata costantemente diminuendo poiché il governo di Kabul ha lottato per controllare la leadership provinciale e fornire un numero adeguato di forze di sicurezza al nord.

Sabato notte, i talebani avevano il controllo di 20 delle 34 province dell’Afghanistan ed erano caduti nelle mani degli insorti nella provincia orientale di Kunar, la capitale della provincia di Kunar. La provincia è stata teatro di una delle guerre più feroci della guerra americana e il suo territorio imperdonabile è stato a lungo dimora di combattenti stranieri che avevano attraversato il confine con il vicino Pakistan.

Thomas Gibbons-Nef e Fahim Abed hanno contribuito al rapporto.