Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Malattie croniche: quelle persone disabili che si ignorano a vicenda

Malattie croniche: quelle persone disabili che si ignorano a vicenda

Sophie ricorda vividamente il giorno in cui il suo medico le disse che aveva l’artrite reumatoide (una malattia infiammatoria cronica delle articolazioni). Aveva 25 anni. “Non capivo perché sembrava così distrutto, Ricorda questo giurista parigino. Per me, quel dito gonfio era quasi niente. » Solo che, dopo il dito, il polso, poi il ginocchio, le dita dei piedi… che iniziano, mese dopo mese, a irrigidirsi. “Ho sempre sofferto da qualche parte”dice il 50enne. Per quindici anni, la giovane donna non ha fatto parola dei suoi sintomi, né al suo capo né ai suoi colleghi. “Ho sempre pensato che sarebbe passato”La lascia, fino al giorno in cui il dolore le impedisce di alzarsi dal letto.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Disabilità sul lavoro: se ne parla o no?

La storia di Sophie è quasi ordinaria. Secondo il sondaggio DREES “Daily Life and Health”, nel 2021 il numero dei francesi sarà di 10 milioni Di età lavorativa, si segnala che esiste una malattia cronica o un problema di salute, in altre parole una patologia che si sviluppa molto spesso e richiede un trattamento per un periodo di diversi anni. La definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) include malattie trasmissibili (HIV, epatite, ecc.), malattie non trasmissibili (diabete, cancro, ecc.) e malattie rare (fibrosi cistica, miopatie, ecc.), ma anche disturbi Disturbi psichiatrici (depressione, schizofrenia, ecc.) e anatomici o funzionali (sclerosi multipla, ecc.).

Tra le persone coinvolte, ce ne sono molte che, come Sophie, non comprendono di essere ostacolate nello svolgimento delle proprie mansioni. Negando, fingono, sul posto di lavoro, che vada tutto bene. Dei 2,9 milioni di RQTH (Recognition of Disabled Worker Status) rilasciati nel 2021, solo il 20% era correlato a una condizione cronica. Questi dipendenti sono spesso a disagio con la parola “disabili”.Emmanuel Cadec, dottore del lavoro, conferma. Per incoraggiare la loro fiducia, preferisco chiedere loro se i loro problemi di salute stanno riducendo o frenando le loro capacità funzionali. La differenza è sottile, ma fondamentale. »

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Disabilità sul lavoro: “Preferisco non nascondere nulla, e non voglio mentire sull’origine della mia assenza”
READ  Dal dentista constatati “gravi insuccessi”: più di mille pazienti sono stati invitati a sottoporsi ai test per l’epatite e l’HIV

La negazione è una frequente reazione di sopravvivenza quando viene annunciata una grave malattiaL’antropologo Charles Gardoux, specializzato in questioni legate alla disabilità. Aiuta a mitigare lo shock della notizia. Nel caso di malattie croniche, a volte è allettante per il paziente stabilirsi permanentemente in questo rifiuto, per non provare pietà o stigma, soprattutto in ufficio, dove è sempre visto come sano. »

Hai ancora il 48,22% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.