Dicembre 2, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Lo sciopero della fame dell’attivista incarcerato Alaa Abdel-Fattah è entrato nelle discussioni della COP27

Il più famoso prigioniero politico egiziano, Alaa Abdel Fattah, che è in sciopero della fame e che ha solo pochi giorni da vivere secondo i suoi sostenitori, si è chiamato lunedì 7 novembre alle discussioni tra i leader riuniti a Sharm El Sheikh per COP27.

Così, il presidente egiziano, Abdel Fattah el-Sisi, ha dovuto rispondere a sua volta al primo ministro britannico, Rishi Sunak, e al presidente francese, Emmanuel Macron, riguardo al prigioniero anglo-egiziano, l’icona della rivoluzione del 2011 in Egitto. Il signor Al-Sinak aveva avvertito: Alaa Abdel-Fattah lo è “priorità” per Londra. Lo ha detto, lunedì sera, dopo aver incontrato il presidente egiziano “Spero che vedrai il suo caso risolto il prima possibile.” E ho promesso di continuare così ‘premendo per il progresso’Secondo un portavoce di Downing Street. Il Sig. Macron, ha confermato che il Sig. Sisi lo era “fidanzati” Nella salute di Alaa Abdel-Fattah “è tenuto”dicendo che lo spero “Le prossime settimane e i prossimi mesi daranno risultati”..

Il portavoce di Al-Sisi si è limitato a riferire di queste conversazioni, senza rivelarne il contenuto. Il capo della diplomazia egiziana, Sameh Shoukry, capo della COP27, ha confermato alla CNBC che Alaa Abdel Fattah “Beneficia di tutte le cure necessarie in carcere”.

Molte delle affermazioni sono state respinte dai parenti del sig. Abdel-Fattah, inclusa sua sorella, Sanaa Seif, che si trova a Sharm el-Sheikh, dove si sono moltiplicati gli incontri con i funzionari e le interviste.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Nella COP27, l’ombra caparbia di Alaa Abdel Fattah, il famoso prigioniero politico egiziano in sciopero della fame
READ  332 nuovi decessi

“pericolo di morte”

Dal 2 aprile, l’animale del presidente Sisi, Alaa Abdel-Fattah, beve ogni giorno una tazza di tè e un cucchiaio di miele nella sua prigione a Wadi El-Natrun, a nord-ovest del Cairo. Imprigionato più volte dal 2006, ha smesso di mangiare completamente martedì scorso e di bere domenica, quando la COP27 è stata aperta a Sharm El Sheikh, dall’altra parte del Paese.

Lunedì, tre giornalisti egiziani hanno annunciato l’inizio di uno sciopero della fame per chiederne il rilascio. “Smettiamo di nutrirci ora perché Alaa Abdel-Fattah è in pericolo di vita”Mona Selim ha spiegato durante un sit-in al Cairo con Iman Auf e Rasha Azab. chiamano “Liberate tutti i prigionieri di coscienza”che è più di 60.000 in Egitto, secondo le ONG.

Gli attivisti presenti alla COP27 stanno aumentando il numero di post con l’hashtag #FreeAlaa sui social network, e molti relatori della società civile hanno terminato i loro discorsi con la frase Non sei ancora sconfitto (“Non ancora sconfitto”)Titolo del libro di Alaa Abdel Fattah. “Non c’è tempo, nella migliore delle ipotesi, settantadue ore, per rilasciare Alaa Abdel-Fattah. Se [les autorités égyptiennes] Non farlo, sarà fatale in tutte le discussioni alla COP27″Domenica, il segretario generale di Amnesty International, Agnes Callamard, ha avvertito.

A Beirut, lunedì, un centinaio di persone hanno manifestato davanti all’ambasciata britannica.
“Incarna la lotta del mondo arabo contro i regimi autoritari per dodici anni”.Ha detto la giornalista e attivista Diana Makled, che ha caricato la foto in bianco e nero dell’attivista, accompagnata dalla parola #FreeAlaa.

“Codice di arbitrarietà del sistema”

Abdel Fattah era un ingegnere di formazione e blogger pro-democrazia, che per anni ha partecipato a tutte le rivoluzioni in Egitto, Condannato a fine 2021 Fino a cinque anni di reclusione per “Pubblicare informazioni false”.

È stato uno dei leader del movimento politico Kefaya negli anni 2000, poi la rivoluzione del 2011 che ha rovesciato Hosni Mubarak, le brutali marce contro l’islamista Mohamed Morsi due anni dopo e infine le manifestazioni contro Abdel Fattah el-Sisi.

READ  Un'onda tropicale si sta avvicinando alla Martinica, che è stata messa in allerta gialla

Dalla sua prigionia, è diventato “Codice di arbitrarietà del sistema”, dice Agnes Callamard. Secondo Amnesty International, da quando l’Egitto ha riattivato la commissione presidenziale di grazia ad aprile, sono stati rilasciati 766 prigionieri di coscienza. Ma altri 1.540 sono finiti in prigione, tra cui lo sceriffo al-Rubi, una figura di sinistra, che è stato nuovamente incarcerato dopo aver approfittato di questa amnistia, osserva l’Ong. Il presidente aveva annunciato un’iniziativa per porre fine alla reclusione per reati di opinione, ma in realtà è il contrario.M aggiunge.io Salim.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti COP27 in Egitto: il Summit sul clima è un vantaggio per la forza di Abdel Fattah el-Sisi

Sebbene la sua costituzione garantisca la libertà di stampa, l’Egitto ha una trentina di giornalisti incarcerati. Secondo Reporter senza frontiere, Il Cairo ha 168 annie Su 180 nelle classifiche sulla libertà di stampa nel 2022.

La prima permanenza in prigione di Alaa Abdel Fattah risale al 2006, durante il regno di Hosni Mubarak. Vi è tornato sotto la guida del feldmaresciallo Mohamed Tantawi, leader de facto del Paese dal 2011 al 2012, sotto Morsi e poi sotto il presidente Sisi dal 2019. Dalla sua cella è diventato cittadino britannico, nel bel mezzo di uno sciopero della fame , sua madre, Laila Soueif, è nata a Londra.

Leggi anche: La COP27 non deve nascondere la natura del regime di Sisi

Il mondo con AFP