Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L'Italia invita l'azienda automobilistica cinese

Pubblicato

Produzione automobilisticaL'Italia invita l'azienda automobilistica cinese

Il colosso automobilistico cinese BYD ha fatto sapere di essere stato contattato dal governo di Giorgia Meloni, che vuole portare un secondo produttore in Italia per rilanciare la produzione di automobili.

Entro il quarto trimestre del 2023, Byte avrà consegnato più veicoli di Tesla.

Entro il quarto trimestre del 2023, Byte avrà consegnato più veicoli di Tesla.

afp

Il colosso automobilistico cinese BYD ha fatto sapere di essere stato contattato dal governo di Giorgia Meloni, che sta cercando di portare un secondo produttore in Italia per aumentare la produzione di automobili e porre così fine al monopolio di Stellandis.

“Abbiamo alcuni contatti per discuterne”, ha detto il presidente di BYD Europe, Michael Shu, a margine del Motor Show di Ginevra, in un'intervista all'agenzia Bloomberg pubblicata lunedì sera. Interrogato martedì dall'AFP, il Ministero del Commercio italiano si è rifiutato di commentare.

La necessità di un'altra fabbrica in Europa “dipende dalle nostre vendite: al momento stiamo facendo buoni progressi”, ha spiegato Michael Shu. Ma ha aggiunto che è “troppo presto” per commentare la decisione riguardante la seconda fabbrica.

Primo stabilimento in Europa

Il conglomerato cinese prevede di aprire il suo primo stabilimento europeo di produzione di autovetture in Ungheria entro tre anni, aumentando le vendite nella regione. Segue l’esempio della Toyota, che ha aperto la sua prima fabbrica europea nel Regno Unito nel 1992. Ma ci sono voluti quasi dieci anni prima che il produttore giapponese ne aprisse un altro in Francia.

Nel mezzo di una disputa con Stellandis sui sussidi statali per i veicoli elettrici, il ministro del Commercio italiano Adolfo Urso ha ventilato l’idea di invitare un secondo produttore per raggiungere il suo obiettivo di aumentare la produzione italiana a un milione di unità all’anno.

“Sono in corso da diversi mesi importanti trattative a livello internazionale per portare una seconda casa automobilistica in Italia”, aveva promesso a metà febbraio, senza nominare i gruppi coinvolti. Se un altro produttore avviasse la produzione in Italia, secondo lui, un obiettivo che potrebbe essere compromesso. “Pensa che sarebbe d'aiuto se invitassimo più case automobilistiche cinesi a produrre in Europa?” Lo ha detto ai giornalisti a metà febbraio.

(afp)

READ  Giro d'Italia - Jack Haig al Giro: "Volevo altre sfide..."