Febbraio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Ligue 1 – L’OM in modalità brasiliana, i dirigenti chiave dell’OL, Big Ball: gli alti e bassi della 15a giornata di L1

Ligue 1 – L’OM in modalità brasiliana, i dirigenti chiave dell’OL, Big Ball: gli alti e bassi della 15a giornata di L1

Superiore

  • Cohen, il finale decisivo del match

Ha avuto un inizio di partita tranquillo. Per poco meno di un’ora non ebbe quasi nulla da fare. Ma quando il Monaco ha avuto bisogno di lui (dieci contro undici), ha risposto. Philippe Cohn ha mostrato le sue qualità per frustrare il Rennes. Per prima cosa ha effettuato una parata di riflesso su un potente colpo di testa di Arthur Theat (79). Se non è riuscito a fare nulla sul calcio di rigore che ha permesso al Rennes di ridurre il punteggio, lo svizzero ha bloccato il tentativo di Amine Al-Jouiri (90+1) prima di trasformare un potente tiro del giovane Mohamed Najda (90+2). I tre punti recuperati dal Monaco sono anche merito suo. Tuttavia, il suo primo periodo fu molto tranquillo.

È il giocatore più costoso nella storia dello Strasburgo. Domenica hanno giocato contro La Minaau dopo i tempi supplementari. Segnando al 90+6 minuto, Abacar Sylla ha dato un’altra occhiata alla settimana di gara, ed è già capace di strappare un punto al Brest giovedì. Come ha sottolineato lo statistico di Opta, non c’è stato un gol nel finale di Ligue 1 in questa stagione (96 minuti e 17 secondi). Nemmeno dalla stagione 2006/07 c’è stato nessuno favorevole alla gara.

Se c’è uno specialista nell’allenamento vincente in Ligue 1, quello è Eric Roy. Domenica, durante la trasferta da Brest a Metz (0-1), il tecnico del club bretone ha scelto di non far partire Jérémy Le Doiron, autore di un gol infrasettimanale contro lo Strasburgo su assist di Kamoury Doumbia. Mentre l’SB29 annaspava a Saint-Symphorien, l’allenatore ha deciso di far partire il suo attaccante dopo l’ora, così come l’attaccante maliano dieci minuti dopo. Al 75′ Le Doiron apre le marcature con un passaggio di Doumbia. Questa è la quinta volta in questa stagione che un giocatore del Brest segna un gol dopo essere entrato, il che è una vera specialità.

READ  Al centro della controversia l’arbitrato tra Galles e Fiji
  • Marsiglia è il Brasile

Non è stato realizzato. Ma con un paio di colpi di scena, il Marsiglia ha regalato un po’ di brivido ai tifosi della L1. Fiducioso dopo il suo nuovo gol, Pierre-Emerick Aubameyang ha tentato per primo il tipo di ala di piccione che ha quasi ingannato Yvonne Mvogo (27°). Pochi minuti dopo, è stato Samuel Gigot a fare la presentazione. Dopo un passaggio di Jordan Virtue, il difensore del Marsiglia ha colpito la palla con il tallone destro, spingendo Mvogo a tirare un calcio d’angolo che ha portato al terzo gol. Se non vengono pagati direttamente per queste azioni, tutto dimostra quanto sia stato deregolamentato l’OM di Gennaro Gattuso.

  • I dirigenti della Leon sono finalmente arrivati

Lo si sottolineava da mesi, con i dirigenti dell’OL che hanno fatto il lavoro domenica contro il Tolosa (3-0). Prima c’è stato Alexandre Lacazette, che ha preso in mano quasi tutto, segnando anche una tripletta. Ma il “Generale” non era solo. In porta, Anthony Lopes ha trasformato il suo primo calcio di rigore al Groupama Stadium per compensare la sua uscita indisciplinata. In mezzo, Corentin Tolisso si è comportato bene, incidendo e mantenendosi calmo, mentre è stata preziosa l’azione di Maxence Caqueret. Con i dirigenti lì, Leon non ha la stessa faccia.

Perché sta annaspando?

  • La passività della difesa di Ren

È un problema ricorrente in questa stagione: il Rennes sta abbassando la difesa. È regolarmente vittima di errori individuali dei giovani difensori e, dopo aver visto Enzo Le Fey e poi Adrien Truvert deviare goffamente la palla per aprire le marcature per il Monaco, questa volta il club bretone ha visto la sua difesa ricordare le proprie mancanze dopo l’intervallo. In termini di superiorità numerica, Rouge et Noir ha mostrato un’allarmante passività difensiva permettendo a Youssef Fofana di avvicinarsi ai sedici metri e segnare da rasoterra come in mostra (0-2, 84). “Non dovremmo mai concedere quel secondo gol quando siamo 11 contro 10. Ma è uno degli errori che commettiamo dall’inizio della stagione.“, ha stuzzicato Enzo Lo Vi su Prime Video al termine dell’incontro.

READ  Corinne Deacon, Evoluzione (Nuovo)
  • Duelli aerei, erroneamente identificati come Paris Saint-Germain

È questa la principale preoccupazione individuata da tutti, ai massimi livelli ma anche in Europa: il PSG fatica nei duelli aerei. Parliamo quindi della squadra peggiore della Champions League in questo campo. In campionato, solo Nantes e Metz hanno perso più duelli aerei del Paris Saint-Germain in questa stagione (46,1%). Un vero problema per Luis Enrique, che sabato contro il Nantes ha visto la sua squadra arrendersi nuovamente su calcio d’angolo con un colpo di testa di Mohamed per pareggiare (1-1). Quindi, ovviamente, il Paris è riuscito a ottenere la vittoria, ma questo è un difetto del gioco parigino. E questi sono i dettagli che a lungo termine potrebbero essere pagati in contanti o anche contro il Dortmund mercoledì.

“Ikitiki è come Ben Arfa, ma 10 anni più giovane.”

  • Ospiti, gnocchi grossi

È rimasto seduto per diversi minuti sull’erba dell’Allianz Arena. Yehvann Diouf ha avuto tutte le difficoltà del mondo per riprendersi da un grave errore di mano, dopo un tiro apparentemente innocuo di Jérémie Boga. La palla gli è scivolata tra le dita e alla fine il portiere del Reims ha avuto gran parte della responsabilità della sconfitta della sua squadra a Nizza (2-1). Questo mentre è stato decisivo pochi istanti fa contro Jean-Clair Todibo. Un errore costoso.

È una cattiva abitudine che il campionato francese non può eliminare. Dall’inizio della stagione sono stati pochi i giorni senza partite vuote. Il 15esimo turno non è stato particolarmente speciale, anzi, visto che le partite Montpellier – Lens e Clermont – Lille non hanno visto il minimo gol. In totale, dall’inizio di questo esercizio, non meno di 18 avversari si sono conclusi con un risultato di 0-0. Non è l’ideale per promuovere la Ligue 1…

READ  Bormio - Dominique Paris, ancora re nel suo giardino