Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le prime caldaie a biocarburante faticano a convincere, perché?

Le prime caldaie a biocarburante faticano a convincere, perché?

Con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale delle caldaie, la Francia ha implementato nuove normative per le caldaie a biocarburante. Si tratta di un sistema di riscaldamento alimentato da una miscela di olio e colza. Nonostante questa misura, i biocarburanti faticano a imporsi come alternativa affidabile all’olio combustibile convenzionale.

Un processo di transizione costoso e difficile

La transizione ai biocarburanti deve affrontare diversi ostacoli. La progressiva affermazione di questo nuovo settore rappresenta la sfida più grande per questo progetto. In effetti, la commercializzazione del carburante è iniziata solo nel dicembre 2022 e non ha ancora avuto un ampio accesso in tutta la Francia. ” Attualmente si registrano difficoltà di approvvigionamento in tre regioni: Champagne, Ile-de-France e Hauts-de-France », delinea il piano di Frédéric, delegato generale della Federazione francese dei combustibili, del combustibile e del riscaldamento (FF3C). Quest’ultimo, tuttavia, prevede un graduale miglioramento della copertura regionale e dovrebbe essere completato entro il 2024. Questa diffusione potrebbe contribuire ad aumentare l’uso dei biocarburanti.

Inoltre, il costo di quest’ultimo rappresenta un grosso ostacolo. Attualmente è superiore del 15% rispetto all’olio combustibile convenzionale. Questa differenza di prezzo può scoraggiare molte persone, soprattutto in questi tempi economicamente instabili caratterizzati da tassi di inflazione elevati. Per stimolare l’adozione dei biocarburanti, gli specialisti stanno cercando di trovare soluzioni. ” Chiediamo alle autorità pubbliche di fornire un incentivo fiscale al fine di ridurre il divario di prezzo tra i due », ha confermato Eric Lilly, Presidente di FF3C.

I francesi preferiscono usare i loro vecchi bollitori

I francesi che possiedono già caldaie a gasolio preferiscono utilizzare le loro vecchie caldaie piuttosto che acquistarne una nuova a un costo relativamente elevato. Secondo il piano di Federico, “pPer accelerare questo processo, i biocarburanti dovrebbero essere ampliati per includere la flotta esistente. Ciò è già reso tecnicamente possibile cambiando il bruciatore e modificando la linea di iniezione del carburante “Da parte sua, Pascal Husset, rappresentante delle imprese di ingegneria climatica, manutenzione, coperture e impianti idraulici, ha espresso forti dubbi sul fatto che i francesi accoglierebbero questa iniziativa a braccia aperte”. È tuttavia un’illusione immaginare che tutti i francesi passeranno alla pompa di calore “, ha sottolineato.

READ  Perrier, San Pellegrino... L'acqua frizzante è sempre più assente dagli scaffali dei supermercati

Devi sapere che in Francia circa 3,5 milioni di edifici utilizzano ancora l’olio combustibile nella stagione fredda. Di queste case, secondo i dati del 2018 non aggiornati da FF3C, 2,8 milioni sono case unifamiliari. Pertanto, l’olio combustibile è al terzo posto tra le risorse utilizzate dai francesi per il riscaldamento, soprattutto nelle zone rurali.