Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le autorità fiscali hanno tranquillamente cambiato questa regola, poiché migliaia di contribuenti vengono ingannati

Le autorità fiscali hanno tranquillamente cambiato questa regola, poiché migliaia di contribuenti vengono ingannati


Multe e controlli fiscali: ogni anno troppi contribuenti commettono lo stesso errore nelle loro dichiarazioni e sono soggetti a gravi sanzioni. E tutto a causa di una diffusa disinformazione.

Compilare una riga in modo errato della dichiarazione dei redditi può essere molto costoso. Mentre mancano solo pochi giorni a 40 milioni di contribuenti per completare la dichiarazione dei redditi, citando il reddito guadagnato nel 2023, alcuni dovranno essere particolarmente vigili. Infatti, il minimo errore può avere gravi ripercussioni sulle famiglie.

In effetti, se l’amministrazione fiscale rileva un errore nel modulo presentato dal contribuente, può accusare quest’ultimo di frode. Le famiglie che si ritrovano con una dichiarazione dei redditi errata sono soggette a severe sanzioni imposte dalla Direzione generale delle finanze pubbliche, come multe, aumenti delle tasse o controlli fiscali.

Tuttavia, le autorità fiscali deplorano gli errori ripetuti ogni anno dai contribuenti. Questi ultimi hanno impropriamente riempito un fondo che avrebbe dovuto conferire loro un notevole vantaggio fiscale. Di conseguenza, invece di usufruire di questo vantaggio, finiscono per ricevere una dichiarazione errata e talvolta devono pagare una multa. In effetti, commettere questo errore equivale a sottostimare il reddito dichiarato della Direzione generale delle imposte e degli investimenti, il che spesso solleva il sospetto di frode fiscale.

Questa situazione di stallo ricorrente è legata a un cambiamento delle norme fiscali avvenuto due anni fa in Francia. La norma si riferiva alla procedura per compilare parte della dichiarazione dei redditi. Molte famiglie però non sono a conoscenza di questo cambiamento e continuano ad utilizzare il vecchio metodo. Inoltre, molti media continuano a riportare cattive informazioni, incoraggiando sempre più contribuenti a commettere questo errore che potrebbe costare loro caro.

READ  Elon Musk dans le viseur du gendarme borsier américain

L’errore in questione riguarda l’iscrizione delle detrazioni legate all’occupazione nella casella 1GA della dichiarazione dei redditi. Questo è particolarmente vero per gli assistenti all’infanzia. L’indennità professionale è una riduzione fiscale concessa a determinate professioni, a causa dei costi specifici che generano. Permette di sottrarre una somma forfettaria dal reddito imponibile, riducendo così l’imposta dovuta.

In precedenza, i contribuenti stessi dovevano sottrarre l’importo dell’indennità professionale dal reddito imponibile, quindi inserire il risultato finale nella casella 1AJ della dichiarazione. Questo metodo richiede una certa vigilanza da parte degli inserzionisti, in modo da non sbagliare i calcoli.

Da due anni ormai, i contribuenti devono semplicemente indicare l’importo del loro beneficio nella casella 1GA, senza effettuare loro stessi la sottrazione. In effetti, il calcolo viene eseguito automaticamente dall’amministrazione fiscale. Spetta poi al fisco calcolare il reddito imponibile finale, tenendo conto del vantaggio fiscale.

Sfortunatamente, molti contribuenti continuano a sottrarre essi stessi l’importo del loro beneficio nella casella 1AJ. Questo errore può essere molto dannoso per loro, perché fa sì che la detrazione venga applicata due volte, falsando così l’intero calcolo dell’imposta sul reddito.