Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’antisemitismo in Belgio è ai massimi storici

L’antisemitismo in Belgio è ai massimi storici

Secondo un sondaggio IPSOS Jonathan InstituteIl 14% dei belgi esprime la propria avversione agli ebrei, il doppio dei francesi. Questa percentuale sale al 22% a Bruxelles, dove l’11% della popolazione simpatizza per Hamas. Preoccupante.


Conosciamo la prevalenza dell’antisemitismo in Belgio e questo sondaggio fornisce un’ulteriore conferma e mostra che la percezione degli ebrei è ulteriormente peggiorata dal 7 ottobre con un aumento degli atti antisemiti, denunciati dalla Lega belga contro l’antisemitismo. Ciò che colpisce del sondaggio è che su ogni questione il pregiudizio antisemita è molto maggiore a Bruxelles che a livello nazionale: la capitale del Belgio e dell’Europa è tra il 30 e il 40% musulmana.

esasperante

Così, il 16% dei cittadini di Bruxelles ritiene che ci siano troppi ebrei in Belgio (rispetto all’11% a livello nazionale), che il 29% sia responsabile della crisi economica (14%) e che il 48% si senta superiore agli altri. (34%), il 47% afferma di fare ai palestinesi quello che i tedeschi hanno fatto agli ebrei (35%).
In tutto il Paese la pensa così il 43% dei musulmani «Gli ebrei belgi non sono realmente belgi come gli altri».

Leggi anche: Pierre Cormary: Bombe d’ebano

Questi numeri sono spaventosi. Ma l’osservazione non è priva di inconvenienti. Le conclusioni dello studio minimizzano il fattore centrale dell’antisemitismo contemporaneo in Belgio, ovvero l’istituzione relativamente recente dell’Islam. Mette sullo stesso piano come corresponsabili di questa situazione i musulmani, sia di estrema destra che di estrema sinistra, gli ultimi due individuati secondo un metodo Ipsos e che rappresentano rispettivamente il 4 e il 2% del campione. Tuttavia, l’estrema sinistra e la sinistra in Belgio, come in Francia, hanno ampiamente abbracciato la causa dei palestinesi nel conflitto di Gaza, e le loro azioni sono state spesso accompagnate da eccessi antisemiti. Al contrario, il Vlaams Belange del Belgio e il Rassemblement National francese, due partiti generalmente ma discutibilmente descritti come di estrema destra, hanno invece mostrato simpatia verso Israele e non sono esenti da errori antisemiti dal 7 ottobre. A dire il vero, questo nuovo Jonathan Institute, creato all’inizio del 2024 da esponenti liberali di sinistra, ha ancora qualche difficoltà a scrollarsi di dosso vecchi programmi che equiparano l’antisemitismo al cristianesimo o all’estrema destra.
Molti altri segnali testimoniano il triste fatto che gli ebrei non sono più al sicuro a Bruxelles. Gli spazi della comunità ebraica sono protetti da blocchi di cemento, telecamere e un cancello d’ingresso. Sebbene l’hijab sia onnipresente nei luoghi pubblici di Bruxelles (indossato da più della metà delle donne in alcuni quartieri), non vediamo più la kippah per le strade di Bruxelles. Una scuola ebraica situata vicino alla Gare du Midi, un quartiere a maggioranza musulmana, è stata costretta a trasferirsi dopo un aumento degli incidenti che hanno messo in pericolo gli adolescenti ebrei in metropolitana. L’Olocausto non viene più insegnato da molto tempo nella maggior parte delle scuole di Bruxelles. Nel campus della cosiddetta Libera Università di Bruxelles, gli studenti ebrei sono stati molestati e vittime di bullismo dopo il 7 ottobre.

READ  La Russia conclude la ricerca dei 13 minatori intrappolati sottoterra da due settimane

Classe politica negativa

Tuttavia, nel 2011, uno studio condotto dal sociologo Marc Elchardus della VUB (Libera Università di Bruxelles) ha dimostrato che la metà degli studenti musulmani a Bruxelles erano Antisemita.
In effetti, l’aumento dell’antisemitismo coincide con la crescita Migrazione musulmana Che ha conosciuto un’accelerazione a partire dal 2000. Il mondo politico si è comportato come tre scimmie: non vede, non sente, non dice niente. Durante le commemorazioni dell’Olocausto, le autorità ripetono con la mano sul cuore che l’antisemitismo non ha posto in Belgio, mentre assistono passivamente alla sua ascesa al potere senza volerlo affatto riconoscere. Il voto musulmano è diventato essenziale per il successo dei partiti di sinistra, il cui peso elettorale a Bruxelles è aumentato a causa dell’immigrazione Dal 34 al 54% entro vent’anni. Di fronte a decine, e ormai centinaia di migliaia, di voti musulmani, i voti dei trentamila ebrei belgi, una vera minoranza, non hanno molto peso. Noi Alcuni Perché per vent’anni ha cercato invano di mettere in guardia da questa pericolosa tendenza che né i media né il mondo politico volevano vedere.

Leggi anche Richard Brasquier: Dopo l’attentato di Rafah, la demonizzazione di Israele è raddoppiata

Ma forse le più significative sono le toccanti testimonianze degli ebrei di Bruxelles: “Quando arrivai dall’Ungheria nel 1945, mio ​​nonno mi diceva sempre che il Belgio era un paese sicuro per gli ebrei e che la nostra famiglia lì non avrebbe mai rischiato nulla. Oggi spiego ai miei figli che il loro futuro non è qui e che devono prepararsi a vivere una vita altrove.Me lo ha detto un suo connazionale. Un altro, la cui famiglia lasciò la Turchia all’inizio del XX secolo e si trasferì in Portogallo dopo il 7 ottobre, dice: “Bruxelles ha perso terreno a causa dei suoi calcoli politici basati sul peggioramento del settarismo. A differenza della Francia, non esiste una vera linea rossa. Se il pericolo non è immediato, l’atmosfera non lascia spazio ad alcuna speranza.. Sembra che il destino degli ebrei belgi sia segnato, perché queste testimonianze meritano ogni analisi. Il Belgio sta gradualmente diventando GudenreinMentre celebriamo con gioia e coscienziosità le grandi masse che vivono insieme…

Hai appena letto un articolo ad accesso aperto.

READ  L'Agenzia internazionale per l'energia atomica afferma che l'Iran ha chiuso i suoi impianti nucleari il giorno dell'attacco a Israele

Kosor vive solo attraverso i suoi lettori, e questa è l’unica garanzia della sua indipendenza.

Per sostenerci acquista Causeur in edicola oppure… Registrati !