Febbraio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La vettura tedesca è a piena potenza davanti alla Cina

La vettura tedesca è a piena potenza davanti alla Cina

Mercoledì 10 maggio, in occasione dell’Assemblea Generale del Gruppo Volkswagen (VW), a Berlino, si è svolto un incredibile evento telescopio per due epoche. Wolfgang Porsche, membro del consiglio di amministrazione della Volkswagen e nipote di Ferdinand Porsche, progettista del primo Maggiolino tedesco “macchina del popolo”, ha festeggiato il suo 80° compleanno. La famiglia Porsche-Piëch, di cui è il patriarca, e azionista di maggioranza del gruppo con circa 280 miliardi di euro di fatturato e 22,5 miliardi di utili nel 2022, non è mai stata così ricca.

Allo stesso tempo, molti azionisti sono stati allarmati dalla drammatica fregatura in atto: la Volkswagen ha subito un’amara battuta d’arresto in primavera, perdendo il titolo di casa automobilistica cinese, che deteneva da più di due decenni. D’ora in poi, l’azienda cinese BYD, lanciata sulle auto solo nel 2003, diventa leader di mercato. Il declino della Volkswagen va visto alla luce della sua massiccia dipendenza dalla Cina: il produttore ora vende lì quattro auto su dieci.

Questo momento non potrebbe riassumere meglio l’intero prestigio dell’industria automobilistica tedesca. Per Volkswagen, ma anche per Mercedes e BMW, il momento è esistenziale. I produttori hanno registrato profitti record nel 2022, vendendo meno auto con un margine più elevato. Ma in Cina, il mercato automobilistico più grande e dinamico del mondo, quello in cui hanno realizzato la maggior parte dei loro profitti per un decennio, i vecchi signori della berlina termica di grossa cilindrata cominciano a sembrare dei dinosauri.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati BYD, un produttore cinese di veicoli elettrici lanciato alla conquista dell’Europa

Tutti gli osservatori del settore hanno riportato lo shock che hanno provato al Salone dell’auto di Shanghai ad aprile. Se qualche anno fa le auto di marca tedesca dominavano le strade, ora hanno lasciato il posto in gran parte ai produttori nazionali, che producono modelli economici, di tutte le gamme e soprattutto… elettrici.

READ  Auchan explique rester en Russie pour le bien de ses salariés et des clients

Possiamo parlare di una nuova era.

È questa rapida rivoluzione tecnologica che spiega la perdita di quote di mercato dei gruppi automobilistici tedeschi in Cina. Un numero riflette il pericolo che ci attende: un quarto delle nuove immatricolazioni cinesi nel 2022 erano auto elettriche. In questo segmento in rapida crescita, solo Volkswagen, Audi, Mercedes e BMW occupano complessivamente… meno del 5% della quota di mercato.

Nel 2022 nella Repubblica popolare cinese sono stati venduti 4,4 milioni di veicoli, per lo più con motori a combustione interna. Certo, offrono modelli elettrici, ma questi non sono popolari tra la folla. Tra le dieci auto elettriche più vendute in Cina all’inizio del 2023, la Volkswagen si è classificata solo al nono posto. Tesla è l’unica casa automobilistica straniera ben posizionata in questo club dominato dalla Cina.

Hai ancora il 73,98% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.