Febbraio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il gas naturale europeo è inferiore a 30 euro per megawattora, per la prima volta da giugno 2021

Il gas naturale europeo è inferiore a 30 euro per megawattora, per la prima volta da giugno 2021

“data-script =” https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js”>

Poco prima delle 16, il contratto future sul TTF olandese, considerato il benchmark europeo, è passato a 29,90 euro per MWh.

I prezzi del gas continuano a scendere. Già tornato al di sotto del suo prezzo prebellico in Ucraina – circa 40 euro per megawattora – per due mesi, il gas naturale europeo è sceso brevemente sotto i 30 euro per megawattora giovedì pomeriggio. Poco prima delle 16, il contratto future sul TTF olandese, considerato il benchmark europeo, è passato a 29,90 euro per MWh. Dopo pochi minuti è leggermente aumentato a circa 30 euro.

Un tale livello non si raggiungeva dal 2021. Nel frattempo, la guerra in Ucraina e le tensioni sulla domanda hanno spinto i prezzi a un picco: nell’agosto 2022 è stato osservato un picco di oltre 300 euro per MWh, mentre quei timori sono stati assediati. Rifornimento del continente europeo. Da allora la situazione si è calmata, con il mercato ancora ben fornito, con buoni livelli di stoccaggio in Europa e temperature elevate che incidono sulla domanda.

«Il livello generale dei consumi di gas naturale ha continuato a diminuire“Con l’aumento delle temperature in Europa, spiega Bjarne Schildrup, analista di SEB. La domanda di riscaldamento è la principale fonte di consumo di gas per le persone”.Il riscaldamento globale riduce la domanda di gas per il riscaldamentoAggiunge che le temperature previste a breve termine rimangono al di sopra della media stagionale e quindi riducono la domanda.

Gli analisti di Energi Danmark affermano che i livelli di stoccaggio sono ben al di sopra della media in Europa. “Le scorte sono vicine ai massimi record per questo periodo dell’annoBjarne Schieldrop conferma, affermando che al momento la domanda è ancora debole. Quindi l’Europa è sulla buona strada per ricostituire le sue scorte prima del prossimo inverno. “La crisi energetica europea è stata di fatto fermata grazie allo straordinario accomodamento dell’Unione Europea all’indomani dell’invasione russa dell’Ucraina“, Lui dice.

READ  Il miliardario ceco Daniil Kretinski di nuovo al capezzale di "Liberazione"

La scorsa settimana l’Unione Europea ha lanciato la sua prima gara internazionale per l’acquisto di gas sfuso, al fine di ottenere prezzi migliori per il reintegro delle scorte prima dell’inverno 2023-2024. Venticinque fornitori hanno già risposto a questa chiamata. questi “acquisti di gruppoGli europei devono evitare la situazione che ha prevalso nell’estate del 2022, quando paesi e aziende si sono precipitati contemporaneamente sul mercato del gas per accumulare scorte, facendo salire i prezzi.

Le autorità di diversi Paesi stanno scrutando attentamente la curva dei prezzi, mentre l’inflazione ha schiacciato i bilanci di famiglie e imprese dalla fine del 2021. In Francia, lo scudo doganale che limita l’esplosione delle bollette del gas deve finire quest’anno, secondo il Ministro di Stato. Economia e finanza: con il ritorno dei prezzi di mercato a un livello accettabile,”Non c’è motivo di tenere questo scudoBruno Le Maire ha recentemente annunciato.