Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La Thailandia introdurrà la tassa di soggiorno il prossimo anno

La Thailandia applicherà l’anno prossimo una tassa di soggiorno di 500 baht (12,81 euro) al “Fondo per il trasferimento del turismo”.

La scorsa settimana il Centro di gestione della situazione economica ha approvato l’istituzione di questo fondo, che dovrebbe sostenere progetti di trasformazione nel settore, con un focus sul turismo sostenibile e di alto valore.

Yuthasak Supasorn, governatore dell’Autorità per il turismo della Thailandia (TAT), ha affermato che si prevede di iniziare ad addebitare 500 baht pro capite il prossimo anno, con l’obiettivo di raccogliere 5 miliardi nel primo anno, supponendo che arrivino 10 milioni di stranieri nel 2022.

Il National Tourism Policy Committee ha già dato la sua approvazione per lanciare il fondo nel gennaio di quest’anno, con una proposta di tassa di 300 baht a persona.

Vedo : La Thailandia impone una tassa di soggiorno ai visitatori stranieri

Passare dal turismo di massa al turismo sostenibile

Il sig. Yuthasek ha affermato che ulteriori 200 baht saranno assegnati a progetti avviati dal settore privato, società comunitarie o imprese sociali che desiderano trasformare le proprie attività per soddisfare la strategia del fondo:

Aiutare il Paese a ristrutturarsi da turismo di massa ad un modello economico ad alto valore aggiunto o ad un modello economico organico, circolare e green; ed eco-turismo.

I progetti devono essere innovazioni congiunte e il governo deve utilizzare il fondo per sostenere progetti che possono avere un impatto economico.

Ha detto che il rapporto di sostegno finanziario tra il settore pubblico e quello privato potrebbe essere 50:50, 60:40 o 70:30, a seconda di quanta importanza attribuiamo all’attuazione di questi progetti.


Assicurazione per i turisti

Il fondo mira anche a stanziare un budget per progetti assicurativi e di sviluppo per i visitatori stranieri che richiedono iniziative del governo piuttosto che del settore privato, compresi quelli che richiedono sovvenzioni simili da parte dei governi locali, ha affermato Yuthasek.

READ  L'esercito americano nega di aver abbandonato i cani a Kabul

Il ministro thailandese del turismo e dello sport Biphat Ratchaketprakern ha dichiarato lo scorso gennaio che il vantaggio della tassa sul turismo è che i turisti stranieri che si ammalano o si infortunano saranno curati e riceveranno cure mediche adeguate.

Pivhat ha affermato che 34 baht dell’importo dell’imposta dovrebbero essere utilizzati per la copertura assicurativa.

La tassa non ha lo scopo di combattere l’impatto finanziario dell’epidemia

Ha aggiunto che una volta approvato il concetto, il Ministero del turismo e dello sport e l’Autorità tecnica del turismo saranno invitati a discutere con le autorità interessate l’istituzione di un comitato di fondi e meccanismi di finanziamento, come ad esempio le modalità di riscossione delle tasse dai turisti.

Il comitato dovrebbe stabilire criteri per determinare quali progetti sono ammissibili al sostegno finanziario.

“Il costo aggiuntivo non influirà sui turisti, perché vogliamo concentrarci sul mercato della qualità”, ha affermato Uthasek.

“Speriamo che questo fondo sosterrà la riforma del turismo nazionale creando luoghi più sicuri e puliti”.

Ha aggiunto che l’obiettivo del fondo non è affrontare l’impatto finanziario della pandemia, ma piuttosto concentrarsi sulla crescita economica interna a lungo termine.


Fonte : Posta di Bangkok