Novembre 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La tempesta Anna ha lasciato decine di migliaia di vittime

Un totale di 86 persone sono morte in Madagascar, Mozambico e Malawi, secondo gli ultimi rapporti delle autorità.

Articolo di

pubblicato

aggiornare

momento della lettura : 1 minuto.

La pioggia battente si è finalmente calmata. Ma la tempesta Anna, che ha colpito tre paesi del Sud Africa, ha causato lo sfollamento di decine di migliaia di persone e ha tagliato fuori vaste aree a causa delle inondazioni venerdì 28 gennaio. Un totale di 86 persone sono morte in Madagascar, Mozambico e Malawi, secondo gli ultimi rapporti delle autorità. I soccorritori stanno ancora lottando per raggiungere determinati luoghi, molte strade sono interrotte e i ponti stanno crollando.

In Malawi, dove sono state uccise 20 persone, strade impraticabili costringono le famiglie a trasportare i corpi a piedi dove verranno seppelliti. Lì è stato dichiarato lo stato di calamità naturale. Una parte del paese è ancora immersa nell’oscurità e l’improvviso aumento dell’acqua ha spento i generatori. Le compagnie energetiche stanno cercando di ripristinare l’elettricità negli ospedali e nelle scuole.

In Madagascar la tempesta ha portato piogge torrenziali anche sulla Big Island, provocando inondazioni e smottamenti. 48 persone sono state uccise lì e 130.000 sono rimaste ferite. Almeno 72.000 persone hanno perso la casa. Nella capitale malgascia, Antananarivo, palestre e scuole sono state sequestrate e convertite in alloggi di emergenza. Circa 20.000 persone hanno iniziato a tornare a casa venerdì.

Infine, sono stati segnalati 18 decessi nel Mozambico settentrionale e centrale. Secondo l’UNICEF, sono state danneggiate 10.500 case, 12 centri sanitari e 137 scuole. Dopo una visita nella zona, il primo ministro mozambicano Carlos Agostinho de Rosario si è detto scioccato nel vedere che anche gli ultimi ponti erano crollati.

READ  Lo sciopero della fame dell'attivista incarcerato Alaa Abdel-Fattah è entrato nelle discussioni della COP27