Luglio 3, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Produzione locale di vaccini: nuovi dettagli sulle tre fasi del progetto

Gli accordi che delineano una strategia per dotare il Marocco di capacità industriali e biotecnologiche complete e integrate, dedicate alla produzione di vaccini, hanno avuto Firmato davanti al re Mohammed VI lo scorso luglio.

La strategia marocchina punta, con un orizzonte di 5 anni, a posizionare il Regno come campione continentale di vaccini e trattamenti biologici, in tre fasi:

> livello 1 : Garantire che la capacità di riempimento delle fiale della camera bianca per il vaccino covid 19 risponda all’urgente necessità sanitaria. Questo progetto è guidato da Sothema in collaborazione con Sinopharm.

>> La seconda fase : Consiste nella creazione di un nuovo centro di produzione di vaccini e trattamenti biologici (materie attive e prodotti finali).

>>> Fase 3 : Mira a sviluppare la produzione di bioterapie, componenti attivi di mRNA e biosimilari.

In sette mesi si sono registrati progressi significativi nelle tre fasi. Ecco cosa sappiamo a questo punto.

Fase uno: progetto Atlas (2022)

Questa prima fase, attuata a breve termine, consiste nel garantire l’immediata disponibilità di un vaccino antivirale, Utilizzo e capacità di confezionamento del riempimento asettico Disponibile localmente in Marocco per produrre 5 milioni di dosi di vaccini covid19 al mese. Questa fase è attualmente svolta dal Sothema Pharmaceutical Laboratory in collaborazione con Sinopharm.

In una precedente dichiarazione a Médias24, il ministro della Salute ci ha spiegato che questa fase è aperta ad altri operatori farmaceutici marocchini, purché abbiano i requisiti di base necessari e soddisfino i requisiti delle operazioni di confezionamento sterile.

Al momento, il progetto realizzato in collaborazione con Sothema è in fase di attuazione. È stato attuato un rapido trasferimento di tecnologia che consente “di trasportare in Marocco entro tre mesi il riempimento in camera bianca delle fiale del vaccino anti-Covid 19 Sinopharma”. Il Drug Administration Program e l’Ambasciata del Marocco in Cina hanno svolto un ruolo importante nell’accelerare la registrazione e la disponibilità del vaccino in Marocco.

READ  Le pape dénonce la « férocité » de la Russie dans une guerre « peut-être provoquée »...

Per quanto riguarda la capacità produttiva nazionale del vaccino anti-coronavirus, Ora sono oltre 3 milioni di dosi. lei Aumenterà a quasi 5 milioni di dosi a partire da febbraio 2022 e più di 20 milioni di dosi al mese entro la fine del 2022.

Fase due: Progetti Al-Assad 1 e 2 (2022-2025)

La seconda fase del progetto marocchino consiste in Stabilire la capacità di produrre materiali di imballaggio e potenza al fine di garantire la sovranità sanitaria del Regno e del continente a lungo termine.

È iniziata nel 2021, in concomitanza con la prima fase di produzione di un vaccino contro il Covid-19. L’obiettivo è produrre tutti i tipi di vaccini e sostanze attive. Questa fase si svolgerà in due fasi/progetti intitolati Lion 1 e Lion 2.

Quindi questa fase della strategia è supportata da Sensio Pharmatech, Una società farmaceutica creata in collaborazione con Recipharm e con l’aiuto e il sostegno dell’Unione delle banche e del Fondo di investimento Mohammed VI.

L’ambizione dichiarata è di farne la più grande piattaforma per il riempimento di vaccini (per capacità) in Africa. Recentemente, Sensi Pharmatik Con l’obiettivo di diventare uno dei primi cinque al mondo.

Il lavoro di questa unità industriale, leone 1, è stato lanciato giovedì 27 gennaio 2021. La prima parte di questo complesso produrrà più di 300 milioni di dosi all’anno entro la fine del 2023 e più di due miliardi di dosi all’anno entro la fine del 2025.

Nel frattempo, nel 2023 inizierà la seconda fase. È l’unità industriale leone 2. Consiste in Edificio da 50.000 litri in Ben Slimane Per la produzione di sostanze attive per fornire Lion 1 e, in definitiva, il fabbisogno del continente.

READ  En Nouvelle-Zélande, un convoi de camions pour protester contro le misure sanitarie

Inoltre, durante questa fase viene pianificato o lavorato un trasferimento massiccio e accelerato di tecnologia. consiste nel trasporto Imballaggio asettico e produzione di principi attivi di oltre 20 vaccini e prodotti di bioterapia, inclusi 3 vaccini anti-covid19, in meno di 3 anni in Marocco. Questo coprirà più del 70% dei bisogni del Regno e più del 60% dei bisogni del continente.

Si parla anche di trasferirsi in Marocco piattaforme biotecnologiche avanzate, Compreso la ricerca clinica, lo sviluppo e la produzione di terapie cellulari, genetiche e con cellule staminali e tecniche diagnostiche avanzate in vitro.

Ecco le fasi principali del progetto Sensyo Pharmatech presentate:

21 settembre 2021: Firma del contratto tra Recipharm e le autorità competenti.

08 ottobre 2021: firma dell’attrezzatura in Cina.

Dicembre 2021: Studi e preparazione del sito web di Bin Suleiman.

31 gennaio 2022: Viene firmato il primo prodotto commerciale.

– 14 aprile 2022: due linee e tre unità spedite (95% di SAT/FAT precedentemente prodotto in Cina).

3 maggio 2022: Disponibilità di fonti energetiche.

28 maggio 2022: l’ultima unità è stata consegnata a Benslimane Tofflon e MM in loco, tutti i team operativi sono stati formati, tutte le attività di qualificazione sono state svolte in Cina.

– 21 luglio 2022: Qualificazione di Warehouse IQ/OQ.

30 luglio 2022: Inaugurazione del corridoio di ingegneria e pulizia degli impianti e camere bianche qualificate.

Fase tre: il progetto Dakhla (2023-2030)

La fase finale di questo progetto consiste nella creazione Un polo africano nel campo dei biofarmaci e dell’innovazione dei vaccini in Marocco è riconosciuto in tutto il mondo.

L’obiettivo è garantire il massiccio e continuo trasferimento di tecnologia per posizionare il Regno nel prossimo quinquennio, come motore del continente in termini di ricerca, sviluppo e produzione di prodotti biofarmaceutici avanzati.

READ  Passi misteriosi di 3,6 milioni di anni

Diversi trasferimenti di tecnologia sono stati completati o sono in corso I rappresentanti eccezionali non sono Sinopharm, VMIC, Innovax, Stelis Biopharma, Innovent, Walvax Biotechnology, Astrazeneca, Clover Bioarm Pharmaceuticals, BMES Biomedical, Korea University, CEPI.