Ottobre 25, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La scelta del Paris Saint-Germain, la collusione con Mbappe, l’arrivo di Messi: le confessioni di Achraf Hakimi

Cosa segue dopo questo annuncio

Jorginho Wijnaldum, Sergio Ramos, Gianluigi Donnarumma, Lionel Messi, Nuno Mendes… tanti nomi famosi che sono venuti a riempire le fila del Paris Saint-Germain quest’estate. Ironia della sorte, nessuno dei giocatori citati è esploso sullo schermo dopo sette giorni di First Division e uno di Champions League. D’altra parte, i tifosi del PSG si stanno godendo i servizi di Achraf Hakimi. Sbarcato la scorsa estate dall’Inter per 60 milioni di euro, il terzino destro ha fatto un inizio di stagione più che convincente sotto i colori del Paris. Titolare di tre gol e due assist in campionato, il fuoriclasse ha segnato mercoledì a Metz una doppietta per regalare una preziosa vittoria alla sua famiglia (2-1) negli ultimi secondi dell’incontro.

Se il suo arrivo ha suscitato un po’ di eccitazione e ha soddisfatto un bisogno urgente di Mauricio Pochettino, i suoi servizi deliziano l’amministrazione parigina. In un’intervista a L’Equipe MagazineIl nazionale marocchino svela i motivi che lo hanno portato ad adottare il caso Ile de France, nonostante l’interesse del Chelsea. La scelta del cuore che l’ex madridlini non rimpiange al mondo. “Quando ho ricevuto queste due offerte, ho avuto l’intuizione che sarei dovuto venire a Parigi, che sarei stato felice lì. Il Paris Saint-Germain è un grande club e apprezzo quanto le persone mi amino e mi desiderino. Sono stato fortunato che il mio L’arrivo è stato accompagnato da grandi trasferimenti, sono già sicuro di non aver sbagliato, mi sento bene, abbiamo una squadra da sogno e sono felice di farne parte”. Così, Hakimi era più affascinato che mai a Parigi.

READ  La Germania fa paura, servizio minimo ai Paesi Bassi, la Croazia resta in testa

Achraf Hakimi non si pente di aver scelto il Paris Saint-Germain

prima di ammettere volontariamente che la sua discussione con Mauricio Pochettino lo aveva convinto. “Mi ha detto che gli piaceva il modo in cui giocavo e che avrei imparato molto da lui. L’abbiamo colpita durante questa conversazione. È un allenatore che mi piace: gli piace controllare le partite grazie al possesso palla e gioca in modo molto offensivo. Qualche anno fa mi voleva davvero al Tottenham. Ha un modo di gestire e far giocare le sue squadre. Potrebbe aiutarmi ad avanzare. Avevo bisogno di un allenatore che mi desse fiducia e libertà di attacco “. Così decifra un cittadino di Madrid. Quindi quest’ultimo sapeva che tutte le condizioni erano soddisfatte per lui per trarre l’essenza delle sue qualità. All’interno della forza lavoro XXL, Achraf Hakimi è stato in grado di essere adottato dallo spogliatoio parigino. La sua comprensione di Kylian Mbappe dentro e fuori dal campo rimane chiara. Un’amicizia nascente incarnata in un bellissimo legame sul prato. “È successo in modo naturale, dal primo giorno. Siamo giovani (entrambi nati nel 1998), abbiamo molto in comune e le cose stesse ci attirano. Questa amicizia ci rende migliori e ci aiuta a essere complementari sul campo “ Lascia il leone dell’Atlante.

Era la complicità che Hakimi deve padroneggiare con un certo giocatore Lionel Messi il cui arrivo al Paris Saint-Germain ha completamente sorpreso il difensore marocchino. Dopo aver giocato con grandi giocatori al Real Madrid, al Borussia Dortmund e poi all’Inter, si sta godendo la possibilità di crescere ogni giorno con il miglior giocatore del mondo. “Messi sta lasciando il Barcellona, ​​come tutti, non me l’aspettavo. E quando ho saputo che sarebbe venuto qui, che dire? Un sogno per me! Ho giocato con tanti grandi giocatori (Cristiano Ronaldo al Real, Haaland al Dortmund …) E l’unico che mi è mancato è Messi! Sono orgoglioso di crescere con un grande calciatore. Per progredire, presterò attenzione a come si allena e gioca. Farà crescere la squadra e tutto il resto i giocatori che lo compongono. Parliamo la stessa lingua, inoltre, piano piano, ci conosciamo e costruiamo un rapporto La mia arte con lui è facile! Gli do il pallone, corro e lui mette di nuovo dentro! (ride) Sono rimasto sorpreso dal suo modo di recitare, è semplice e calmo.” Da quando è arrivato al Paris Saint-Germain, Achraf Hakimi ha sognato ad occhi aperti…

READ  Champions League: il PSG è visto come la squadra da battere? Pochettino e Marquinhos - Calcio