Ottobre 20, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La repressione delle frodi impone una multa di 1,6 milioni di euro a Societe Generale

La banca è stata sanzionata lunedì per aver violato le norme sui pagamenti con carta di credito.

La Société Générale s’est vue infliger lundi une modifye d’environ 1.6 milioni di euro per la Direction générale de la concurrence, de la consommation et de la répression des fraudes (DGCCRF), pour manquements à la réglementation sur pas bank card.

La principale lamentela sollevata dalla DGCCRF: l’implementazione di un bad exchange level, ovvero la commissione che la merchant bank paga al cliente durante la transazione con carta, quindi un cap dello 0,3% invece dello 0,2%.

Pertanto, la repressione delle frodi è accusata di creare una mancanza di trasparenza che ha impedito ai suoi clienti commercianti di esercitare la concorrenza. La Société Générale, da parte sua, sostiene che la differenza di cambio non ha alcun effetto sulle cambiali del commerciante.

Inoltre, su alcune carte bancarie, la banca con il logo rosso e nero riportava la scritta “Carta di creditoInvece di un singolo segnocredito», che potrebbe creare confusione tra i suoi clienti. Questo riferimento va contro la normativa europea, e sottolinea la repressione delle frodi, mentre la banca afferma che al contrario, secondo la legge francese.

la differenza “senza conseguenze»?

Secondo la banca, questo “La differenza di interpretazioneNon ha avuto conseguenze per i suoi clienti. Société Générale garantisce che “Le carenze che la DGCC critica sono di limitate dimensioniDal momento che solo il 3,4% delle carte bancarie sarà interessato. Afferma inoltre di aver intrapreso attività per consentire la rifabbricazione nel primo trimestre del 2022 delle carte bancarie in questione, con una lettera esplicativa indirizzata al cliente, al fine di tener conto delle controaccuse antifrode.

READ  Numeri record a Wall Street con ottimismo sul Covid

Per gli stessi motivi, lunedì la DGCCRF ha inflitto anche una multa di 175.000 euro alla Caisse d’Epargne Loire-Centre. La DGCCRF rileva che queste nuove multe fanno parte di un’indagine condotta dal 2018 sul rispetto della normativa europea in materia di acquisti con carta di credito, che ha già portato ad altre sanzioni.

Già a dicembre 2020 sono state inflitte a sei banche francesi multe per oltre 2,8 milioni di euro per spese eccessive durante i pagamenti con carta.