Maggio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La flora intestinale influenza le relazioni sociali?  |  Scienze

La flora intestinale influenza le relazioni sociali? | Scienze

La fobia sociale, una condizione che provoca intensa ansia e paura nelle interazioni di gruppo non familiari, colpisce molti individui. Può iniziare nell’infanzia o nell’adolescenza, durare anni e portare a comportamenti evitanti che compromettono la qualità della vita. Ci sono stati tentativi di affrontare questa sfida attraverso interventi farmacologici, ma la loro efficacia rimane limitata e incoerente.

Tuttavia, una nuova scoperta evidenzia una potenziale soluzione alla fobia sociale. La ricerca mostra che gli individui con questo disturbo hanno microbi intestinali distinti rispetto a quelli senza di esso. Sorprendentemente, questi microrganismi possono influenzare il modo in cui il cervello elabora le interazioni sociali.

Cosa sono i microbi intestinali? Molti batteri vivono nel corpo umano, soprattutto nell’intestino, e formano un sistema complesso noto come flora intestinale, microbiota o microbioma. È costituito da più di 1.000 specie di batteri che cambiano nel tempo a causa di fattori quali la dieta, l’uso di antibiotici, la modalità di nascita e gli stili di vita moderni. La struttura e i cambiamenti nel microbiota intestinale sono dinamici. Mentre il corpo fornisce un ambiente ricco di sostanze nutritive, la flora intestinale fornisce funzioni metaboliche, protettive e strutturali indipendenti dai geni di una persona. Questi microrganismi aiutano a rimuovere le tossine, impediscono ai batteri nocivi di colonizzare l’intestino, supportano il sistema immunitario e controllano l’infiammazione nel corpo.

I trapianti di microbiota fecale vengono ora utilizzati per studiare come influenzano i cambiamenti nelle caratteristiche del ricevente. Ad esempio, quando le feci di un topo obeso vengono somministrate a un topo magro e privo di germi, diventa più probabile che mangi troppo e ingrassi. Tuttavia, l’esatto meccanismo attraverso il quale i microrganismi provocano questo effetto rimane sconosciuto. La ricerca ha anche rivelato che questi trapianti di organi possono trasferire tratti psicologici e fisiologici associati a condizioni come depressione, ansia, sindrome dell’intestino irritabile e schizofrenia. Ciò suggerisce che la flora intestinale può effettivamente influenzare la funzione cerebrale.

READ  Gli obiettivi climatici di First Capital REIT sono stati convalidati attraverso l'iniziativa Science Based Targets

Ciò ha portato un team di ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma a Studiare se specifici microrganismi intestinali possono causare paura sociale. Hanno trasferito le feci di esseri umani con fobia sociale a topi maschi per osservare i cambiamenti nella paura sociale, nella socievolezza, nella cognizione, nei comportamenti di gestione dello stress e nella funzione intestinale nei topi. I ratti che hanno ricevuto le feci di un essere umano con fobia sociale hanno mostrato una maggiore sensibilità alla paura sociale, come confermato dai test pavloviani. Questi risultati evidenziano l’impatto significativo dei microbi intestinali sulla funzione cerebrale nei topi.

Sebbene organi o materiali biologici siano stati trasferiti dagli animali agli esseri umani in diverse occasioni, il trasferimento inverso, ovvero materiale biologico umano trapiantato negli animali, è meno comune. Questo per considerazioni etiche e pratiche, come il passaggio da qualcuno con fobia sociale a qualcuno che non ne soffre. Tuttavia, il trasferimento di microrganismi associati a questa fobia a un animale più piccolo come un topo mostra costantemente un effetto che potrebbe estendersi lungo la catena evolutiva dei mammiferi, influenzando potenzialmente il nostro cervello umano. Ciò suggerisce che l’alterazione del microbiota degli individui con fobia sociale può fornire un modo promettente per trattare o alleviare la loro condizione.

sottoscrizione PER LA NOSTRA NEWSLETTER SETTIMANALE Per una maggiore copertura delle notizie in lingua inglese da EL PAÍS USA Edition