Febbraio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La fabbrica entra in guerra contro la Svezia e fa causa al paese

La fabbrica entra in guerra contro la Svezia e fa causa al paese

Tesla inizia un vero confronto con la Svezia. Il motore elettrico del colosso americano è entrato nelle suite dall’altro lato del piano coprendo la sezione di osservazione postale prevista per il 20 novembre per consegnare l’ufficio e gli atelier Tesla in un’enorme tomba che ha toccato gli usi del costruttore americano nel Paese.

Come promemoria, lo sciopero presso la casa automobilistica è iniziato alla fine di ottobre quando circa 130 meccanici, che lavoravano in 10 officine Tesla sparse in sette città della Svezia, hanno abbandonato per la prima volta, secondo il sindacato IF Metall. Il movimento si è poi esteso ad altre officine dove vengono riparate le auto elettriche del gruppo di Elon Musk, e davanti agli impiegati delle poste, anche i lavoratori portuali hanno smesso di scaricare le auto Tesla che arrivavano nei porti a sostegno degli scioperanti.

Tesla: arrabbiata con Elon Musk dopo che i servizi postali si sono rifiutati di consegnare le targhe alle sue fabbriche in Svezia

Targhe che non vengono più consegnate

Una situazione che ha fatto arrabbiare il capo della Tesla. E per una buona ragione, dato che la partecipazione del settore postale allo sciopero potrebbe impedire la messa in circolazione delle nuove auto Tesla, poiché le targhe vengono consegnate solo per posta. Questo divieto di pubblicazione è stato descritto come “ pazzo » Scritto da Elon Musk, venerdì 24 novembre.

Nella sua istanza al tribunale distrettuale di Norrköping, Tesla ha chiesto al tribunale di chiedere all’agenzia svedese dei trasporti di garantire che le targhe ” È entrato in possesso di Tesla L’azienda chiede inoltre una multa di 1 milione di corone (87mila euro) se l’ente pubblico non darà attuazione alla possibile decisione del tribunale, che lunedì 27 novembre ha già ottenuto la prima decisione positiva.

READ  Il governo vuole colpire i settori più colpiti

Auto elettrica: Tesla da 25mila euro, la nuova sfida per Elon Musk

Lunedì sera l’Agenzia svedese dei trasporti ha dichiarato di aver ricevuto “ Una decisione temporanea (..) le impone di accettare, entro sette giorni, che Tesla ritiri le targhe direttamente dal produttore delle nostre targhe. L’agenzia generale aggiunge in un messaggio all’Agence France-Presse: Il nostro produttore di pannelli ha annunciato di essere pronto a fornire pannelli direttamente a Tesla, previa approvazione da parte dell’Agenzia dei trasporti svedese », spiegando che sta valutando le conseguenze di questa decisione del tribunale.

L’agenzia svedese dei trasporti ha indicato la scorsa settimana che l’invio delle targhe è stato affidato al gruppo Postnord Post in base a un contratto che si applica a tutte le agenzie governative. In un’altra richiesta, Tesla chiede al tribunale di Solna, un sobborgo di Stoccolma, di esigere che Postnord, di proprietà degli stati svedese e danese, gli restituisca le targhe.

Auto elettrica: Tesla da 25mila euro, la nuova sfida per Elon Musk

Rifiutarsi di firmare un contratto collettivo

La fabbrica dietro questo sciopero è accusata di essersi rifiutata di rispettare il contratto collettivo sui salari. I contratti collettivi sono negoziati settore per settore e costituiscono la base del modello del mercato del lavoro svedese. Copre circa il 90% di tutti i dipendenti svedesi e garantisce loro salari minimi e condizioni di lavoro. Sebbene siano sindacalizzati, i lavoratori Tesla non beneficiano dei contratti collettivi di settore perché la loro azienda non ha firmato l’accordo. L’azienda americana specializzata in auto elettriche ha sempre rifiutato le richieste di adesione ai sindacati tra i suoi 127.000 dipendenti in tutto il mondo.

« Rifiutandosi di seguire le regole in Svezia, Tesla sta cercando di ottenere un vantaggio competitivo offrendo ai lavoratori salari e condizioni di lavoro inferiori a quelli che avrebbero ricevuto in base a un contratto collettivo. “, ha denunciato in un comunicato Gabriella Lavecchia, presidente della SICO, il sindacato dei dipendenti dei servizi e delle comunicazioni.

Oltre a IF Metall, altri nove sindacati hanno annunciato azioni di solidarietà nei confronti dei dipendenti Tesla, come il sindacato edile che ha annunciato che interromperà la manutenzione nei siti Tesla a partire dal 28 novembre.

READ  La Bourse de Paris conclut une semaine éreintante par un rebond conséquent

Tesla France sposta la propria sede per espansione

In Francia la situazione è più tranquilla. Il produttore Tesla France ha dichiarato che trasferirà la sua sede a Saint-Ouen (Seine-Saint-Denis) nelle prossime settimane per espandere e sostenere il successo dei suoi modelli, confermando le informazioni di Le Parisien. Un portavoce della marca ha spiegato all’Agence France-Presse che la filiale dell’azienda americana leader nel settore delle auto elettriche ha stabilito la sua sede nel 2016 a Chambourcy (Yvelines), nella periferia occidentale di Parigi, e manterrà lì un agente. La nuova e più grande sede ospiterà inizialmente un centinaio di dipendenti, le cui assunzioni sono in corso. Sarà completato nel 2024 con la concessione del marchio.

Dopo forti tagli dei prezzi, Tesla ha raddoppiato le sue vendite in un anno e ha venduto più di 44.000 auto in Francia nei primi dieci mesi del 2023, lo stesso numero di auto BMW, per esempio. Il SUV entry-level, il Modello Y, è il veicolo 100% elettrico più venduto dell’anno in Francia, davanti alla piccola Dacia Spring, e l’ottavo veicolo più venduto sotto tutti gli aspetti.

(Con AFP)