Febbraio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La donazione del cervello, un atto di ricerca raro ma cruciale

La donazione del cervello, un atto di ricerca raro ma cruciale

La donazione del cervello comporta la rimozione del cervello dopo la morte (Reuters/Rupak D. Chaudhary)

La donazione del cervello è un atto raro e prezioso che aiuta a far progredire la ricerca medica sulle malattie neurodegenerative, come nel caso del morbo di Alzheimer.

La donazione del cervello è vitale per la ricerca. Dagli anni ’80, gli scienziati hanno compiuto grandi progressi nella descrizione delle malattie neurodegenerative, nell’identificazione delle molecole coinvolte o nella comprensione dei meccanismi coinvolti. In occasione della Brain Week, che si svolge dal 13 al 19 marzo ed è sostenuta dalla Vaincre Alzheimer Foundation, soffermatevi sull’importanza di questo tipo di donazione.

A differenza di altri organi, come reni, fegato, cuore o polmoni, il consenso non dovrebbe essere il cervello. Questo organo non può essere trapiantato per salvare la vita degli altri, ma è destinato alla ricerca. Pertanto, per la rimozione post mortem è necessario il consenso scritto del donatore, o di una persona di fiducia.

Migliore comprensione della malattia per trovare nuovi trattamenti

In Francia, la Biobanca Neuro-CEB, dichiarata banca nazionale dei tessuti del Ministero dell’Istruzione Superiore e della Ricerca, è responsabile della raccolta fondi. Maï Panchal, direttore generale e direttore scientifico della Vaincre Alzheimer Foundation spiega: “Ci sono donazioni di cervello a seconda della malattia (morbo di Parkinson, sclerosi multipla…). Per quanto riguarda l’Alzheimer, ci sono una ventina di approvazioni all’anno e circa quindici donazioni di cervelli all’anno, tra le approvazioni ci sono molte di figli di pazienti, c’è un bisogno maggiore di persone anziane sane per donare cervelli”.

Se la donazione del cervello è così importante per la ricerca, è perché nessun modello cerebrale sperimentale, per quanto accurato, è paragonabile al modello umano. Ancora oggi, i meccanismi della malattia di Alzheimer sono ancora poco conosciuti. Conoscerli meglio potrebbe portare alla scoperta di nuove molecole e allo sviluppo di nuovi trattamenti. “Quando i ricercatori avanzano una nuova ipotesi su una malattia o trovano una molecola di interesse, devono verificarla su modelli animali e poi confrontarsi con la realtà umana”, spiega Maï Panchal. Grazie alla donazione, i ricercatori possono confrontare cervelli malati e non malati e convalidare o meno le loro ipotesi su tessuto umano post mortem.

READ  des lésions cérébrales avec une perte importante de matière grigio

“La mente è 10 anni di supporto alla ricerca”

Nel contesto della donazione del cervello, il tempo tra la morte e la raccolta non dovrebbe superare le 48 ore per evitare il degrado delle particelle. Una rete nazionale di neuropatologi consente alla Biobanca di rispettare questa scadenza in tutta la Francia. “Una volta che il cervello è stato assemblato, un emisfero viene fissato in coordinazione aldeidica e l’altra metà verrà congelata a -80°C e campionata. Ogni campione rappresenta diverse regioni del cervello (frontale, temporale, ecc.), spiega il Direttore -Direttore Generale e Scientifico Il cervello richiede circa 10 anni di ricerca.”

In pratica, i ricercatori utilizzano campioni molto piccoli e un cervello può essere utilizzato per molti progetti. La Biobanca ha così potuto sostenere dalla sua nascita più di 200 progetti di ricerca e sono stati pubblicati più di 100 articoli su riviste scientifiche. E lo specialista sottolinea che “tutti i maggiori sviluppi, come la scoperta delle due proteine ​​tossiche che si accumulano nel cervello dei malati di Alzheimer, sono stati scoperti grazie alla donazione di cervelli”.

Il percorso verso il multiprocessing

Nel 2020, la Vaincre Alzheimer Foundation, ad esempio, ha finanziato il progetto del Dr. Dhenain. Il suo scopo: identificare i meccanismi responsabili della proliferazione e della tossicità dei depositi di amiloide nel cervello. Il suo studio ha dimostrato che campioni di cervello apparentemente sani potrebbero trasmettere una delle lesioni del morbo di Alzheimer. In circostanze eccezionali, i depositi di amiloide possono essere trasmessi da un paziente all’altro dopo una procedura medica tramite iniezioni di ormone della crescita dal cervello, per esempio.

READ  I 4 migliori oli essenziali per evitare di prendere il raffreddore quest'inverno - Tuxboard

Mentre è possibile rallentare la progressione della malattia di Alzheimer, non esiste una cura. “L’immunoterapia approvata dalle autorità sanitarie statunitensi, e non ancora approvata in Europa, non è una panacea perché anche se attuata precocemente, il rallentamento del declino cognitivo è solo del 30% circa”, sottolinea May Panchal.Sappiamo che l’Alzheimer è multifattoriale. e che ci sono molte proteine ​​coinvolte e molti meccanismi dannosi. Quindi la soluzione sarebbe HAART”. Ipotesi verificabile grazie alla donazione del cervello.

Video – Dr Christian Recchia: “Per evitare l’Alzheimer ci sono una serie di cose su cui abbiamo il controllo, che possiamo fare”