Ottobre 25, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La criminalità totale della cannabis ricreativa sarà presto messa ai voti in Italia?

L’Italia potrebbe presto sottoporsi a un referendum di iniziativa popolare per bandire la cannabis. Lanciata da diverse associazioni e partiti politici, la consultazione ha raccolto più di 300.000 firme in 3 giorni. Ne servono 500.000 per aprire la strada a un referendum su questa materia

Quasi 350mila italiani hanno firmato l’accordo mercoledì 15 settembre, con l’obiettivo di innescare un referendum. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo raggiungere la cifra di 500.000. Sarà senza dubbio entro la fine di questa settimana.

Associazioni e partiti politici All’inizio di questa campagna Pensavo che avrebbero raggiunto questo limite entro la fine di settembre, ma la consultazione è stata un successo impressionante. È stato aperto online solo da sabato 11 settembre.

Lo scopo del referendum”Modifiche ad alcuni articoli della legge italiana sugli stupefacenti che sanzionano la coltivazione privata di cannabis e abrogano le sanzioni pecuniarie per possesso di cannabis.

Un referendum in movimento

Naturalmente, una volta raccolte tutte le firme, la Corte Suprema deve verificare la legittimità di tutte le firme. La Corte Costituzionale deve assicurare che “la questione del referendum sia conforme alla Costituzione italiana”.

Verificati questi passaggi, il presidente italiano può emanare un decreto che determina la data del referendum. I cittadini italiani voteranno “sì” o “no” alla rimozione degli articoli della legge sulla coltivazione della cannabis per uso personale e alle sanzioni amministrative per i beni personali.

I manifestanti hanno protestato contro la legalizzazione di “questa sostanza pericolosa”. Tuttavia, l’Italia è uno dei paesi europei più intolleranti alla cannabis: il consumo in piccole quantità è generalmente tollerato. Il cosiddetto “fair use” non è più un reato.

READ  Daytime Emmy: Alex Trebeck vince il premio postumo per il presentatore di giochi

Due anni fa, un tribunale italiano, la più alta corte del paese, ha permesso che la cannabis fosse coltivata in casa e “concessa per uso personale e in piccole quantità”.

Quindi l’ormai atteso referendum andrà oltre proponendo di incolpare l’intero mercato. Il “mercato parallelo” della cannabis in Italia è stimato in 6 miliardi di euro l’anno

Continua a leggere su questi argomenti