Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La corsa finalmente comincia e Alaphilippe e Maestri scappano ancora una volta insieme

La corsa finalmente comincia e Alaphilippe e Maestri scappano ancora una volta insieme

44 km – Il distacco sembra troppo ridotto per sperare di arrivare al traguardo

Meno di 1’40 prima dell’attacco al primo percentile, non dovrebbe bastare per la vittoria di tappa.

Ma aspetta, l’abbiamo detto anche l’ultima volta durante la vittoria di Julian…

48km – È questo il ritorno del grande Julian Alaphilippe?

Vincitore della dodicesima tappa, scappa nella sedicesima tappa e, in generale, non si calma molto in questo Giro. È questo il ritorno del grande Julian Alaphilippe o solo un’ultima resistenza? Ne parliamo nell’ultimo episodio del nostro podcast Grand Plateau.

È questo il ritorno del grande Julian Alaphilippe?

53 km – profilo dei due passi che attendono i corridori

La tappa sarà breve, ma le difficoltà non mancheranno, con due biglietti in lista. Categoria 1, Passo Beni, che dovrebbe essere della prima tipologia, non per la forte pendenza ma più per la sua lunghezza: 23,4 chilometri con una pendenza media del 4,8%.

Profilo di Basu Pinay
Profilo del Passo Pinei © PCS

Successivamente il gruppo dovrà affrontare una difficoltà completamente diversa, classificata nella Categoria 2: Monte Panna. Se non fossero molto lunghi (6,5 km), i loro picchi sarebbero superiori al 13% negli ultimi 2 km. Abbastanza per fornire un finale sorprendente.

Profilo del Monte Pana
Profilo del Monte Pana © PCS

59 km – 25 stazioni d’altopiano in più…

…E poi attaccheremo la montagna.

61 km – 1’40 avanti

Il divario si stabilizza per i quattro fuggitivi, intorno all’1’40. Dietro c’è la Movistar che guida per recuperare il ritardo. Ma al momento le cose non si stanno muovendo.

66 km – Il fattore X è Tadej Pogacar

Abbiamo ancora l’impressione che l’esito di questa fase dipenda dalla buona fede del cannibale sloveno Tadej Pogacar. Se vuole vincere, vincerà. Ma con un vantaggio di 6’41 sul secondo classificato Geraint Thomas, ha davvero bisogno di dare il massimo?

69 km – Julian potrà farcela di nuovo?

Il formato di questa sedicesima tappa è molto diverso da quello della dodicesima tappa, vinta dal francese. Qui siamo in vera alta montagna, con passaggi lunghi da scalatori puri, mentre giovedì scorso la salita era breve e brutale, perfetta per scalatori come Julian Alaphilippe.

Ma se la fuga dovesse prendere il sopravvento e le condizioni meteorologiche ne risentissero, chi lo sa?

72km – Le cose vanno molto veloci all’inizio della tappa

Fin dall’inizio abbiamo percorso una media di oltre 56 km/h, sufficiente per riscaldare i corpi freddi.

78 km – 1’22 di vantaggio per i quattro fuggitivi

Julian Alaphilippe e i suoi tre amici italiani ora guidano con 1’22 di vantaggio sul gruppo. Oggi manteniamo la separazione, ma avremo bisogno di un distacco maggiore all’inizio del primo passaggio per sperare di vincere.

86 km – Alaphilippe e Maestre, seconda stagione?

Erano già scappati insieme nella dodicesima tappa, che ha visto il francese vincere dopo un raid strepitoso, e Mirco Maestri e Julian Alaphilippe hanno provato ancora una volta a scappare dal gruppo, questa volta in compagnia di altri due uomini, Davide Ballerini e Andrea Piccolo.

READ  Pro D2 - SU Agen Tile: Colinho Ramuka ha subito un grave infortunio al ginocchio contro il Béziers

Stessa ricetta, stesso risultato? Lo firmeremo…

91 km – Corridori in tunnel

Consigliamo loro di approfittare di questo raro momento di siccità…

93 km – Abbandonato Benjamin Thomas

Vincitore della quinta tappa del Giro 2024, il francese della Cofidis Benjamin Thomas si è appena arreso. Ha parlato con Eurosport prima della partenza, spiegando che il suo unico obiettivo è “sopravvivere” in questa fase. La forza di volontà non basterà.

96 km – Avremmo potuto evitare questo pasticcio?

Tuttavia, le previsioni meteorologiche concordano all’unanimità sul rischio di forti piogge e nevicate in questa sedicesima tappa, per un periodo di cinque giorni. Gli organizzatori dovranno spiegare la loro mancanza di anticipazione.

100 km – Piove ancora forte

Attenzione alle cadute all’inizio di questa tappa velocissima, ma su strada completamente bagnata…

109 km – Inizio di tappa nervoso

Ovviamente una tappa così breve stuzzica l’appetito: molti corridori vogliono far parte del movimento separatista.

118 km – è finita (finalmente)!

Questa volta è andata bene: i corridori hanno finalmente preso il via per questa sedicesima tappa sotto una forte pioggia e in condizioni molto fredde.

E il primo ad attaccare in questa giornata gelida è…Marco Frigo ovviamente (non potete inventarvi)!

I corridori aspettano…ad una stazione di servizio

Una foto insolita sulla nuova linea di partenza: per ripararsi dalla pioggia, i corridori aspettano la partenza sotto il tendone di un distributore di benzina…

La partenza è stata nuovamente ritardata fino alle 14:25.

Il Giro ha pubblicato un nuovo comunicato stampa per annunciare un ulteriore rinvio della partenza:

“Pochi minuti prima della partenza, le condizioni meteorologiche sono peggiorate ulteriormente, quindi l’autorità ha deciso di tornare all’opzione 3: in caso di condizioni meteorologiche avverse, la tappa verrà neutralizzata fino al raggiungimento di un luogo con condizioni di sicurezza a Lhasa/Lasse, alle 14:00:25, secondo il programma.

Ci incontriamo alle 14 per iniziare a ripercorrere questa sedicesima tappa

I corridori partiranno quindi da Prato allo Stelvio dopo aver percorso in macchina il giro della corsia. Quindi la partenza vera e propria era prevista per le 14 circa.

“Conciliazione equa”: il direttore del Giro motiva la sua decisione

Di questa partenza caotica sul palco ha parlato il direttore del Giro Mauro Vegni. Per lui è stato trovato un giusto compromesso.

“Il problema è che in montagna il clima può cambiare molto velocemente: le temperature, il fatto di nevicate o piogge… Quindi è chiaro che fino all’ultimo non possiamo sapere la decisione, sappiamo cosa scegliere ma non possiamo abbiamo già deciso di mettere in atto un protocollo.” La situazione di temperature estreme, e avevamo tre possibili situazioni per affrontare questo tipo di mattinata, e vista la situazione, abbiamo scelto la soluzione numero 3, ovvero lasciare Prato allo Stelvio Noi lo hanno fatto ed è un giusto compromesso tra quello che volevano loro e quello che noi volevamo, e che accontenta tutti, compreso il Comune di Livigno, cercando di arrivare ad un buon compromesso.

READ  Paris Saint-Germain: il Barcellona sta già ricevendo un grande impulso in vista del confronto

Che quadro disastroso per il Giro

Ogni anno ha la sua fase caotica. Nel 2023 è stata la tredicesima tappa ad essere accorciata a causa delle condizioni atmosferiche, ridotta alla triste distanza di 74 km.

Quest’anno la 16a tappa è intrappolata in un dilemma decisionale: gli organizzatori vogliono una partenza falsa a Livigno, ma i corridori restano in macchina.

Se alla fine riusciranno a fare la vera partenza, la tappa sarà lunga 121 chilometri, supponendo che la pista non si muova più. Su cui non ti consigliamo davvero di scommettere.

È davvero utile fare un inizio fittizio?

Nessun corridore aveva ancora raggiunto la linea di partenza, anche se la partenza simulata sarebbe stata data alle 11:55. Date le cattive condizioni atmosferiche e la scarsa affluenza, che senso ha mandarli alla parata di 5 km? Forse questo è il modo di pensare moderno delle auto da squadra.

‘Una delle corse meno organizzate’: l’attacco di Ben O’Connor al Giro

L’australiano Decathlon-AG2R Ben O’Connor ha fatto di tutto a Eurosport.

“Questa è probabilmente una delle gare peggio organizzate. Onestamente, questo non sarebbe mai successo nel 99% delle altre gare. È un peccato che nel 2024 ci siano ancora dinosauri che non vedono il lato umano delle cose “, disse lo scalatore. “Meno.”

Pioggia, neve, temperature gelide…

Come previsto, le condizioni meteo sono pessime in questa sedicesima tappa del Giro. Sta nevicando forte a Livigno, trasformandosi in pioggia mentre scendiamo a valle. Per quanto riguarda le temperature, si aggirano intorno ai 5 gradi Celsius.

Stai tranquillo, stai meglio a casa che pedalare a Livigno.

La partenza effettiva avrà luogo alle 13:58.

Le ultime informazioni indicano una partenza fittizia alle 11:55 fino a una partenza reale alle 13:58. Questo passaggio è davvero noioso.

L’inizio deve essere spostato

Secondo le ultime informazioni di Eurosport, a Livigno dovrebbe essere data una partenza fittizia ma i corridori dovranno salire subito in vettura per attraversare il passo in tutta sicurezza e dare la partenza vera dopo il passo Umbrail.

“È molto pericoloso”: Tadej Pogacar favorevole allo spostamento della partenza

Tadej Pogacar maglia rosa ha espresso il suo parere sul confronto tra corridori e organizzatori alla partenza della sedicesima tappa. Per lui non ci sono dubbi: la partenza va rinviata.

“Non capisco la situazione. Quello che vedo è che il tempo è terribile, nel nostro albergo c’erano già dei ghiaccioli. Quindi a 600 metri di altitudine cade la neve alta, quindi è molto pericoloso, soprattutto in discesa . Il palco sarà più adatto se ciò accade.” “Abbiamo iniziato dopo il passo, non è una buona idea salire fino a 2.500 metri con la neve e poi scendere a tutta velocità, è pericoloso per la salute. Vedremo cosa succede. “Vogliono che corriamo, corriamo , ma dobbiamo sperare che non succeda nessun incidente perché poi se ne pentirà”.

READ  Il Bayern perde contro l'Augsburg, il Dortmund avanza momentaneamente, il Francoforte tiene il passo

Il confronto tra i concorrenti e gli organizzatori è iniziato tardi

Per voce della CPA, l’Associazione Ciclisti Professionisti, i partecipanti al Giro 2024 hanno chiesto questo spostamento alla partenza dopo il Passo Umbrail a causa delle condizioni atmosferiche, minacciando nel caso cadesse nel vuoto di non partire.

Attualmente è in corso una riunione decisionale. In attesa della decisione e della conclusione dei negoziati, questa è stata ritardata.

Due non corridori in questa sedicesima tappa

Martedì due corridori non inizieranno questa sedicesima tappa. L’olandese della Bora Hansgrohe, Danny van Poppel, ha preferito ritirarsi dalla gara. Da parte sua, il belga Genty Bermans è stato colpito da una violenta caduta da un’altezza di 25 metri in una valle durante la quindicesima tappa.

A che ora e su quale canale guardi questo sedicesimo passo?

Dall’inizio del Giro 2024, sarà Eurosport 1 a trasmettere questa sedicesima tappa. La partenza sarà alle 11:30

>> A che ora e su quale canale si potrà vedere la 16a tappa del Giro 2024?

Tadej Pogacar continua a dominare questo Giro

Lì Pogacar e gli altri sono molto, molto indietro. Questa domenica, alla vigilia del secondo giorno di riposo, lo sloveno ha sbaragliato ancora una volta la concorrenza con una vittoria in solitaria a Motolino.

Nel complesso, la Maglia Rosa respinge il suo primo inseguitore, il britannico Geraint Thomas, al 6:41.

>> Classifica generale dopo la quindicesima tappa

Una tappa che si preannuncia dantesca

A parte il panorama montuoso e ampio, questa 16a tappa rischia di impazzire da un momento all’altro a causa delle previsioni meteorologiche particolarmente avverse per martedì.

Per questo gli organizzatori hanno stabilito uno speciale protocollo meteorologico che permette ai corridori di prendersi una pausa di tre minuti per cambiarsi i vestiti se si bagnano, in modo da proteggerli dal rischio di ipotermia.

>> Protocollo meteorologico dettagliato

Alta montagna nel menù del giorno

I corridori del Giro 2024 non hanno finito con l’alta montagna. Giunti domenica al comprensorio sciistico di Motolino, Tadej Pogacar e i suoi inseguitori dovranno ingoiare tre carte segrete: una fuori categoria per iniziare la giornata, poi la prima categoria e la seconda categoria, la più alta delle quali sarà la vincitrice del giudice.

>> Percorso, profilo, preferiti… Tutto quello che c’è da sapere sulla sedicesima tappa del Giro 2024

Buongiorno a tutti!

Benvenuti in questa diretta dedicata alla sedicesima tappa del Giro 2024 tra Livigno e Santa Cristina Valgardina.