Aprile 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Italia e Germania riducono il numero dei loro rappresentanti in parlamento

Italia e Germania riducono il numero dei loro rappresentanti in parlamento

Ogni giorno, il Circolo dei Corrispondenti racconta come viene interpretata la stessa attualità in due paesi.

Mercoledì 5 aprile il Club dei Corrispondenti prenderà in considerazione la possibilità di ridurre il numero dei delegati in Germania e in Italia.

In Germania, semplificare il sistema di voto

In Germania lo ha deciso il Bundestag riducendo drasticamente il numero dei suoi rappresentanti, che passeranno da 736 a 630 seggi nella prossima assemblea del 2025. In effetti, il complesso sistema di voto tedesco non prevede un numero fisso di rappresentanti. Questo numero cambia di anno in anno e recentemente è aumentato a ogni elezione: le proiezioni prevedono più di 800 rappresentanti nel 2025 se non verranno attuate riforme. Ridurre di 106 seggi il numero dei rappresentanti significherebbe l’eliminazione di migliaia di posti di affiliazione parlamentare. Secondo i calcoli della Federazione Contribuenti, la riforma farebbe risparmiare a una legislatura almeno 340 milioni di euro.

Durante le elezioni dell’Assemblea Legislativa, un elettore ha due voti: con il primo voto vota per un candidato nella sua circoscrizione e con il secondo vota per un partito. Finora il candidato primo classificato in una circoscrizione era eletto direttamente, non più uno status automatico. Il partito di un candidato deve ottenere almeno il 5% del secondo scrutinio. Quindi i candidati, inizialmente nel loro collegio elettorale, alla fine potrebbero non diventare parlamentari.

Ma riforma Accettato a larga maggioranza 261 voti contro 399 e 23 astenuti, molto criticati i partiti più moderati, che viene salvato dall’attuale regime, Die Linke, il partito di sinistra. A est, la più affermata Die Linke ha ottenuto più del 12% dei voti nel Meclemburgo-Pomerania, o Turingia, ma solo il 3% nel Baden-Württemberg, o Baviera. Media nazionale: 4,9%, quindi sotto il 5%. Con la nuova regola, Tie Link non ha deputati al Bundestag, mentre il partito ha attualmente 39 seggi. La stessa cosa venduta dalla CSU, la branca bavarese del partito conservatore CDU, è circa il 5%, a volte un po’ di più, a volte un po’ meno. Entrambe le parti hanno annunciato l’intenzione di far invalidare la riforma dalla corte costituzionale “Ha elettori e democrazia”.

In Italia c’è già una riforma

In Italia la riduzione è già stata fatta. Dopo la riforma nel 2020 Ha ridotto di un terzo le dimensioni del parlamento italiano, con una nuova legislatura prevista per l’autunno 2022. Così i deputati italiani sono scesi da 630 a 400 seggi, e 315 senatori sono scesi a 200. Ora ogni senatore rappresenta 150.000 italiani. Figura in Europa.

READ  Coppa Davis - La Francia batte l'Ungheria negli spareggi #DavisCup #Grosjean #FFT #Ungheria #francia

Una riforma avviata da un governo populista e che piace agli italiani perché hanno avuto l’ultima parola in un referendum approvato dai due terzi dei votanti. Ma una riforma che dovrebbe far risparmiare in Italia 60 milioni di euro l’anno: infatti i bilanci delle due assemblee sono ancora pesantemente appesantiti. Molto meglio, secondo alcuni, perché il loro lavoro di parlamentari non si è ridotto di un terzo.

Ma l’estrema destra non vuole fermarsi qui, perché Giorgia Meloni parla di presidenzialismo: vuole cambiare il sistema parlamentare italiano in presidenziale o semipresidenziale come in Francia. Oggi Sergio Mattarella – Un grande cambiamento per gli italiani che sono abituati all’immagine del Presidente della Repubblica, perché la garanzia delle istituzioni non è politicizzata.