Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Israele intensifica il suo attacco a nord e a sud della Striscia di Gaza – 14/05/2024 alle 07:40

I palestinesi si preparano a fuggire da Rafah

Di Nidal Al-Maghribi

Lunedì l’esercito israeliano ha intensificato il suo attacco nel nord della Striscia di Gaza, dove ha affermato di aver sconfitto Hamas diversi mesi fa, mentre conduceva operazioni alla periferia della città di Rafah, nel sud della Striscia palestinese.

Questi combattimenti, i più pesanti delle ultime settimane, hanno costretto centinaia di migliaia di palestinesi a fuggire nuovamente, sollevando il timore che una situazione umanitaria già catastrofica possa deteriorarsi.

Israele descrive il suo ritorno nel nord della Striscia di Gaza, dove ha ritirato la maggior parte delle sue forze cinque mesi fa, come una fase di “autorizzazione” pianificata volta a impedire il ritorno dei combattenti.

Per i palestinesi, ciò dimostra l’impossibilità che Israele riesca a raggiungere l’obiettivo militare di eliminare Hamas.

Un’auto diretta a un ospedale di Rafah è stata colpita, uccidendo un membro straniero delle Nazioni Unite a bordo. Un portavoce delle Nazioni Unite ha detto che questa è la prima vittima straniera che lavora per le Nazioni Unite dall’inizio della guerra a Gaza.

A Jabalia, i carri armati d’occupazione hanno tentato di avanzare verso il centro del campo profughi, il più grande della Striscia di Gaza. Secondo i residenti che sono fuggiti, i proiettili dei carri armati hanno colpito il centro del campo e gli attacchi aerei hanno distrutto diverse case.

Una donna che non ha voluto rivelare il suo nome ha detto: “Non sappiamo dove andare, siamo stati spostati da un posto all’altro (…) correndo per le strade”.

Lunedì Israele ha celebrato il Giorno della Memoria, onorando i soldati caduti e le vittime del terrorismo dalla dichiarazione dello Stato ebraico il 14 maggio 1948.

READ  146 morti e 150 feriti dopo la fuga precipitosa durante le celebrazioni di Halloween a Seoul

Quest’anno è dedicato alla memoria dei 1.200 israeliani uccisi durante l’attacco di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele, nonché ai soldati israeliani morti dall’inizio dell’offensiva nella Striscia di Gaza.

Nel corso di una cerimonia tenutasi a Gerusalemme, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato che la guerra contro Hamas è una battaglia per preservare “l’esistenza, la libertà, la sicurezza e la prosperità” di Israele.

Ha aggiunto: “La nostra guerra per l’indipendenza non è ancora finita. Continua ancora oggi”.

Rafa

Il bilancio delle vittime dell’operazione militare israeliana nella Striscia di Gaza ammonta ad almeno 35.000 persone, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, che lunedì ha messo in guardia dal rischio di collasso del sistema sanitario a causa della mancanza di servizi sanitari. carburante necessario per far funzionare i generatori di elettricità e le centrali elettriche. Ambulanze.

Le autorità locali affermano di aver trovato finora i corpi di 20 palestinesi uccisi nei raid aerei notturni su Jabalia, mentre decine di altri sono rimasti feriti.

A Rafah, vicino al confine con l’Egitto, Israele ha intensificato i bombardamenti aerei e terrestri delle zone a est della città.

La settimana scorsa, le autorità israeliane hanno invitato i residenti a lasciare la parte orientale della città e recentemente hanno ampliato la portata dell’ordine per includere i quartieri centrali, spingendo centinaia di migliaia di persone alla fuga.

Le autorità sanitarie della Striscia hanno esortato la comunità internazionale a premere per la riapertura del valico di Rafah e l’ingresso di aiuti medici e umanitari, generatori elettrici e ambulanze nella Striscia di Gaza.

Hanno aggiunto: “I feriti e i malati stanno soffrendo una morte lenta perché non ci sono cure o rifornimenti e perché non possono muoversi”.

READ  Putin a New Delhi Difesa ed energia nel menu con Modi - 06/12/2021 alle 18:58

I residenti hanno riferito che i carri armati di occupazione hanno tagliato la Salah al-Din Road, il principale asse di traffico tra il nord e il sud della Striscia di Gaza, che attraversa la parte orientale della città di Rafah.

Ha aggiunto: “I carri armati hanno tagliato la strada da Salah al-Din a est della città, e le forze sono ora a sud-est e stazionate vicino all’area popolata. La situazione è terribile e non si sentono i suoni delle esplosioni”. Bassam (57 anni), residente nel quartiere Shaboura di Rafah, ha detto: “Non fermarti mai”.

“La gente continua a lasciare Rafah, anche quelli vicini alle zone occidentali, perché nessun posto sembra sicuro al momento e anche perché la gente non vuole scappare all’ultimo minuto in caso di un’improvvisa incursione dei carri armati”, ha detto a Reuters tramite un applicazione di messaggistica. .

L’UNRWA, la principale agenzia umanitaria delle Nazioni Unite a Gaza, stima che circa 360.000 persone siano fuggite dalla città meridionale della Striscia da quando l’esercito israeliano ha emesso il primo ordine di evacuazione.

“Processo preciso”

Le operazioni israeliane a Rafah sollevano le preoccupazioni della comunità internazionale, soprattutto degli Stati Uniti, principali alleati di Israele, che hanno sospeso le spedizioni di armi per la prima volta dall’inizio del conflitto.

Washington invita il governo israeliano a non lanciare un attacco a Rafah senza un piano specifico per preservare la popolazione civile.

Lunedì l’ufficio del ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha dichiarato di aver valutato la situazione con il segretario di Stato americano Antony Blinken riguardo alla “operazione specifica” in corso a Rafah.

Il braccio armato del Movimento di resistenza islamica (Hamas), che governa la Striscia di Gaza, ha affermato che i suoi combattenti hanno avuto uno scontro a fuoco con le forze israeliane in una strada a est di Rafah e a est di Jabalia.

READ  Fino a sette anni di reclusione per i due giornalisti iraniani che hanno rivelato la morte di Mahsa Amini - Liberazione

Il braccio armato del Gruppo islamico ha inoltre affermato di aver perso i contatti con i suoi membri che stavano monitorando quattro ostaggi israeliani a causa dei bombardamenti dell’esercito israeliano.

In Israele, l’esercito ha ripetutamente suonato le sirene nelle aree vicine alla Striscia di Gaza, avvertendo della possibilità di lanciare razzi e colpi di mortaio palestinesi oltre il confine.

(Relazione aggiuntiva di Nidal al-Mughrabi al Cairo, con il contributo di Dan Williams e Tala Ramadan; scrittura di Lincoln Feast e Sharon Singleton; e Blandine Henault per la versione francese; montaggio di Kate Entringer)