Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Indennità di disoccupazione: trattative sospese e riprese venerdì – 11/10/2023 alle 00:19

Il ministro del Lavoro francese Olivier Dussopt durante un incontro con i sindacati francesi sulla riforma dell’assicurazione contro la disoccupazione, il 21 novembre 2022 a Parigi (AFP/Bertrand GUAY)

Le difficili trattative tra sindacati e datori di lavoro sulle condizioni di indennità per i disoccupati a partire dal 2024 si sono fermate giovedì sera e riprenderanno venerdì mattina, senza garanzie di successo.

La bozza di accordo, presentata dai datori di lavoro prima di questa sessione, “è una prima versione e la trovo davvero difficile”, ha detto il negoziatore della CFDT Olivier Guivarcche dopo circa sette ore di discussione.

Ha aggiunto che “la questione verrà decisa nella sessione finale” di venerdì, spiegando che “la conferenza sta ancora cercando una soluzione”.

Il suo omologo del Ministero degli Esteri, Michel Bugas, ha commentato: “Più si va avanti, più il corridoio diventa stretto. Non è più la tana di un topo, ma la tana di un ago”.

Il testo dei datori di lavoro “non si è mosso di un centimetro” al termine delle trattative di giovedì, ha osservato a fine serata il negoziatore della CGT Denis Grafwell, che in precedenza aveva definito il documento “provocatorio”.

L’amministrazione, che non ha parlato con la stampa, si è impegnata a presentare venerdì mattina una nuova versione del suo progetto, secondo i negoziatori sindacali, che prevedono scambi telefonici durante la notte.

Il progetto di accordo, rivelato dall’AEF e visionato dall’Agence France-Presse, mira in particolare a “modificare alcune regole di compensazione per tenere meglio conto della situazione dei gruppi più vulnerabili”. Ciò include la riduzione del requisito minimo di iscrizione che consente di concedere il beneficio, da sei a cinque mesi, o la “modifica delle norme relative alla riduzione” dei benefici per i redditi alti, rendendoli applicabili a coloro che hanno meno di 55 anni e non avere 57 anni.

READ  “I tassi ipotecari continueranno a salire”: come spiegare questo aumento senza fine?

Ma la CFE-CGC ha avvertito che non firmerà se la ritrattazione restasse nel testo.

Altre misure dell’accordo, inizialmente previste per una durata di tre anni (quattro nel progetto dei datori di lavoro), riguardano in particolare le norme sull’indennità in caso di dimissioni o mirano a favorire il ritorno al lavoro dei lavoratori più anziani.

– ‘Doppia difficoltà’ –

Il progetto prevede anche la riduzione dell’aliquota contributiva del datore di lavoro al 3,95% delle retribuzioni, in particolare con l’abolizione del contributo temporaneo dello 0,05% imposto nel 2017, misura richiesta dal Medef. Il testo mira anche ad “adeguare” il sistema dei bonus, un sistema che è stato criticato dai datori di lavoro per aver aumentato i contributi dei datori di lavoro con contratti più brevi della media.

I sindacati non rifiutano necessariamente il principio di ridurre i contributi dei datori di lavoro, ma vogliono migliorare i diritti dei disoccupati.

Il governo, che ha concesso alle parti sociali tempo fino al 15 novembre per raggiungere un accordo, subentrerà se non si raggiungerà un compromesso.

L’esecutivo può rifiutarsi di ratificare un accordo basato sulle previsioni macroeconomiche dell’Unédic a cui si oppone. Secondo alcuni rappresentanti sindacali il governo conta sul fallimento.

L’autorità esecutiva ha formulato attentamente la discussione in un documento inviato all’inizio di agosto alle parti sociali: non si tornerà alla riforma del 2019, che ha inasprito significativamente le condizioni per ricevere l’indennità per i disoccupati, né alla riforma del 2023, che ha regola le condizioni per l’assicurazione contro la disoccupazione in base allo stato del mercato del lavoro e riduce… Il periodo di compensazione è del 25%.

Oltre alla complessità finanziaria, l’esecutivo ha previsto ulteriori prelievi dalle entrate dell’assicurazione contro la disoccupazione per finanziare misure di sostegno e formazione per i disoccupati.

Queste tariffe pongono una “doppia difficoltà”, rileva la bozza di accordo, che solleva una “questione di principio” e in relazione agli obiettivi di riduzione del debito dell’UNIDEC.

Nel febbraio 2019, le ultime trattative sull’assicurazione contro la disoccupazione si sono concluse con un fallimento: le parti sociali hanno attribuito la responsabilità all’esecutivo, il che, a loro avviso, poneva loro di fronte a un’equazione impossibile.

In serata, più di un centinaio di manifestanti si sono riversati nel quartiere attorno all’Unidek, su invito della CGT, per difendere i diritti dei disoccupati e i diritti dei lavoratori intermittenti dell’industria dello spettacolo, le cui condizioni di compensazione devono essere convalidate nel anno. negoziare.