Aprile 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

In Francia i prezzi alla pompa esplodono

In Francia i prezzi alla pompa esplodono

Dopo aver registrato un calo significativo tra settembre e dicembre, i prezzi dei carburanti hanno ripreso a salire dall'inizio dell'anno. Questa settimana i prezzi sono aumentati di nuovo.

Mercoledì 21 febbraio i prezzi del carburante rimangono altrettanto alti. Secondo il sito specializzato Carburants.org, il prezzo del gasolio oggi, mercoledì 21 febbraio, ha raggiunto 1,84 euro al litro. Anche il prezzo di SP98 e SP95 è aumentato significativamente rispetto al mese scorso, e i prezzi offerti sono rispettivamente di 1,93 € e 1,87 € al litro.

Infine, E10 ed E85 sono proposti ai prezzi di 1,84 euro e 0,90 euro al litro. Sempre secondo lo stesso sito, il prezzo del diesel è aumentato di oltre il 4,3% in un solo mese, lo stesso per la SP98, SP95 ed E10 che sono aumentate rispettivamente del 2,5%, 2,97% e 2,96%. In un solo mese il prezzo del gasolio è aumentato di circa 8 centesimi di euro.

Con la fine delle operazioni di cost pricing, i prezzi della benzina e del gasolio hanno ripreso il loro trend al rialzo. L’epidemia è dovuta in particolare al prezzo del petrolio, che rimane a un livello piuttosto elevato. In effetti, i mercati petroliferi sono particolarmente instabili da diverse settimane. In questione, la situazione nel Mar Rosso rimane più preoccupante che mai, con i ribelli Houthi che continuano a prendere di mira le navi in ​​transito nel Canale di Suez. Inoltre, lo scorso fine settimana una petroliera danese è stata lanciata dai ribelli yemeniti.

CLCV punta il dito contro i distributori di carburante

Ma oltre alla situazione sui mercati petroliferi, l'aumento dei prezzi dei carburanti in Francia è dovuto anche all'aumento dei margini di profitto dei distributori. I profitti sono stati considerati esagerati dall'Associazione nazionale consumatori e utenti (CLCV). Va detto che il margine di profitto lordo è aumentato dopo il calo, raggiungendo 26 centesimi al litro da 95 lire siriane e 22,2 centesimi sul diesel a fine gennaio.

READ  La prima fabbrica europea di batterie Giga è iniziata in Svezia

CLCV invita quindi i distributori a rispettare i loro impegni e a compiere ulteriori sforzi per ridurre i prezzi alla pompa da 5 a 8 centesimi al litro. Dopo aver esaminato i prezzi del carburante nel periodo dallo scorso settembre a ottobre, l'associazione ha inoltre osservato: Grandi differenze » Tra distributori. Sottolinea che alcuni, come Carrefour, Leclerc e Intermarche, hanno già ridotto i loro margini dal 3 al 6%, mentre altri hanno applicato solo una riduzione minima. Secondo l'associazione, questo è particolarmente vero per AVIA e Total.