Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

In Belgio, le grandi elezioni di domenica potrebbero cambiare il volto del Paese

In Belgio, le grandi elezioni di domenica potrebbero cambiare il volto del Paese

Kenzo Tripouillard/AFP Per il Belgio, questa domenica è diversa da qualsiasi altro giorno in Europa

Kenzo Tripouillard/AFP

Per il Belgio, questa domenica è diversa da qualsiasi altro giorno in Europa

Elezioni: un enorme evento politico di cui solo il Belgio in Europa possiede il segreto e che potrebbe cambiare il volto del paese. Mentre francesi, italiani e tedeschi eleggono i loro rappresentanti al Parlamento europeo domenica 9 giugno, i nostri vicini d’oltre Quevrein hanno scelto di prendere tre piccioni con una fava.

Oltre alle elezioni europee che vedranno l’elezione di 22 membri del Parlamento europeo, i belgi reintegreranno anche 150 deputati nel parlamento federale, così come 288 eletti nei parlamenti regionali (Vallonia, Fiandre, capitale Bruxelles). Anche i rappresentanti eletti a livello regionale siedono secondo una diversa distribuzione nei parlamenti comunitari (francofono, fiammingo e tedesco). Domenica potrà votare solo il parlamento della Comunità tedesca, che comprende 25 eletti.

Sei voti in un giorno per il Belgio

In totale sono cinque le stanze che potenzialmente potrebbero cambiare volto. Non c’è spazio per ritardi nel recarsi alle urne perché il voto in Belgio è obbligatorio a partire dai 18 anni, con la possibilità di incorrere in una multa compresa tra 40 e 80 euro. Soprattutto, questa è la prima volta che i sedicenni e i diciassettenni potranno votare, ma solo alle elezioni europee e senza sanzioni in caso di bocciatura. Un nuovo elemento da considerare per partiti e sondaggi d’opinione.

Sui temi: Bruxelles e Vallonia dovrebbero vedere una buona performance del movimento riformista di centrodestra Elezioni a fine maggioÈ vicino al Partito socialista nella regione francofona e guida con un ampio margine nella capitale. Nelle Fiandre, invece, questa è la formazione dell’estrema destra Vlaams Belang che si imporrà senza difficoltà e forse riuscirà a fare pressione per entrare nell’esecutivo regionale. Al secondo posto c’è un’altra formazione nazionalista: il partito N-VA guidato da Bart de Wever, attualmente nella coalizione di governo nelle Fiandre.

READ  La Casa Bianca afferma che Kim Jong Un è disposto a incontrare Putin per discutere di possibili vendite di armi alla Russia

Per quanto riguarda gli eurodeputati, N-VA e VB dovrebbero almeno fare lo stesso nel 2019, inviando rispettivamente tre eletti nel contingente belga.

L’estrema destra è in testa ai sondaggi

Anche a livello federale l’estrema destra fa la parte del leone. Vlaams Belang (VB), che ha ottenuto più del 25%, può sperare di conquistare il gruppo più numeroso di deputati alla Camera: 26 seggi su 150, secondo le ultime proiezioni.

La pratica politica è fragile in Belgio. Il Paese ha avuto bisogno di più di 500 giorni dopo le ultime elezioni del 2019 per dotarsi di una nuova squadra di governo. Di conseguenza, dal 2020 il governo è costituito da una coalizione di sette partiti, nota come “coalizione Vivaldi”, che riunisce socialdemocratici, verdi, cristiano-democratici e liberali sotto la guida del primo ministro liberale fiammingo Alexander De Croo.

Se i socialisti e i liberali tendono generalmente a mantenere la loro posizione, il declino degli ecologisti è generale: verde ed Ecolo sono accreditati al 4% e al 3% a livello federale. Quest’ultimo potrebbe perdere fino a 6 punti in Vallonia.

Verso un nuovo blocco?

Infine, la cupa dinamica dei cristiano-democratici fiamminghi potrebbe facilmente far vacillare la coalizione di De Croo. Infatti, la politologa Emilie van Hout, professoressa di scienze politiche alla Libera Università di Bruxelles, ha spiegato all’AFP: Più partiti partecipano a una coalizione, più diventa difficile per loro difendere i risultati della loro campagna elettorale.

“Gli elettori hanno difficoltà ad assegnare le responsabilità, il che porta a mettere tutti i partiti di governo nello stesso paniere, alla luce del rifiuto globale che alimenta l’estremismo”.Lo specialista continua.

READ  Oleksiy Aristovych, lo strano "io" che rallegra gli ucraini

Per quanto incredibile possa sembrare, la situazione nel 2019 potrebbe ripetersi… o anche peggio. Infatti, a parte il VB con il quale gli altri partiti non sono disposti a formare una coalizione, il PTB potrebbe vedere il numero dei suoi deputati alla Camera salire a diciannove, rispetto agli attuali dodici. Tuttavia, la formazione comunista del Partito laburista ne ha dominato il programma “Rottura anticapitalista” Non troverà sostegno da altri partiti. Ciò significa che circa 45 deputati possono essere esclusi da qualsiasi coalizione, mentre la maggioranza è di 76 deputati. Ma i calcoli sono ostinati.

Vedi anche su L’Huff Post :