Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il viaggio fantascientifico di Tatooine nella realtà

Il viaggio fantascientifico di Tatooine nella realtà

Gli scienziati hanno utilizzato l’analisi della rete bayesiana per studiare come le scoperte scientifiche, in particolare sugli esopianeti, hanno influenzato la letteratura di fantascienza. La loro ricerca mostra uno spostamento dai pianeti simili alla Terra nella fantascienza a rappresentazioni più diversificate e accurate dopo il 1995, che riflettono le reali scoperte scientifiche. Credito: Issues.fr.com

La ricerca rivela che la scoperta degli esopianeti ha influenzato la fantascienza, portando a rappresentazioni più accurate e diversificate di questi corpi celesti ed evidenziando il ruolo del genere nella comunicazione scientifica.

Una lezione di astronomia sulle stelle binarie potrebbe iniziare con una serie di diagrammi e dati complessi, o con una clip del film Star Wars in cui Luke Skywalker alza lo sguardo al cielo del suo pianeta natale, Tatooine, e vede sorgere due soli. Cosa interesserebbe più facilmente una classe assonnata delle superiori?

La fantascienza ha sempre catturato la nostra attenzione e, come sostengono molti scienziati, è stata spesso fonte di ispirazione nelle loro carriere scientifiche. Per questo motivo a volte viene utilizzato per comunicare conoscenze scientifiche a un pubblico o anche per trasmettere contenuti complessi. Per garantire che questo sia un metodo efficace, è necessario capire come viene rappresentata la scienza reale attraverso la fantascienza.

Lo indica un nuovo articolo pubblicato su Giornale di comunicazione scientifica – JCOM Lo fa utilizzando una metodologia quantitativa in grado di analizzare un'ampia gamma di opere di fantascienza (in particolare sugli esopianeti), dimostrando che importanti cambiamenti nella conoscenza scientifica corrispondono anche a cambiamenti nella letteratura di fantascienza.

L’impatto delle scoperte di esopianeti sulla fantascienza

Emma Johanna Buranen, ricercatrice presso il St Andrews Centre for Exoplanet Science (Università di St Andrews), insieme alle sue colleghe del Centro, Emily Weiner e Vi Anne Smith, e Christiane Helling, direttrice dell'Istituto per la ricerca spaziale (IWF) presso l'Accademia austriaca delle scienze, ha applicato l'analisi della rete bayesiana a una raccolta di 142 opere di fantascienza, tra cui romanzi, film, programmi TV, podcast e videogiochi.

READ  Questo è l’ingrediente che dovresti sempre aggiungere al tè verde per raddoppiarne i benefici!

Per la loro ricerca gli scienziati hanno scelto di studiare la rappresentazione degli esopianeti, chiamati anche esopianeti. “Sono ovunque nella fantascienza. Sono ovunque. La maggior parte delle storie ambientate nello spazio avrà una scena alla fine.” Pianeta extrasolare“, spiega Buranen. “L'altro motivo per cui usiamo gli esopianeti è che c'è stato un grande cambiamento nella nostra comprensione scientifica nel 1995, quando fu scoperto il primo esopianeta in orbita attorno a una stella simile al sole. »

La metodologia della rete bayesiana ha consentito un’indagine quantitativa di un argomento – la fantascienza – solitamente analizzato qualitativamente, spesso analizzando solo un’opera alla volta. In una rete bayesiana, le caratteristiche esoplanetarie descritte in lavori selezionati sono rappresentate come nodi in una rete interconnessa, permettendoci di comprendere come ciascun nodo influenza gli altri nodi.

In pratica è possibile verificare, ad esempio, se un pianeta in una determinata opera viene raffigurato come adatto alla vita e se e in che misura ciò influenza un'altra caratteristica. Poiché le opere di fantascienza analizzate si estendevano su un periodo relativamente ampio, prima e dopo il 1995, Buranen e i suoi colleghi hanno potuto osservare che dopo questa data la rappresentazione degli esopianeti nella fantascienza è cambiata.

Fantascienza: riflette il progresso scientifico

“Tradizionalmente nella fantascienza c'è un'alta percentuale di pianeti simili alla Terra che sono abitabili, e questo è ovviamente plausibile, perché si tratta di prodotti culturali creati dagli esseri umani per altri”, spiega Buranen. “Ma ciò che è cambiato dalla scoperta dei veri esopianeti è che gli esopianeti immaginari in realtà assomigliano meno alla Terra”.

READ  Una fuga inaspettata, ha detto la scienza al CNRS al Centquatre

In effetti, il gran numero di esopianeti che la scienza ha osservato finora contiene una grande maggioranza di pianeti molto diversi dai nostri, e raramente si trovano in quella che gli scienziati conoscono come zona abitabile, dove le condizioni sono probabilmente più adatte alla vita come noi. lo so. Buranen commenta che questa realtà scientifica è penetrata nella rappresentazione della fantascienza.

“Posso supporre che gli scrittori di fantascienza stiano probabilmente leggendo tutti questi titoli su mondi ricoperti di lava o pioggia di diamanti, come vediamo nei media”, commenta il ricercatore.

“Penso che la fantascienza sia sensibile alle scoperte scientifiche. Penso che in un certo senso rifletta ciò che stava accadendo nella scienza nel momento in cui è stata scritta”, conclude Buranen. “Quindi penso che questo possa essere incorporato nella comunicazione scientifica come punto di partenza.” Può introdurre concetti alle persone.

L’articolo “Rappresentazioni mediatiche di fantascienza di esopianeti: rappresentazioni di mutevoli scoperte astronomiche” può essere letto gratuitamente al link JCOM.