Aprile 17, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I pesci pagliaccio sanno contare  Per vostra informazione

I pesci pagliaccio sanno contare Per vostra informazione

Nelle calde acque poco profonde dell'Oceano Indiano e del Pacifico, all'interno di enormi barriere coralline, vive il famoso pesce pagliaccio dai colori brillanti, reso celebre in tutto il mondo grazie al film d'animazione. Nemo. Questi pesci, di cui si conoscono ventotto specie diverse, formano piccole colonie e stringono legami simbiotici molto forti e complessi con gli anemoni che fungono da habitat. Quest'ultimo protegge i suoi ospiti da potenziali nemici grazie ai suoi tentacoli urticanti, ai quali i pesci pagliaccio sono immuni. In cambio, quest'ultimo protegge l'anemone dai potenziali predatori attraverso il suo comportamento territoriale. I pesci pagliaccio hanno tre tipi di cellule pigmentate che conferiscono loro il loro colore arancione intenso, ma hanno anche grandi bande bianche verticali molto evidenti. Ogni tipo ne ha uno, due, tre o nessuno, il che lo distingue dagli altri tipi. uno di loro, Amphiprion ocellarisHa tre gamme verticali e forma piccole colonie in cui i rapporti tra gli individui sono altamente gerarchici. Quindi, quando un individuo della stessa specie si avvicina un po’ troppo alla femmina dominante, lei lo molesta senza sosta. Qui sorge una domanda: come fa un pesce pagliaccio a determinare se un individuo appartiene alla sua specie o ad un'altra specie? Un team dell'Okinawa Institute of Science and Technology, guidato da Vincent Loudet, ha studiato la questione e ha ottenuto un risultato assolutamente sorprendente.

All'interno della colonia prevale la femmina, poi arriva il maschio, che è un po' più piccolo, e poi i giovani, che sono più piccoli. Quando le uova si schiudono, gli avannotti vengono portati nell'oceano prima di ritornare circa dieci giorni dopo. Devono poi essere accettati nell'anemone. “Una volta che una giovane recluta entra nell'anemone, non ne esce più”, dice Vincent Loudet. Pertanto, è improbabile che i pesci degli anemoni vicini incontrino mai un congenere esterno. In Anemone si pone la questione del riconoscimento. Capita spesso, infatti, che due specie di pesci pagliaccio condividano lo stesso anemone, e in questo caso è molto importante che i pesci sappiano riconoscere la propria specie. »

READ  Pubblicazioni su riviste ad accesso aperto nel campo della ricerca sanitaria e medica e della scienza aperta: vantaggi, sfide e limiti

Gli specialisti sospettano già che questi animali siano stati in grado di stimare il numero di bandane indossate dagli intrusi. Ma per esserne sicuri, il team ha condotto una serie di esperimenti su 120 individui di questa specie Amphiprion ocellaris. Per prima cosa inseriscono un individuo nell'acquario introducendo un pesce pagliaccio della stessa specie o di un'altra specie. In secondo luogo, hanno rilasciato tre individui simili nell’acquario, formando una piccola colonia, presentando loro un piccolo telefono di plastica arancione con un numero variabile di linee bianche verticali che imitavano i pesci pagliaccio di diverse specie. Confrontando la relazione tra il numero di bande e l'intensità dell'aggressività dei pesci pagliaccio, i ricercatori si sono resi conto che più bande un pesce presentava o muoveva, più attaccava.

I ricercatori hanno utilizzato pesci pagliaccio mobili con un intervallo da zero a tre bande bianche per testare la risposta di individui della specie Amphiprion ocellaris, che ha tre bande. Quest'ultima era più aggressiva quando il cellulare aveva un numero di bande prossimo a tre.

©Kina Hayashi

Questo risultato dimostra che i pesci pagliaccio sono in grado di valutare il numero di bande presenti su ciascun pesce per determinare a quale specie appartiene. “Si tratta di una capacità essenziale”, sottolinea Vincent Loudet, “perché lo status sociale del pesce pagliaccio, e soprattutto la sua capacità di riprodursi, dipende dalla sua capacità di collocarsi all’interno della sua gerarchia”.

Con il riscaldamento globale e l’acidificazione degli oceani, i coralli e gli anemoni stanno sbiancando e poi muoiono. Gli habitat dei pesci pagliaccio sono destinati a scomparire, mettendo a rischio la specie con un’organizzazione sociale che fa troppo affidamento sul suo ambiente.

I pesci pagliaccio sanno contare

Scarica la versione PDF di questo articolo

(Destinato agli abbonati digitali)