Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il vaccino Pfizer è ancora efficace contro le forme gravi dopo sei mesi

Questa è una buona notizia che farà rivivere un po’ di più Evoca discussione. Due dosi del vaccino Pfizer/BioNTech sono efficaci contro il rischio di ricovero al Covid-19 Uno studio pubblicato martedì su The Lancet e tutte le sue variabili per almeno sei mesi hanno confermato le stime precedenti.

Lo studio di Pfizer e della rete sanitaria statunitense Kaiser Permanente ha analizzato i dati medici di 3,4 milioni di persone nel sud della California tra il 4 dicembre 2020 e l’8 agosto 2021. Il rischio diminuisce nel tempo, dall’88% nel mese successivo all’iniezione. Dalla seconda dose al 47% dopo sei mesi.

D’altra parte, il vaccino rimane efficace al 90% contro i rischi di ospedalizzazione associati al Covid-19, anche nel caso della variante delta, per almeno sei mesi, afferma.

Protezione anche contro il delta variabile

The Lancet ha affermato in una dichiarazione che questi risultati confermano i risultati delle precedenti valutazioni dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e del Ministero della salute israeliano. “Il nostro studio conferma che i vaccini sono uno strumento centrale nel controllo dell’epidemia e rimangono altamente efficaci nella prevenzione di forme acute e ospedalizzazione, anche contro il delta o altre variabili preoccupanti”, ha riassunto Sarah Tartoff, autrice principale dello studio, nel comunicato stampa. Lancetta.

“Un’analisi specifica delle varianti mostra chiaramente che il vaccino è efficace contro tutti i tipi di varianti. Le persone con Covid-19 che hanno ricevuto due dosi del vaccino spesso si sono infettate perché l’efficacia del vaccino è stata persa nel tempo e non perché questo o quella variante è sfuggita alla protezione del vaccino.”, Vice Presidente e Direttore Pfizer Medical.

READ  Tesla vuole lanciare la Model 2 a $25.000

Priorità per le vaccinazioni primarie

I ricercatori riconoscono alcuni pregiudizi nella loro indagine: ad esempio, non avevano dati sul rispetto dell’uso della maschera, sulle interazioni sociali o sull’occupazione della popolazione studiata, che avrebbero potuto avere un impatto sulla probabilità di contrarre Covid. -19.

Secondo gli autori dello studio, questi risultati dimostrano l’importanza di espandere l’immunizzazione globale e analizzare l’efficacia del vaccino nel tempo per determinare quali popolazioni dovrebbero dare priorità alle dosi di richiamo.