Ottobre 20, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il segretario generale delle Nazioni Unite denuncia la disuguaglianza nell’accesso ai vaccini.

Durante una conferenza stampa congiunta con il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, Antonio Guterres ha avvertito che la disuguaglianza di accesso “è il miglior alleato della pandemia di COVID-19”.

Articolo di

pubblicato

Aggiornare

momento della lettura : 1 minuto.

Le Nazioni Unite condannano il sequestro dei vaccini contro il Covid-19 da parte dei paesi sviluppati. “La mancanza di un’equa distribuzione dei vaccini non è solo immorale, è anche stupida”Lo ha denunciato giovedì 7 ottobre il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.

Disuguaglianza nell’accesso ai vaccini È il miglior alleato della pandemia di COVID-19.Ha continuato durante una conferenza stampa congiunta con il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Permette alle variabili di svilupparsi liberamente, condannando il mondo a milioni di morti in più e prolungando la recessione economica”., mettere in guardia.

All’inizio di quest’anno, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha richiesto che ogni paese vaccinasse il 10% della sua popolazione entro la fine di settembre. 56 paesi non hanno avuto successo non per colpa loro.Ma a causa della mancanza di vaccini, ha detto il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus. L’Organizzazione mondiale della sanità ora vuole che il 40% della popolazione di ogni paese venga vaccinato entro la fine dell’anno e il 70% entro la metà del 2022.

“Il raggiungimento di questi obiettivi richiederà almeno 11 miliardi di dosi di vaccino. Questo non è un problema di fornitura, ma di distribuzione”.Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità ha insistito. Per ottenere almeno 11 miliardi di dosi necessarie, l’Oms chiede ai produttori di andare avanti con il trasferimento tecnologico, ma anche di promuovere il sistema internazionale Covax e l’African Fund for Vaccines (Avat), istituito dall’Unione africana.

READ  Le coppie vaccinate a un minuto di distanza muoiono dopo tre giorni di sintomi

Chiede inoltre ai paesi di condividere le dosi e di vaccinare prima gli operatori sanitari, i vulnerabili e gli anziani, prima di vaccinare gli adulti nel loro insieme e poi gli adolescenti.