Luglio 12, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Paese sta stanziando quasi 100 milioni di euro per sostenere i suoi futuri campioni

Il Paese sta stanziando quasi 100 milioni di euro per sostenere i suoi futuri campioni

Il rilancio dell’energia nucleare in Francia non si limiterà solo alla costruzione di grandi reattori atomici di terza generazione del tipo EPR2. Comprenderà anche lo sviluppo di piccoli reattori modulari, noti come SMR piccoli reattori modulari, Spinto principalmente da nuovi attori del mercato, dalle start-up alle piccole e medie imprese familiari.

Per sostenere questo movimento di divisione senza precedenti nel settore nucleare, lo Stato ha stanziato quasi un miliardo di euro nell’ambito del piano Francia 2030. Su questa base è stato lanciato il bando per progetti innovativi di reattori nucleari, con un budget di 500 milioni di euro . Sei leader di progetto hanno appena ricevuto circa 77 milioni di euro di sostegno pubblico (Jimmy, Renaissance Fusion, Calogena, Hexana, Otrera Nuclear Energy e Bue Capsule) dopo che due progetti (Naarea e Newcleo) avevano già beneficiato di una prima dotazione di 25 milioni di euro lo scorso anno estate.

Rilancio del nucleare: lo Stato investe 25 milioni di euro nelle prime due startup

32 milioni di euro per la startup di Jimmy

Oltre ai 77,2 milioni di euro erogati nell’ambito del bando, i sei candidati appena selezionati beneficeranno del supporto tecnico della Commissione per l’energia atomica e alternativa (CEA) per un importo di 18,9 milioni di euro. L’importo totale degli aiuti destinati a questi nuovi arrivati ​​ammonta quindi a poco più di 95 milioni di euro.

Tuttavia, questo importo totale non è diviso in sei parti uguali. Così, su 77,2 milioni di euro, la startup Jimmy, che intende sfruttare il calore rilasciato dalla fissione nucleare grazie al suo piccolo reattore, ottiene quasi la metà della torta con un contributo significativo di 32 milioni di euro. Questo sostegno pubblico si aggiunge ai 20 milioni di euro raccolti sin dal suo avvio nel 2021, principalmente da business angels e dal Lille Family Office.

« Questo supporto ci permette di avviare la produzione del nostro progetto. Stiamo passando da un’azienda che progetta ad un’azienda che realizza. Oggi abbiamo il maggior numero di prezzi per l’assemblaggio », accoglie Antoine Guyot, cofondatore della giovane azienda insieme a Mathilde Giffret.

L’azienda parigina, che impiega una sessantina di dipendenti, sta sviluppando un piccolo reattore ad alta temperatura con una capacità compresa tra 10 e 20 megawatt, destinato a sostituire le stufe a gas. Si rivolge principalmente ai produttori dei mercati chimico, agroalimentare e cartiere, tutti grandi consumatori di vapore.

READ  I prezzi rimangono stabili fino alla mezzanotte di sabato

Tecnologia standard pronta per il 2026?

« Siamo l’azienda emergente con lo sviluppo più avanzato », si vanta Antoine Guyot. E per una buona ragione: a differenza di altri nuovi attori che optano per tecnologie innovative come i reattori a neutroni veloci raffreddati al sodio o i reattori basati sulla fusione nucleare, la startup ha scelto di utilizzare parti che sono “già sul tavolo”. “La nostra intera filosofia consiste nel creare nuove attività economiche utilizzando le tecnologie esistenti. Facciamo affidamento sulla catena di fornitura già esistente.”identifica questo imprenditore del mondo della consulenza il cui vivo interesse per gli atomi civili è frutto del lavoro di comunicazione da lui svoltoIngegnere e consulente Jean-Marc Jankovici, uno dei principali sostenitori dell’energia nucleare nella lotta contro il riscaldamento globale.

Jamie presenta quindi una tempistica particolarmente aggressiva con la messa in servizio del primo reattore prevista per il 2026 presso il sito del primo cliente industriale la cui identità rimane segreta. Resta il fatto che la startup non ha ancora presentato il dossier per la richiesta di permesso di costruire all’Autorità per la Sicurezza Nucleare (ASN), che prevede di ricevere questo documento nel primo trimestre del 2024. Il poliziotto nucleare, contattato dalla redazione, ha precisato di conta su” almeno Due anni di istruzione.

Nucleare: con l’arrivo di un gran numero di startup, ASN è alla ricerca di rinforzi per attuare con successo la sua missione

Cambiamento di paradigma

Quindi l’apparecchio di Jimmy non è immune allo scivolamento. Soprattutto dalla scorsa primavera, Bernard Doroshchuk, presidente dell’ASN, ha avvertito della necessità di nuove risorse per studiare in modo tempestivo il profilo di questi nuovi attori. Soprattutto, il poliziotto nucleare ha chiarito che si trovava di fronte ad un vero e proprio cambio di paradigma mentre il suo principale interlocutore per molti anni è rimasto l’EDF, oggi unico gestore dei cinquantasei reattori della flotta francese. Un mondo di esclusività presto finirà.

READ  Parigi: Tagliate aste RATP per la metropolitana parigina