Luglio 16, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Kosovo chiude il suo più grande posto di frontiera nel nord del Paese, l’esercito serbo è in allerta

Il Kosovo chiude il suo più grande posto di frontiera nel nord del Paese, l’esercito serbo è in allerta

Le tensioni continuano a crescere tra Serbia e Kosovo, che mercoledì hanno deciso di chiudere il suo più grande valico di frontiera tra i due paesi in risposta all’assedio da parte serba da parte dei manifestanti che sostengono la minoranza serba nel nord.

La minoranza serba nella città di Mitrovica, nel nord del Kosovo, ha eretto martedì nuove barricate, poche ore dopo che la Serbia ha dichiarato di aver messo il suo esercito in massima allerta. Il Ministero degli Affari Esteri del Kosovo ha annunciato, sulla sua pagina Facebook, la chiusura del valico di Merdar, il più importante per il trasporto di merci su strada, dalla mezzanotte. “Se sei già entrato in Serbia, devi utilizzare altri valichi di frontiera (…) o passare attraverso la Macedonia del Nord”, Ha aggiunto.

Dal 10 dicembre, quando i serbi nel nord del Kosovo, sostenuti da Belgrado, hanno eretto numerose barriere a Mitrovica e dintorni, 2 valichi di frontiera sono stati chiusi e 3 sono ancora aperti. E ha chiesto in particolare alla minoranza serba del nord il rilascio di un ex poliziotto serbo accusato di aver aggredito agenti di polizia in servizio durante precedenti manifestazioni. Il suo rilascio è stato annunciato mercoledì. Un portavoce di un tribunale di Pristina ha detto che Dejan Pantic sarà rilasciato e posto agli arresti domiciliari.

Evitare qualsiasi escalation di tensione

Anche il ministro degli interni del Kosovo, Khilal Svechla, ha accusato la Serbia di cercare di destabilizzare il Kosovo con il sostegno della Russia, incoraggiando il movimento di protesta. Da parte sua, mercoledì il Cremlino ha affermato di sostenere i tentativi della Serbia di proteggere la minoranza serba nel nord del Kosovo, ma ha negato l’accusa di Pristina secondo cui la Russia avrebbe alimentato le tensioni nei Balcani. “La Serbia è uno stato sovrano ed è completamente sbagliato cercare un’influenza russa distruttiva qui”Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

READ  Robert F. Kennedy Jr. ha annunciato che sarà un candidato indipendente alle elezioni presidenziali americane del 2024

Leggi anche:
Kosovo: sparatoria tra polizia e popolazione, il presidente serbo chiede il permesso di dispiegare forze di sicurezza

Leggi anche:
Barricate a Mitrovica: perché sale la tensione tra Serbia e Kosovo

La missione della NATO in Kosovo, la Kosovo Force (KFOR), mercoledì ha invitato entrambe le parti a evitare qualsiasi escalation delle tensioni e cercare una soluzione attraverso il dialogo. “È fondamentale che tutte le parti coinvolte evitino qualsiasi retorica o azione che potrebbe causare tensioni e aggravare la situazione”.Lo ha detto in una nota il generale di divisione Angelo Michele Restuccia. “Le soluzioni vanno cercate attraverso il dialogo”Ha aggiunto.

Circa 50.000 serbi vivono nella parte settentrionale del Kosovo e si rifiutano di riconoscere il governo di Pristina o lo stato del Kosovo. Considerano Belgrado la loro capitale. Il contenzioso è nato nelle scorse settimane tra le due comunità dalla volontà delle autorità di Pristina di chiedere il ritiro delle targhe delle auto serbe risalenti a prima della guerra del Kosovo del 1998-1999, che ha portato all’indipendenza.