Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il governo obbligherà i supermercati ad avvisare sui “variazioni del prezzo rispetto al peso” di un prodotto

Il governo obbligherà i supermercati ad avvisare sui “variazioni del prezzo rispetto al peso” di un prodotto

“È una truffa! Stiamo mettendo fine a tutto questo.”, ha promesso Bruno Le Maire, ministro dell'Economia e delle Finanze. Il Ministero dell'Economia ha dichiarato in un comunicato che il governo obbligherà i supermercati ad esporre un'etichetta che avvisi i consumatori della riduzione delle quantità del prodotto a prezzo invariato. dichiarazione Pubblicato venerdì 19 aprile.

“Dall'1Lui è Luglio, verrà posto un cartello vicino al prodotto quando la sua quantità diminuisce e il suo prezzo resta invariato o aumenta. Si tratta di un passo importante nella lotta che sto conducendo per la trasparenza che dobbiamo ai consumatori., Lo ha annunciato Olivia Gregoire, sottosegretaria al Commercio, citata nel comunicato stampa. “Il segnale deve specificare in modo specifico l'andamento del prezzo in relazione al peso, in modo che il consumatore conosca l'andamento reale del prezzo. Ci siamo impegnati in questo senso e lo stiamo facendo.”Da parte sua, ha annunciato il signor Le Maire.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Consumi: con l'inflazione, la Direzione generale anticorruzione si è mobilitata per combattere le pratiche commerciali che danneggiano il potere d'acquisto

Lo stabilisce il Ministero “Queste informazioni devono essere fornite dai distributori nei negozi di grandi e medie dimensioni, nelle immediate vicinanze dei prodotti in questione, devono apparire in questi negozi fisici entro due mesi dalla data di commercializzazione dei prodotti industriali alimentari e non alimentari. Sono interessate lattine, detersivi per bucato e persino bottiglie di soda.

Gli alimenti venduti in grandi quantità non sono interessati

Gli alimenti venduti in grandi quantità non sono interessati, come nel caso dei prodotti agricoli “La quantità può variare durante la preparazione (ad esempio nella sezione dei cibi pronti)”, Anche se il prezzo al chilo aumenta. D'altra parte, “I consumatori che hanno dubbi sul prezzo di un’unità di misura esposta sugli scaffali sono invitati a segnalarli anche tramite l’app o il sito SignalConso”.

“Deflazione” – dal verbo inglese Restringersi“Deflazione” – Per i produttori di prodotti di consumo, gli industriali agricoli o i distributori, è l’atto di ridurre le quantità di prodotti venduti anziché aumentarne drasticamente i prezzi. Ad esempio, il distributore Carrefour ha ridotto significativamente le quantità delle sue verdure “Primi premi” Per rimanere sotto il prezzo di 1 euro, hanno riferito i media a dicembre 60 milioni di consumatoriche suggerisce di passare da tre a due insalate o di ridurre di un terzo le fette di patate.

READ  Quanto costerà gestire un conto cointestato in Francia nel 2024?
Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Meno prodotti alimentari allo stesso prezzo: “deflazione” in movimento

“Se verrà emesso un decreto, lo rispetteremo e lo attueremo, ma ce ne rammarichiamo”.ha annunciato in gennaio il presidente del quarto distributore francese, Système U, Dominique Schilcher. “È l’industriale che sa che il suo imballaggio è stato ridotto e che la ricetta è in dubbio”.Ha detto per paura ” perdita di tempo “ Per i team in negozio.

Il mondo con l'Agence France-Presse

Riutilizza questo contenuto