Ottobre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il fallimento dei colloqui OPEC+ minaccia la solidarietà e potrebbe portare a prezzi del petrolio più deboli

Un sito di trivellazione in mare si trova in acque poco profonde nel giacimento petrolifero marino di Manifa gestito da Saudi Aramco a Manifa, in Arabia Saudita.

Simon Dawson | Bloomberg | Getty Images

Il crollo dei negoziati tra l’OPEC e i suoi alleati evidenzia i rischi di rompere l’unità del gruppo e rinnovare le preoccupazioni per l’eccesso di offerta di petrolio, ha detto uno stratega delle materie prime alla CNBC.

L’alleanza energetica, nota come OPEC +, avrebbe dovuto riprendere i colloqui lunedì, ma le discussioni sono continuate Fermato a tempo indeterminato. Viene dopo il gruppo Due volte non sono riusciti a raggiungere un accordo importante sulla loro politica di rilascio del petrolio La settimana scorsa.

Il gruppo ha cercato di aumentare l’aumento a 400.000 barili al giorno da agosto a dicembre 2021 e ha proposto di prolungare la durata dei tagli fino alla fine del 2022. L’anno scorso, il Covid ha accettato di limitare la produzione dell’Opec+ a quasi 10 milioni di barili al giorno da maggio 2020 ad aprile 2022 per soddisfare la bassa domanda.

Lo hanno sottolineato gli Emirati Arabi Uniti, Mentre ha sostenuto il piano per aumentare l’offerta, si è opposto ai termini dell’estensione, Ha detto, dovrebbe essere subordinato all’aumento della sua cosiddetta base, che determina la quantità di petrolio che un paese può pompare.

“Sono sicuro che ci sono alcuni rischi che il mercato potrebbe effettivamente scontare a questo punto, e questa è la rottura di quell’unità”, ha detto martedì alla CNBC Daniel Hines, senior stratega dei beni dell’ANZ.

“Penso che questo sia il più grande vantaggio di questa alleanza negli ultimi 18 mesi… è un mercato che ruota attorno a un accordo integrato e altamente conforme, e nessun produttore si è visto espandersi oltre”, ha aggiunto.

READ  Keylog. Giuseppe Zachary Griffol porta sul mercato il vento italiano

Ma ora aumentano i rischi derivanti da quel conflitto intorno al numero di base, che vengono misurati rispetto a tagli o aumenti di produzione. Gli Emirati Arabi Uniti ora vogliono aumentare la base in modo da poter produrre di più.

Anche Azerbaigian, Kuwait, Kazakistan e Nigeria hanno riconosciuto i nuovi fondamenti dall’inizio dell’accordo lo scorso anno, sostenendo che non è solo, Reuters ha citato una fonte dell’OPEC +.

Hines ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti ora vogliono un “accordo collaterale” per aumentare la loro produzione.

“Penso che ciò comporti rischi di eccesso di offerta, soprattutto a medio termine”, ha affermato.

Hines ha affermato di non escludere un prezzo più debole in futuro, ma non pensava che ci sarebbe stata una guerra dei prezzi.

Scelte di azioni e tendenze di investimento da CNBC Pro:

“Penso che sarebbe pericoloso se i produttori iniziassero davvero a vedersi spingere la propria agenda, in un certo senso uscire da quel contratto di distribuzione”, ha detto alla CNBC.

“Ma sai che capisci tutto questo. Se il mercato si rende conto che non aderiranno a quella quota attuale, chiaramente, saranno considerati cattivi e alla fine vedrà prezzi del petrolio più deboli”, ha detto.

I prezzi del petrolio hanno raggiunto il massimo da tre anni lunedì dopo che i colloqui sono stati rinviati a tempo indeterminato.

Martedì mattina, durante le ore asiatiche, i prezzi sono aumentati ulteriormente. grezzo americano Alla canna. Era 76,63 Brent Alla canna. Era 77.45.