Giugno 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il 2023 è l’anno di tutti i pericoli per le bollette del gas di casa

Il 2023 è l’anno di tutti i pericoli per le bollette del gas di casa

Le famiglie francesi per lo più sono sopravvissute quest’anno Alti prezzi del gas Grazie allo scudo tariffario o Con contratto a prezzo fisso, ma il corso del 2023 sarà più difficile da percorrere. A quanto salirà il prezzo regolamentato? Chi pagherà di più il 1 gennaio? 20 minuti Ti dice tutto sul gas al momento dell’azzeramento dei contatori (e buon anno)…

A quanto salirà il prezzo regolamentato?

L’aumento sarà in media del 15% a partire dal 1° gennaio per i clienti che hanno sottoscritto un’offerta in tariffa regolamentata di vendita di gas naturale (TRVg) o il cui contratto è stato indicizzato a tale tariffa. Per chi usa il gas per cucinare (tariffa base) o l’acqua calda (B0), l’aumento potrebbe essere inferiore, e tutto dipenderà da un’ordinanza governativa prevista entro il 31 dicembre.

Alcune famiglie, imprese o unità abitative contrattate con un contratto a prezzo di mercato o il cui contratto è scaduto nel 2022 hanno già visto esplodere i propri prezzi e si trovano in difficoltà. Nella comproprietà, lo scudo tariffario funziona meno bene: l’assistenza è ristretta e il curatore edilizio o il locatore sociale deve richiedere l’assistenza successiva.

Chi pagherà di più il 1 gennaio?

Circa il 40% delle famiglie. Si tratta di abbonati ENGIE a tariffa regolamentata o di uno dei 22 fornitori locali, come Gaz de Bordeaux, o clienti di altri fornitori con un’offerta indicizzata a tariffa regolamentata. Per questi clienti i prezzi non sono cambiati dal 1 novembre 2021 grazie allo scudo prezzo senza il quale la bolletta sarebbe aumentata del 122%. Lo Stato pagava la differenza e risarciva i fornitori di gas.

Attualmente “possiamo trovare contratti allo stesso livello della tariffa regolamentata ma non più economici”, spiega il broker energetico ad AFP, che offre un confronto indipendente e gratuito delle offerte (http://comparateur.energie-info.fr).

READ  Parigi: baisse de l'indice, casa delle tensioni in Ucraina - 04/03/2022 alle 10:40

Chi sopravvive al massimo di gennaio?

Nulla cambia per i clienti o i condomini che hanno sottoscritto un’offerta forfettaria, spesso nell’arco di un anno o più. Ma si espongono ad aumenti di prezzo alla scadenza del contratto: alcuni sono già raddoppiati, triplicati o più nel 2022. Si consiglia di confrontare attentamente le offerte perché, quando impegnati, i condomini pagano penali in caso di risoluzione.

Ci saranno ulteriori rincari del gas nel 2023?

Probabile. Lo scudo tariffario è stato prorogato fino al 30 giugno dalla Legge Finanziaria 2023. Il giorno dopo spariranno per tutti i corrispettivi regolati per la vendita del gas, in quanto ritenuti contrari alla normativa europea. I clienti coinvolti hanno ricevuto diverse lettere, secondo l’intermediario energetico, e dovranno firmare un nuovo contratto. Se rimangono negativi, passeranno automaticamente a Energia (ex GDF Suez) in un contratto che tuttavia non hanno scelto.

Il 1° luglio l’Energy Regulatory Commission fisserà un prezzo di riferimento che potrebbe servire da base per il proseguimento dello scudo tariffario.

I prezzi elevati del gas riducono i consumi?

Il consumo di gas in Francia, come altrove in Europa, è sceso precipitosamente dal 1° agosto, ma è difficile sapere se ciò sia dovuto al prezzo oa uno sforzo di sobrietà. Per le famiglie, il calo è stato del 14% dal 1° agosto, secondo i dati corretti per il clima al 18 dicembre di GRTgaz e rispetto all’inverno 2018-2019 come riferimento.

Ma la sorprendente riduzione del consumo di gas da parte dei principali produttori francese (-22%), mostra che prezzi più alti costringono i clienti a ridurre i consumi, perché le aziende non sono protette da uno scudo prezzo. Un altro esempio: in un paese come BelgioSecondo il Bruegel Institute, non essendoci una tariffa specifica per il gas, il calo dei consumi delle famiglie a novembre è stato del -20%, rispetto alla media 2019-2021.

READ  Un anno dopo la creazione di Stellantis, l'atmosfera è diventata elettrica

I prezzi alti sono un male necessario?

La domanda è sorta quandoEuropa Vuole realizzare la transizione energetica e ridurre il consumo di combustibili fossili come gas e petrolio, che emettono gas serra. Informazioni sull’Associazione per la tutela dei consumatori CLVL’incremento però non è sostenibile e gli aiuti sono insufficienti perché “per le persone con redditi inferiori a 2.000 euro al mese, alcuni destinano il 60% del Donare Spese di base, compresa l’energia.

Sì, diciamo, al contrario, alcuni esperti che sottolineano l’importanza del “segnale di prezzo” per incoraggiare la sobrietà energetica. Ritengono che un prezzo distorto dall’intervento statale porti a un consumo eccessivo, piuttosto che concentrare i sussidi sull’aiuto alla termoregolazione e alla rigenerazione.