Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I segreti della longevità del cemento romano svelati da uno studio scientifico

Una veduta aerea della piazza del Pantheon a Roma nel maggio 2022. Miracolo dell’architettura antica, il monumento è stato per secoli l’edificio con la cupola più grande del mondo. Filippo Montfort/AFP

archeologia – I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology hanno evidenziato una caratteristica sorprendente delle costruzioni romane. La loro resistenza sarà associata all’uso della calce viva.

Le rovine romane finalmente svelano i loro segreti. I ricercatori americani ed europei credono di aver scoperto il segreto della longevità Antichi edifici nell’antica RomaDagli acquedotti al Pantheon. In che modo questi capolavori architettonici hanno resistito in modo così spettacolare al tempo per quasi 2000 anni? Grazie alla capacità del cemento di ripararsi da solo, dicono ora gli esperti.

Finora la durezza del calcestruzzo romano era attribuita ad un unico componente: la pozzolana, che corrisponde alla cenere vulcanica Zona Golfo di Napoli, in Italia, che furono inviate in tutto l’Impero Romano per i grandi cantieri. Ma questa volta i ricercatori hanno concentrato la loro attenzione sulla presenza di un’altra proprietà: piccoli pezzi bianchi lucenti, provenienti dalla calce, un altro ingrediente utilizzato nella progettazione del calcestruzzo.

“Da quando ho iniziato a lavorare con il cemento romano, sono sempre stato affascinato dalla presenza di questi pezzi”.ha detto in un comunicato stampa Admir Masic, coautore Da uno studio pubblicato su Scientific Journal La scienza avanza e professore al Massachusetts Institute of Technology (MIT), USA. “Non sono presenti nel cemento moderno, quindi perché erano nel vecchio?” , chiese il ricercatore.

Gli esperti in precedenza credevano che questi piccoli pezzi fossero il risultato di una cattiva miscelazione della pastella o di materie prime di scarsa qualità. Ma esaminando il calcestruzzo utilizzando tecniche avanzate di imaging delle mura della città di Prefernum in Italia, i ricercatori hanno scoperto che questi minuscoli pezzi bianchi erano in realtà carbonato di calcio, formatosi a temperature molto elevate. Hanno concluso che la calce non era (o non solo) combinata mescolandola con acqua, come si pensava in precedenza, ma sotto forma di calce viva.

READ  Dai un'occhiata ai videogiochi di sopravvivenza più attesi nel 2023

Rifornimento di calcio

Secondo i ricercatori, cioè miscela calda Il che conferisce a questo cemento una durezza incredibile. Infatti, quando compaiono delle fessure, l’acqua piovana a contatto con il calcestruzzo produce una soluzione satura di calcio, che poi si trasforma in carbonato di calcio, permettendo di riempire le fessure.

Salvare le chiese rurali, impresa impossibile? Roslyn Bachelot solleva una nuova polemica

Per verificare questa ipotesi, il team di scienziati ha realizzato dei campioni di cemento utilizzando lo stesso processo, che hanno deliberatamente rotto e versato dell’acqua. Risultato: dopo due settimane il calcestruzzo era completamente fissato. Un altro campione prodotto senza calce viva è rimasto incrinato.

Con gli edifici moderni che crollano inesorabilmente dopo solo pochi decenni, gli scienziati del MIT sperano che la loro scoperta contribuirà a ridurre l’impatto ambientale e climatico della produzione di calcestruzzo, che genera significative emissioni di gas serra. Quindi i ricercatori sperano di commercializzare questo nuovo cemento “alla romana” con una composizione modificata.

Guarda anche – Immagini dell’antico sito di Petra, evacuato a causa delle inondazioni