Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I ricercatori avvertono di segni di imminente estinzione di massa

Le fioriture di alghe verdi e batteri tossici che vediamo oggi nei laghi e nei fiumi sono i primi segni di un’imminente estinzione di massa? Questo è ciò che temono gli scienziati, sulla base dell’estinzione di massa del tardo Permiano – la più grande nella storia del nostro pianeta – iniziata in questo modo. Le alghe e la crescita eccessiva di batteri alla fine soffocarono tutta la vita acquatica in quel momento. Un nuovo studio mette in evidenza i punti in comune tra questo grande evento che risale a più di 250 milioni di anni fa e la crisi climatica che stiamo vivendo.

Poiché è l’origine della scomparsa dei dinosauri, l’estinzione del Cretaceo-Paleogene è senza dubbio la cosa più famosa che ha sofferto il nostro pianeta. Tuttavia, non è il più mortale: l’estinzione Permiano-Triassico, avvenuta circa 252 milioni di anni fa, ha portato alla scomparsa del 95% delle specie acquatiche e del 70% dei vertebrati terrestri. Il paleontologo Douglas Irwin lo descrive come “la madre di tutte le estinzioni di massa”. Viene anche chiamata la “Grande Morte”.

Questa estinzione è stata probabilmente causata da una serie di massicce eruzioni vulcaniche, che hanno riscaldato il pianeta, inondato l’aria di gas serra e distrutto tutti gli ecosistemi vegetali. È difficile combattere gli elementi naturali… Ma questa volta, questi problemi non sono causati dalla natura stessa, ma dalle attività umane: l’uso di combustibili fossili, come la deforestazione e il degrado del suolo, aiuta la riproduzione di alghe e batteri tossici in corsi d’acqua. Quindi è teoricamente possibile che si possa agire per prevenire una nuova estinzione.

READ  Rompicapo di Carles Puigdemont, Madrid e Barcellona

Livelli di anidride carbonica che tendono ad aumentare le fioriture algali

« A differenza delle specie che hanno subito estinzioni di massa in passato, abbiamo la capacità di prevenire queste fioriture tossiche mantenendo puliti i nostri corsi d’acqua e riducendo le emissioni di gas serra. “,” Chris Messi ha confermatoUn paleontologo al Museo di Storia Naturale di Stoccolma. Lui e i suoi colleghi hanno recentemente pubblicato un nuovo studio, che mette in evidenza i punti in comune tra le condizioni che hanno portato all’estinzione del Permiano e gli effetti dell’attuale riscaldamento globale.

Secondo loro, è chiaro che tutti i segni sono in rosso e che senza un’azione da parte nostra, potremmo andare verso un’estinzione simile. Tuttavia, Maes vuole essere rassicurante: crede che siamo ancora lontani dalle concentrazioni di gas serra nell’atmosfera che hanno preceduto la Grande Morte. ” Probabilmente c’è stato un aumento di sei volte dell’anidride carbonica durante [cette extinction]Oggi, i livelli di anidride carbonica non sono raddoppiati dai tempi preindustriali “Allah dice.

Tuttavia, ci stiamo pericolosamente avvicinando, poiché i livelli di anidride carbonica nell’atmosfera continuano ad aumentare. Dal 2011, i livelli medi di anidride carbonica sono saliti a 410 parti per milione, un valore che non è mai stato così alto. Per 3 milioni di anni ! Pubblicato uno studio recente in un Rassegna annuale delle scienze della Terra e dei pianeti Suggerisce anche che le emissioni di carbonio nel ventunesimo secolo hanno il potenziale per ridurre l’anidride carbonica a livelli che non si vedevano sulla Terra da 50 milioni di anni, quando le temperature erano molto più alte di quelle attuali. Pertanto, gli attuali modelli climatici suggeriscono che se non agiamo rapidamente, raggiungeremo livelli critici di anidride carbonica, che minacceranno una grande percentuale di specie, Soprattutto pesce.

READ  L'Australia registra per la prima volta più di mille infortuni entro 24 ore

Le comunità microbiche fanno parte da tempo degli ecosistemi di acqua dolce in tutto il mondo, ma gli effetti dei cambiamenti climatici causati dall’uomo (incendi boschivi, deforestazione e perdita di suolo) combinati con eventi meteorologici estremi (cicloni, inondazioni, siccità) tendono a diffondersi ulteriormente. . Gli eventi di fioritura di alghe e batteri microscopici derivano in realtà dall’aumento delle temperature e dai flussi di nutrienti (ad esempio, dall’erosione del suolo dovuta alla deforestazione).

Preservare le foreste per prevenire l’estinzione

In breve, sono tre le componenti necessarie per lo sviluppo di alghe e batteri tossici: 1) aumento dei gas serra, 2) temperature più elevate e 3) sostanze nutritive. Alla fine del Permiano, le eruzioni vulcaniche fornirono le prime due componenti, mentre la scomparsa delle foreste fornirono nutrienti: questi ultimi, assorbiti da alberi e piante fino ad allora, si infiltrarono nel suolo dove si trovavano, e finirono per unire laghi e fiumi – il rafforzamento della riproduzione microbica, già fiorente per l’alta temperatura. ” Gli umani oggi offrono tutti e tre gli ingredienti in abbondanza Mays avverte. In altre parole, stiamo riproducendo uno schema che ha un esito disastroso.

I ricercatori fanno notare che l’intervallo di temperatura ottimale per la crescita delle alghe verdi e dei dannosi cianobatteri negli ambienti di acqua dolce è compreso tra 20 e 32 gradi Celsius. Ciò è coerente con le stime delle temperature dell’aria estive continentali sulla superficie del Gondwana orientale all’inizio del Triassico (il periodo successivo all’estinzione); Ma rientra anche nell’intervallo delle proiezioni di temperatura per l’anno 2100 alle medie latitudini.

L’analisi dei reperti fossili risalenti prima, durante e dopo l’estinzione del Permiano-Triassico ha mostrato che non solo questi affioramenti microbici trasformano gli habitat di acqua dolce in “zone morte” che possono soffocare. Altre specie – aumentando così l’intensità delle estinzioni – ma possono anche ritardare il ripristino dell’ecosistema di centinaia di migliaia di anni.

READ  Nubi di cenere e zolfo in rotta verso la Francia

Per gli autori dello studio, la chiave per evitare il peggio è mantenere il più possibile le foreste del pianeta, sia raccogliendo anidride carbonica dall’aria, ma anche limitando la quantità di nutrienti che immettono nei corsi d’acqua. ” Penso che la maggior parte degli scienziati sarebbe d’accordo sul fatto che prevenire l’incendio dei pozzi di carbonio debba essere una priorità globale se vogliamo contribuire a ridurre gli effetti a lungo termine del riscaldamento. ha detto Mays.

Fonte : Nature Communications, C.Mays et al.