Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I ricercatori affermano che il collasso della calotta glaciale non è inevitabile

In uno studio pubblicato lunedì sulla rivista Nature Communications, i ricercatori concludono che il collasso della calotta glaciale dell’Antartide occidentale, che potrebbe causare un catastrofico innalzamento del livello del mare, non è “inevitabile”.

Dall’inizio degli anni ’90, gli scienziati hanno osservato un’accelerazione dello scioglimento dei ghiacci in questa regione dell’Antartide, sotto l’influenza del cambiamento climatico indotto dall’uomo. Alcuni temono il collasso irreversibile della calotta glaciale, che continuerà indipendentemente dai futuri cambiamenti climatici.

Sarebbe quindi uno dei “punti di non ritorno” climatici che genera una catastrofica reazione a catena – in questo caso un significativo innalzamento del livello degli oceani. Ma un team di ricercatori negli Stati Uniti e Regno Unito Ho appena pubblicato uno studio che dimostra che non è ancora tutto finito.

Più lentamente

Hanno osservato lo sviluppo dell’Antartide occidentale, che ospita giganteschi ghiacciai estremamente instabili e contengono abbastanza ghiaccio da innalzare il livello del mare di 3,3 metri. Utilizzando osservazioni e dati satellitari, hanno determinato che il tasso e l’estensione dei disturbi del ghiaccio lungo la costa varia con le variazioni climatiche locali.

Pertanto, il tasso di ritiro della calotta glaciale nella vulnerabile regione del Sahel è rallentato tra il 2003 e il 2015. Questo rallentamento è stato dovuto ai cambiamenti delle temperature oceaniche, che sono stati innescati dai cambiamenti dei venti offshore.

“Il collasso della calotta glaciale non è inevitabile”, ha concluso Eric Steig, professore all’Università della California Washington per me Seattle. “Dipende da come cambierà il clima nei prossimi decenni, un cambiamento che possiamo influenzare positivamente riducendo le emissioni di gas serra”, ha sottolineato.

READ  La Nasa dévoile en avant-première une image témoignant de la profondeur de l'univers

Riduzione delle emissioni di anidride carbonica

In queste zone, i venti di solito soffiano da ovest e portano acque più calde e salate, che favoriscono lo scioglimento dei ghiacci. Ma l’intensità di questi venti è stata più debole al largo del Mare di Edmonton durante il periodo in esame, risparmiando all’iceberg parte di queste acque che lo attaccavano.

“Esiste un forte legame tra il clima e il modo in cui si comporta il ghiaccio”, ha affermato Fraser Christie dello Scott Polar Research Institute. Cambridge. “Abbiamo l’opportunità di mitigare la perdita di ghiaccio nell’Antartide occidentale, se riduciamo le nostre emissioni CO2 Ha finito.

Anders Levermann del Potsdam Institute for Climate Change Impacts Research, uno scienziato che non è stato coinvolto nello studio pubblicato lunedì, ha elogiato il metodo utilizzato sottolineando che il periodo studiato corrisponde a un “battito di ciglia” da questo momento in poi. Da un punto di vista speculare. Secondo lui, è necessario continuare a prevedere l’innalzamento del livello degli oceani “con un’ipotesi destabilizzantePolo Sud Occidentale».