Maggio 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I produttori francesi hanno difficoltà a resistere alla concorrenza cinese

I produttori francesi hanno difficoltà a resistere alla concorrenza cinese

Systovi, uno degli ultimi due produttori di pannelli in Francia, vicino a Nantes, è alla ricerca di un acquirente.

pubblicato


Tempo di lettura: 3 minuti

Paul Toulouse, amministratore delegato di Systovi da due anni e mezzo, è alla ricerca di un acquirente per la sua azienda di pannelli solari situata vicino a Nantes.  (Lorian Delanoe/Radio Francia)

fiorire PV Non aiuta tutti. Anche se i francesi installano sempre più pannelli solari sui loro tetti per produrre elettricità, pochissimi di essi vengono fabbricati in Francia.

Di fronte alla concorrenza cinese, una delle ultime due aziende ad assemblare pannelli in Francia è alla ricerca di un acquirente il più rapidamente possibile. questa compagnia Per ordinarecon sede a Carquefou, vicino a Nantes: 87 dipendenti, 15 anni di esistenza.

La linea di produzione si è fermata

Nello stabilimento della Loira Atlantica è operativa solo una linea di produzione su due. Tuttavia, le macchine profumano ancora di nuove. “Abbiamo terminato l'installazione dell'intera linea di produzione lo scorso ottobre.” spiega Paul Toulouse, amministratore delegato di Systovi da due anni e mezzo.

“Oggi produciamo tra le 300 e le 400 tavole al giorno. Purtroppo, una parte di questa produzione viene immagazzinata, perché il portafoglio ordini non è sufficiente per vendere tutta questa produzione”.

Paul Tolosa, amministratore delegato di Systovy

In Francia Informazioni

Le due linee di produzione di Systovi ora lavorano a rotazione, con due squadre che si alternano: una al mattino e una al pomeriggio.  (Lorian Delanoe/Radio Francia)

I piatti costano il doppio in Cina

Paul Toulouse spiega che il crollo degli ordini, che potrebbe essere iniziato l'estate scorsa, è dovuto alla concorrenza cinese. I produttori cinesi non avevano più accesso al mercato americano e vendevano i loro pannelli solari in Europa e in Europa “Riduci a metà il prezzo del loro dipinto.”“, spiega Paul Toulouse, che fa il suo punto.

“Oggi se sei un privato e vuoi dotare la tua casa di pannelli fotovoltaici (Nota del redattore: per il montaggio universale, oltre alla scheda stessa), Installare pannelli francesi ti costerà circa 1.000 euro in più, su una bolletta di 8.000 euro, rispetto a quelli cinesi. Ciò che rende un marchio di qualità non è più sufficiente a convincere i clienti a pagare quella differenza di prezzo.

Per limitare le perdite, Systovi ha ridotto il tasso di raccolta da gennaio. D'ora in poi le due linee produttive di Sistovy lavorano a rotazione, con due squadre che si alternano: una al mattino e l'altra al pomeriggio. Pertanto, l'amministrazione ha posto fine ai contratti temporanei. Strategia insufficiente: il management cerca quindi un acquirente entro metà aprile. L’annuncio ha sconvolto dipendenti come Yannick Vassell, 46 anni. Questo line driver si è unito al team 11 mesi fa.

Yannick Vassell, 46 anni, è un line driver Systove da 11 mesi.  (Lorian Delanoe/Radio Francia)

“Ho fatto questa scelta di produrre pannelli solari quando mi sono detto che era una formula per il futuro. La scelta di creare qualcosa in Francia che ci permettesse di sfuggire al riscaldamento globale, in modo che i pannelli solari francesi avessero un nome e una presenza. E vedere questo progetto crollare è deludente, non c'è altra parola”, “È una delusione totale”.

“Ci hanno promesso anni fa che saremmo stati protetti”.

E delusione anche per Amelie Sicard, 41 anni. Da quattro anni e mezzo il direttore degli acquisti di Sestovy ricorda i discorsi del governo sulla reindustrializzazione e sulla sovranità francese: “Quale Da anni ci viene promesso che saremo tutelati: se l’Europa e la Francia riuscissero finalmente a mettere delle barriere o comunque dell’uguaglianza di fronte a questa concorrenza sleale, questo potrebbe aiutarci.

Attualmente in tutta Europa si stanno svolgendo discussioni per modificare le normative e incoraggiare i produttori francesi ed europei. Ma queste nuove misure arriveranno “troppo tardi” per l’attuale amministrazione Sestovy. Secondo Paul Toulouse, gli effetti significativi si faranno sentire solo due anni dopo.

Il direttore generale invita Europa e Francia a sostenere le imprese locali “Ciò rende più difficile l’accesso al mercato europeo per i pannelli importati”. In modo che la Francia rimanga “Signore di trasformazione energetica”Richiede lo sviluppo di un settore più forte, sia nell’assemblaggio che nella componentistica. Perché se Systovi assembla i suoi pannelli a Carkovo, il gruppo importa fotovoltaico dalla Cina, come la stragrande maggioranza dei suoi concorrenti.

READ  Queste cinque bottiglie di Champagne offrono il miglior rapporto qualità-prezzo secondo gli esperti