Marzo 2, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I più grandi fallimenti dell’anno nella tecnologia

I più grandi fallimenti dell’anno nella tecnologia

VanMoof: Fine del rif

Fino al 2023, la categoria delle bici elettriche connesse era dominata da due referenze, Cowboy e VanMoof. Belgi e olandesi lottano da anni per affermarsi in questo settore molto apprezzato e competere con i produttori storici di biciclette. Quest'anno il duello è finito. VanMoof finì addirittura per gettare la spugna. L'azienda dietro S5 e A5, Stai affrontando enormi difficoltà finanziarieÈ fallita, lasciando nei guai molti dei suoi proprietari.

La situazione è migliorata alla fine dell'estate con l'arrivo dell'acquirente, Lavoie, filiale di McLaren Applied, che garantirà continuità di servizio ai proprietari che fanno grande affidamento sulla parte software delle loro moto.

Lira : VanMoof è sull'orlo della bancarotta

Prezzi elevati per i servizi di streaming

La vigilanza fiscale su Netflix
© Thibault Benin (Unsplash)

Netflix, Disney+, Spotify, Deezer, Apple TV+, YouTube Premium, GeForce Now… Non si contano più i servizi di streaming i cui prezzi sono aumentati nel 2023. Aumenti che si spiegano con l’aumento dei costi, ma anche con nuove sequenze di crescita compensare il rallentamento della crescita del numero degli utenti. Da questa situazione è emersa una tendenza: la crescente presenza di pubblicità all'interno degli schermi a pagamento. Anche se si tratta principalmente di abbonamenti meno costosi, rappresenta comunque un significativo guadagno finanziario per i servizi che vendono spazi pubblicitari agli inserzionisti. In queste circostanze, è difficile vedere un’inversione di tendenza, con grande insoddisfazione dei clienti.

La partenza di Obo dalla Francia

Oppo Trova X5
©OPPO

Indiscutibile serie TV del 2023 nel settore degli smartphone, il colosso Oppo, che stava per affermarsi definitivamente come quarto produttore in Francia, ha annunciato la cessazione dell'attività della sua filiale francese. La notizia non è arrivata dal nulla, poiché dalla fine del 2022 l'attività e i rilasci hanno subito un rallentamento, e il Find X6 Pro è stato presentato come bypassato per il mercato europeo. Poi le voci si sono diffuse a fine marzo 2023, nonostante le smentite del brand. Da aprile a giugno, il marchio non ha voluto ufficializzarlo. Ma tutto indicava che l'azienda era in rosso, soprattutto la situazione nei negozi non ingannava nessuno, poiché non c'era nessun venditore del marchio che lavorasse. Tuttavia, senza un fornitore, è difficile rimettere le cose in carreggiata.

La conclusione logica è arrivata nel luglio 2023: la fine dell’attività. Peccato per questo produttore che ha portato la sua quota di innovazione in un mercato che ne ha davvero bisogno. Questa è una situazione difficile da comprendere, dato che Oppo continua ad operare in Italia o Spagna, ad esempio. Ora resta la questione cruciale riguardante il marchio gemello OnePlus, le cui uscite sono diminuite. OnePlus 12 e 12R saranno lanciati ufficialmente in Europa. Dovremmo capirlo anche in Francia? È difficile dimostrarlo con certezza.

Lira : Questa è la fine dell'avventura di Oppo in Francia

Annullato il combattimento tra Elon Musk e Mark

Elon Musk compete con Mark Zuckerberg
©Anthony Quintano, Flickr

Era una delle soap opera dell'estate: il duello annunciato tra Mark Zuckerberg, capo di Meta Group, ed Elon Musk, capo di Twitter. Tutto è iniziato dopo che Zuckerberg ha annunciato la sua nuova piattaforma “Threads”. Un social network che prospera su Twitter (da allora ribattezzato “X”). Una competizione che non è piaciuta a Elon Musk, che si è affrettato ad annunciarlo pubblicamente.

READ  "Lo aspettavamo da tempo": spieghiamo perché il negozio Micromania nel centro di Nizza apre dalla mezzanotte di questo giovedì.

Una semplice battuta di un utente su Musk dovrebbe diffidare di Zuckerberg perché pratica il Jiu-Jitsu brasiliano è bastata a Proletariat X per far venire in mente l'idea di un combattimento in gabbia. È una sfida alla quale Zuckerberg ha risposto positivamente, ma alla fine non si è concretizzata. Uno scherzo tra due miliardari egoisti ha permesso a Mark Zuckerberg di ottenere alcuni punti di “bellezza” tanto necessari.

Licenziamenti nei videogiochi e nella tecnologia

Punteggio di zelda mario per nintendo
© Globale

L'anno 2023 è stato segnato da un genere di videogiochi eccezionale dal punto di vista generale e critico, con grandi successi come Porta di Baldur 3, La leggenda di Zelda: Kingdom Tears O Alan Wake 2. Ma questi grandi successi non possono nascondere una realtà meno rosea. L’anno 2023 è stato segnato da una grande ondata di licenziamenti. posizione, videogamelayoofs.comIl numero, negli elenchi, è di circa 9.000 al momento della stesura di questo articolo. Segno che i tempi sono duri per alcuni dei player storici del settore, il 2023 è anche l’anno in cui l’E3 si è ritirato definitivamente, con una sorpresa molto modesta.

Più in generale, secondo le stime del sito, dal 2022 le aziende tecnologiche nel loro insieme hanno subito una terribile ondata di sfratti. Licenziamenti. Per vostra informazione A più di 164mila nel 2022 e 260mila nel 2023

Waze e Fitbit, i giocattoli che Google non vuole più

Logo antipanico di Google
Fotografia: Pawel Czerwinski/Canva/01net

Licenziamenti, chiusure di software, interruzioni del marketing… Quest'anno Google ha cercato di risparmiare denaro. Anche se questo significa rinunciare un po', o addirittura molto, al peso di Fitbit (braccialetti connessi per salute e fitness) e Waze, l'app GPS preferita dai francesi. Per queste due aziende, che sono state inghiottite da Google nel 2021 per la prima, e nel 2013 per la seconda, era giunto il momento di riunire la squadra. Per quanto riguarda Waze, l'anno è stato più che difficile. Parte della sua forza lavoro è stata licenziata e la pubblicità è caduta interamente sotto il controllo di Google. Ciò è sufficiente per far partire il suo CEO l'estate scorsa e alimentare le voci di una fine o di una fusione completa con Google Maps… cosa che non è ancora avvenuta. Da parte di Fitbit, l'anno è stato costellato di cattive notizie: l'azienda ha subito gravi interruzioni, il software principale è stato interrotto e una riprogettazione della sua app ha causato molto malcontento. Inoltre, Google ha deciso di interrompere la commercializzazione dei suoi braccialetti in molti paesi. Solo sfortuna o un finale pianificato? I prossimi mesi lo diranno.

READ  I ricercatori affermano che il collasso della calotta glaciale non è inevitabile

Tra Portal e PSVR 2, Sony sta svuotando le tasche dei giocatori PlayStation

Portale PlayStation
©ElR-01net

Grande anno per PlayStation! Nel 2023, Sony ha aumentato il numero di nuovi prodotti hardware per rafforzare la propria posizione nel mercato delle console domestiche (50 milioni di unità vendute dal lancio di PS5 alla fine del 2020!). Certo, c'era la PS5 “Slim” che occupa (leggermente) meno spazio in salotto, ma il produttore ha rilasciato anche diversi accessori per arricchire l'ecosistema della sua console. Le loro fortune furono estremamente varie, per non dire deludenti.

A febbraio, Sony ha lanciato PSVR 2, la seconda generazione dei suoi visori per realtà virtuale. Derrière l'impressione tecnica, ci sono malfunzionamenti: il prezzo del kit (600 €) è superiore al prezzo della console della stessa stanza, le incompatibilità con il nuovo PSVR 1 (!) sono disponibili per fare riferimento alla libreria originale. E uno Allineato Non pazzo. Sony non ha forzato il suo talento, né i suoi studi hanno avuto fretta di portare nuovi giochi innovativi sulle cuffie.

Lira : Recensione Sony PlayStation VR2: un visore solido e accessibile, ma molto limitato

Durante tutto l'anno sono circolate voci secondo cui Sony avrebbe rilanciato il suo segmento di console portatili. Purtroppo per i fan di PS Vita e PSP, non è proprio così: PlayStation Portal è certamente portatile, ma non è una console autonoma. Questo tablet racchiuso nelle due metà di un controller DualSense è solo un accessorio da € 200 per la riproduzione remota sulla tua PS5. L'idea in sé non è male, ma la riproduzione remota fa la stessa cosa gratuitamente su uno smartphone…

Lira : Recensione PlayStation Portal: troppo costoso per un semplice accessorio

Sony ha anche lanciato una nuova cuffia Pulse Elite e un paio di auricolari Pulse Explore. A priori, i prodotti più interessanti si rivolgono principalmente ai giocatori PlayStation, anche se possono essere utilizzati su altre piattaforme.

Tentativo di rovesciare Sam Altman

Sam Altman, amministratore delegato di Openai
©X/Sam Altman

Una situazione senza precedenti nel mondo della tecnologia il 17 novembre a OpenAI. Con la cacciata e poi il ritorno di Sam Altman come amministratore delegato, l’intelligenza artificiale ha dimostrato di essere un argomento controverso, anche tra coloro che la pensano e la sviluppano. I fondatori della società dietro ChatGPT hanno espresso la loro disapprovazione per il voto che ha avuto il sorprendente effetto di estromettere Sam Altman. Le “divisioni” emerse hanno separato i membri più pessimisti dell’amministrazione, che invocavano maggiori tutele, dagli ottimisti, che vogliono accelerare i progetti, in particolare l’intelligenza artificiale generalizzata (AGI).

READ  La Terra brilla sempre meno, il che non è una buona notizia - Ouest-France Evening Edition

Alla fine della settimana successiva, l'annuncio prevedeva una serie di incontri e trattative. Da un giorno all'altro, Sam Altman è passato dall'essere amministratore delegato a semplice visitatore della sua stessa azienda. Allo stesso tempo, è stata l’occasione per vedere il presidente di Microsoft Satya Nadella fornirgli supporto strategico per cercare di riportarlo nei ranghi. Tutto ha portato a un ritorno alla normalità in OpenAI, in gran parte motivato da 550 dei 770 dipendenti della startup che hanno minacciato di licenziarsi se il loro capo non fosse tornato. Un episodio che la dice lunga sul potere imperiale dei membri del consiglio di OpenAI, insieme al loro scetticismo sugli effetti dannosi dell'IA.

Lira: Riepilogo completo dello sviluppo di OpenAI

Google sta fingendo una demo della sua nuova intelligenza artificiale Gemini

Con la popolarità di ChatGPT, è difficile trovare un posto dove promuovere un nuovo modello di intelligenza artificiale contro OpenAI. Meglio allora scommettere sugli effetti della pubblicità. Il 6 dicembre, Google ha colto l'attimo presentando un video dimostrativo del suo nuovo modello di intelligenza artificiale chiamato Gemini. Ma la tentazione era troppo forte per fare notizia. La fluidità e la velocità delle risposte della macchina non erano reali, poiché il modello dietro l'assistente di Bard era lì “Riduce il suo tempo e accorcia le sue risposte per amore di brevità.”Mountain View si arrese a dire.

Dalla demo alla vera scena fake, Google ha ammesso che le richieste non erano vocali, ma testuali. L'aspetto normale della discussione era solo una facciata. Si tratterà inoltre di una versione non disponibile del modello che sarebbe stato utilizzato, chiamata “Gemini Ultra”, e non della versione classica di Gemini 1.0, qualunque sia quella inclusa nel trailer. Ciò non basta per aggiungere fiducia in un settore che oscilla tra le grandi rivoluzioni tecnologiche e il fascino dei media che porta a false promesse.

Lira: Google ammette di aver falsificato la demo dell'intelligenza artificiale di Gemini

Bose sta seppellendo i suoi occhiali connessi tramite Bluetooth

Dopo cinque anni di marketing, Bose ha deciso di tracciare una linea definitiva sotto i suoi occhiali audio connessi, i Frames. Gli occhiali, introdotti a fine 2018, permettono di ascoltare la musica utilizzando le cuffie posizionate nelle aste. Le montature scompariranno gradualmente dai negozi Bose nelle prossime settimane.
Mentre il mercato degli occhiali connessi tende ad evolversi, Bose ha deciso di rinunciarvi, dopo la morte della realtà aumentata audio tre anni fa.

Lira : Il nostro test degli pneumatici Bose