Febbraio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I francesi frequentano meno bar e ristoranti…tranne i giovani urbani

I francesi frequentano meno bar e ristoranti…tranne i giovani urbani

Secondo uno studio, a settembre il 36% degli intervistati ha frequentato bar e ristoranti meno del solito. L’alto costo della vita è il primo motivo.

Qualche birra sui tavoli. A fronte dell’inflazione, i francesi frequentano leggermente meno bar e ristoranti, suggerisce l’ultimo studio mensile sui consumi fuori casa condotto da CGA e dal panelist NielsenIQ.

Più di un terzo (36%) degli intervistati ha dichiarato di aver frequentato bar e ristoranti meno spesso del solito nel mese di settembre, una cifra superiore di 8 punti rispetto ad agosto. Al contrario, il 25% degli intervistati ha affermato di averli visitati più del solito, questa volta in calo di 8 punti.

Se chiediamo chi ha ridotto la frequenza di frequentare bar e ristoranti, è soprattutto l’alto costo della vita (68%) a giustificare questo malcontento, visti i prezzi elevati di cibo e bevande (46%) . ), basso reddito disponibile (34%) o decisioni di budget a favore di altre spese (27%). Le spiegazioni stagionali come la fine dell’estate (9%) o il tempo (7%) arrivano molto più tardi. Chi frequenta di più bar e ristoranti dichiara di volere soprattutto divertirsi (43%).

Spendere di meno

Sulla bolletta pesa anche l’inflazione. Un intervistato su tre (34%) afferma di aver speso meno denaro del solito nei bar e nei ristoranti nel mese di settembre. Se il monitoraggio delle spese (74%) e il risparmio di denaro (48%) sono le prime ragioni addotte, questo budget inferiore può essere spiegato anche con decisioni di budget: una parte significativa degli interessati conferma di consumare meno bevande quando escono (32 %). Scelgono anche cibi (31%) e bevande (25%) economici o saltano gli “extra” come antipasti o dessert (25%).

READ  Prezzi della benzina: perché il carburante è ancora così caro in Francia mentre sta diminuendo ovunque in Europa?

Al contrario, il 22% degli intervistati ha affermato di aver aumentato la spesa per bar e ristoranti, ma anche in questo caso si tratta principalmente di inflazione. Coloro che spendono più del solito citano prezzi più alti per il cibo (54%) o le bevande (50%), più del desiderio di coccolarsi (30%). Inoltre, il 44% dei partecipanti al sondaggio afferma di non aver modificato l’importo della propria spesa, il che potrebbe imporre alcuni compromessi, in un periodo inflazionistico che vede aumentare i prezzi di bevande e cibo.

Centro città e zona rurale

Ma questi numeri generali nascondono enormi discrepanze. Sono i consumatori più anziani che vivono nelle aree rurali o periurbane ad abbandonare bar e ristoranti, a differenza dei residenti urbani più giovani, conferma lo studio CGA/NielsenIQ. Pertanto, il 51% dei giovani tra i 16 e i 34 anni afferma di aver aumentato le visite a bar e ristoranti nel mese di settembre, rispetto solo al 21% degli over 55. Al contrario, il 49% degli over 55 dichiara di aver ridotto la propria frequenza, rispetto solo al 21% dei 16-34 anni.

Inoltre, tra le persone che hanno aumentato la frequentazione di bar e ristoranti, il 69% vive in centro o in una grande città e solo il 31% vive in zone rurali o semiurbane. Tra le persone che hanno ridotto la propria frequenza, solo il 45% vive in centro o in una grande città, mentre il 55% vive in zone rurali o semiurbane.

Jeremy Bruno Giornalista di BFMTV

Articoli più importanti