Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I cacatua prevedono di utilizzare strumenti

I cacatua prevedono di utilizzare strumenti

L’uso di strumenti non è una prerogativaUn uomo saggio. Le lontre marine, ad esempio, sono abituate a usare grosse pietre come martelli o incudini per aprire i gusci, e gli elefanti usano ramoscelli per raschiare via i parassiti o graffiarsi. I corvi della Nuova Caledonia potano persino i ramoscelli sottili per creare ami diversi per le larve che vogliono catturare. Raramente, alcuni animali combinano diversi strumenti per eseguire compiti più complessi. In questa categoria i campioni sono gli scimpanzé e… il cacatua di Goffin. Questi uccelli, endemici delle isole Tanimbar, in Indonesia, sono in grado di fabbricare tre strumenti complementari, che utilizzano in successione per accedere ai semi dei frutti locali. Antonio Osuna-Mascaro dell’Università di Vienna, in Austria, e i suoi colleghi hanno cercato di capire come questi uccelli si avvicinano all’idea di un toolkit. Il cacatua di Guffin considera questi strumenti come una raccolta finalizzata alla soluzione di un unico problema, oppure li utilizza successivamente come soluzione di tre sottoproblemi da risolvere uno dopo l’altro?

Storicamente, questa domanda è già sorta sugli scimpanzé. In alcune regioni dell’Africa, a nord del Congo, ad esempio, queste grandi scimmie combinano due strumenti di legno per cacciare le termiti. Il primo, corto e rigido, serve per aprire un foro nel termitaio e il secondo, lungo e flessibile, viene inserito nel foro per “catturare” gli insetti. Quando porta i suoi attrezzi, lo scimpanzé li porta entrambi contemporaneamente, ma non le interessa il ramo corto e duro se il termitaio è già perforato. Per la comunità scientifica, questo adattamento del comportamento è la prova che gli scimpanzé pianificano in anticipo di utilizzare questi strumenti e che due pezzi di legno non sono risposte improvvisate di fila quando iniziano a raccoglierli.

READ  L'influenza inizia a minacciare in Francia

Antonio Osuna-Mascaro ei suoi colleghi hanno immaginato un esperimento di laboratorio con pappagalli guffin ispirato agli scimpanzé a caccia di termiti. Mettono un seme che i cacatua adorano in una scatola trasparente con un unico foro di rete. Tuttavia, la ricompensa era separata dall’apertura da una sottile pellicola di carta. I ricercatori hanno fornito agli uccelli un bastone corto, rigido e appuntito e una cannuccia più lunga ma flessibile tagliata a metà nel senso della lunghezza. Per raggiungere la leccornia, l’unica soluzione degli uccelli era perforare la membrana con un bastoncino, quindi inserire la paglia nel foro per raggiungere il seme e farlo cadere, il tutto manipolando gli strumenti con il becco e la lingua.

Dei dieci cacatua che hanno partecipato all’esperimento, sette sono riusciti a far cadere il seme da soli e sei hanno superato il criterio di successo stabilito per il test, ovvero nove successi consecutivi. Due persone l’hanno persino capito risolvendo il problema al primo tentativo in meno di 35 secondi.

Dopo la fase di addestramento, cinque cacatua hanno partecipato a un’ultima prova. Gli uccelli erano sulla tavola, con metà della paglia e il bastone. Tuttavia, questa volta non è stato possibile raggiungere direttamente il petto. Per raggiungerlo, gli uccelli hanno dovuto volare per un breve tratto e trasportare gli attrezzi. La seconda differenza: la membrana che blocca l’accesso al seme non era sempre presente nella cassetta, quindi i cacatua non sempre avevano bisogno di usare il bastoncino appuntito.

Tre dei cinque pappagalli osservati spontaneamente e regolarmente avevano l’abitudine di tenere contemporaneamente nel becco i due attrezzi, il bastone incastrato nella paglia. Uno, chiamato Figaro, portava sistematicamente entrambi gli strumenti, ma gli altri due, Fini e Kiwi, mostravano un adattamento contestuale. Il kiwi, in particolare, ha tenuto entrambi gli strumenti 17 volte su 17 quando la membrana era presente, ma ha bloccato il bastoncino 5 volte su 16 quando non lo era. Secondo i ricercatori, il comportamento particolare di questo individuo sarà il risultato della ricerca del minimo sforzo. Poiché il bastone non è molto pesante, era mentalmente difficile per lui distinguere i casi in cui aveva bisogno solo di uno o due strumenti.

READ  Il latte d'avena fa male alla salute? Gli esperti avvertono degli svantaggi di questa bevanda moderna

Questi risultati evidenziano la capacità dei cacatua di sviluppare spontaneamente una risposta appropriata a un nuovo problema. Sebbene questi uccelli non siano mai esposti a questo tipo di disagio nel loro habitat naturale, la maggior parte ha trovato una soluzione al problema senza aiuto e senza mimetismo sociale. Inoltre, ogni uccello utilizzava un metodo leggermente diverso dagli altri. Ad esempio, nella fase finale dell’esperimento, Fini e Kiwi reggevano ciascuno gli strumenti e poi lasciavano cadere delle cannucce sul trespolo per un uso successivo. Nel frattempo, Figaro teneva la cannuccia trattenuta nella zampa destra mentre perforava la membrana, in equilibrio sul palmo della mano sinistra.

Strumenti Cacatua Goffin

Una serie di immagini del Cacatua di Figaro in volo con i due attrezzi necessari per riscuotere la ricompensa.

© Tomás Suchanik

Ma le implicazioni di questo lavoro sono più profonde. Simile agli scimpanzé, il comportamento dei cacatua di Goffin rivela la loro capacità di pianificare e selezionare, in anticipo, una serie di strumenti necessari per completare un compito futuro. Come spieghiamo tali punti in comune tra scimpanzé e cacatua, così distanti a livello filogenetico? chiede Emmanuelle Pouydebat, direttore della ricerca al CNRS. “Sarebbe entusiasmante condurre uno studio comparativo più ampio a livello di più specie per vedere se altre specie possono avere successo in compiti così complessi e, in tal caso, come e perché”.

I cacatua prevedono di utilizzare strumenti

Scarica una versione PDF di questo articolo

(solo per abbonati digitali)